Come i re della Nigeria hanno perso il loro potere

Emir SanusiCopyright dell’immagine
Getty Images

Dagli emiri ai re, i leader tradizionali della Nigeria sono sempre più umiliati dai politici – e derisi dai giovani che li vedono come rappresentanti di un’istituzione arcaica.

L’esempio più recente è il brutale detronizzazione dell’emiro di Kano, Muhammad Sanusi II.

Il governatore dello stato ha invocato i suoi poteri costituzionali per deporre l’emiro dopo averlo accusato di “insubordinazione”.

Nessuno conosce il numero di monarchi nella Nigeria multietnica, ma sembra che ci sia una decisione su ogni centimetro di terra, che spesso li mette in contrasto con politici che hanno autorità costituzionale.

I leader tradizionali della Nigeria mantengono un’enorme influenza in molte parti del paese, ma i recenti eventi hanno portato alcuni giovani a mettere in discussione il ruolo della monarchia nel 21 ° secolo.

Sanusi è il caso più pubblicizzato in diversi casi negli ultimi cinque mesi in cui i politici hanno messo in pericolo pubblicamente i monarchi o le azioni di alcuni leader tradizionali hanno portato le persone a chiedersi se fossero rilevanti.

Esilio coloniale

Sanusi è stato licenziato per “totale mancanza di rispetto” per le istituzioni e l’ufficio del governatore, ha detto il governo.

Ma in verità, il suo licenziamento è stato il culmine di una lunga lotta con il governatore dello stato di Kano, Umar Ganduje, una figura potente nel partito al potere, il governo progressista della Nigeria (APC).

Muhammad Sanusi II

Getty

Muhammad Sanusi II

Emir deposto di Kano

  • 1961nato nella famiglia reale di Peul

  • 2009divenne governatore della Banca centrale della Nigeria

  • 2011nominato nell’elenco influente della rivista TIME

  • 2013ha ricevuto un premio per la promozione del settore bancario islamico in Nigeria

  • 2014licenziato per presunti mancati $ 20 miliardi (£ 12 miliardi) di entrate

  • 2014divenne il 14 ° emiro di Kano

Fonte: BBC

I parenti sostengono che l’emiro si aspettasse la sua espulsione ma non la sua espulsione nello stato vicino di Nasarawa, che i suoi avvocati descrissero come una “pratica arcaica” dell’era coloniale.

Dopo aver ottenuto una decisione del tribunale, è stato rilasciato, ma i termini della sua rimozione e successiva detenzione hanno mostrato il vero equilibrio di potere tra politici e leader tradizionali.

“Non c’è modo di conciliare il raduno feudale della parentela tradizionale con l’applicazione di una moderna costituzione repubblicana”, ha dichiarato il dott. Jare Oladosun, professore associato di storia all’Università Obafemi Awolowo in Nigeria.

Ha detto che era una contraddizione insormontabile e promuove la demolizione della monarchia.

“Non puoi avere entrambi, solo uno”, ha detto.

Per molti, il licenziamento di Sanusi ha confermato ciò che sospettavano da molto tempo: che i monarchi del paese siano solo teste simboliche prive di potere reale.

Non scuotere la testa quando parla il governatore

La costituzione della Nigeria non ha alcun ruolo per i leader tradizionali, ma sono ampiamente rispettati come custodi della religione e della cultura.

E questo può essere visto come una forma di potere.

Copyright dell’immagine
Getty Images

leggenda

Diversi miti sull’oba in Benin dicono che la magia la rende indistruttibile

Olutayo Adeshina, professore di storia all’Università di Lagos, ha affermato che impegnandosi a rispettare la cultura “proteggendo, preservando e promuovendo i valori tradizionali”, la costituzione nigeriana riconosce l’importante ruolo dei leader tradizionali .

“I leader tradizionali hanno un potere latente di cui i politici hanno paura, il che crea tensione tra i due.

“Se non fossero rilevanti, i politici li ignorerebbero. Ma tu li ignorerai a tuo rischio e pericolo”, ha detto.

Ma chiunque abbia guardato un video ampiamente condiviso sui social media a gennaio si chiederebbe se i politici abbiano ancora molto rispetto per i leader tradizionali.

Un re nello stato meridionale di Rivers è stato pubblicamente ridicolizzato per aver scosso la testa mentre parlava il governatore Nyesom Wike.

Il governatore strappò il re mortificato a una riunione di leader tradizionali, provocando risate da quelli nella stanza.

“Solo tu [go] e indossare qualcosa di più grande di te … per violare il protocollo. ”

Il governatore rise dell’abito tradizionale del monarca e dell’elaborata corona.

Re litigiosi

Nella stessa settimana in cui Emir Sanusi fu restituito a Kano, i leader tradizionali nel sud-ovest dello stato di Ekiti furono coinvolti in uno scontro con il governatore dopo aver nominato un oba (re Yoruba) per capo del consiglio tradizionale.

Un gruppo di 16 obas locali era insoddisfatto delle “interferenze” e si ritirò dall’ufficio statale, estraendo una dura lettera dal governatore che li accusava di insubordinazione.

Nel novembre 2019, la Corte Suprema della Nigeria ha detronizzato un altro oba nello stato di Oyo, dichiarando illegale il processo della sua ascensione al trono.

Samuel Adebayo-Adegbola, che era l’Eruuwa di Eruwa, aveva trascorso 21 anni sul trono prima di essere costretto a dimettersi per non essere membro di una delle due case dominanti della città la cui il turno fu quello di produrre un successore nel 1994.

Il trono rimane vacante.

Copyright dell’immagine
Getty Images

leggenda

L’Alafin di Oyo, Oba Adeyemi III è un capo tradizionale rispettato nella Nigeria sudoccidentale

Ma non sono sempre i politici a denigrare la monarchia in Nigeria: anche le azioni di alcuni leader tradizionali li hanno onorati.

A febbraio, gli Oluwo di Iwoland, Abdulrasheed Akanbi, un oba sgargiante e controverso nello stato sudoccidentale di Osun, hanno combattuto pubblicamente con un altro monarca, Dhikrulahi Akinropo, Agbowu di Ogbaagbaa.

Gli spiriti sono esplosi in una riunione per risolvere una disputa sulla terra e Oba Akanbi sta attualmente scontando una sospensione di sei mesi per il suo ruolo nell’alterco.

“Tendenza tradizionale”

Ma alcuni monarchi sono determinati a rimanere pertinenti.

La pagina Instagram di Oba Akanbi è un album di immagini molto colorate e in un articolo parla di “21st Century Kings”.

“Pensi che i re non possano” scambiare “!! I re del 21 ° secolo come me ti sorprenderanno !!! Ti sei sbagliato a pensare che i re sono solo vecchi stracci, tristi, non sanno ballare, lavorare con il voodoo, spaventoso, non può divertirsi e solo noioso !!! “ha pubblicato.

Ma una tale “tendenza tradizionale” non si fece strada tra i giovani e molti approfittarono della caduta dell’emiro a Kano per criticare la monarchia.

“I re che non hanno autorità, nessun esercito, che non combattono, non si assumono alcuna responsabilità per lo sviluppo o la prosperità del loro dominio.

“Eppure indulgiamo in questa pietosa fantasia che sono i più potenti come i re che hanno fatto tutto questo e altro in quel momento. Troppo divertente”, ha detto questo utente.

Questo utente vuole che siano “completamente smontati”:

Potrebbe piacerti anche:

La monarchia decrescente della Nigeria

I monarchi della Nigeria, dagli stati costieri meridionali ai cavalieri settentrionali, erano un tempo onnipotenti.

Un oba yoruba poteva evocare qualsiasi donna, giovane o sposata, e pronunciare sua moglie, mentre i re della Nigeria orientale avevano il primo assaggio del nuovo igname prima che i loro sudditi potessero mangiare i loro raccolti.

Tra il XIV e il XIX secolo, questi monarchi si occuparono dei portoghesi e degli inglesi, commerciarono in schiavi, olio di palma, arachidi e condussero il loro popolo alla guerra.

Ma uno ad uno, questi regni furono schiacciati dagli inglesi mentre le diverse nazioni che compongono l’attuale Nigeria furono riunite per essere governate come un unico territorio dal 1914.

Le responsabilità precedentemente assunte dai capi tradizionali sono state trasferite agli amministratori indigeni nominati dal governo coloniale.

Copyright dell’immagine
Getty Images

leggenda

Due dei capi tradizionali più venerati della Nigeria, l’Ooni di Ife (al centro a sinistra) e il Sultano di Sokoto (al centro a destra) durante una cerimonia ufficiale

Alcuni monarchi svolgono ancora utili funzioni religiose, tra cui la risoluzione delle questioni relative alla terra, le controversie minori sul dominio principale e altre questioni non troppo serie.

Inoltre esercitano una notevole influenza sugli elettori locali e i politici diventano improvvisamente amichevoli con loro durante le elezioni.

“In realtà è un segno di progresso culturale lasciare dietro di sé alcune cose e abbandonare il bagaglio in eccesso di un’istituzione arcaica che è sopravvissuta alla sua utilità”, ha dichiarato Oladosun.

Ha sostenuto che l’influenza dei capi tradizionali nella base è dovuta al fatto che “li abbiamo mantenuti”.

Senza alcun supporto costituzionale, i monarchi della Nigeria che desiderano rimanere sul trono devono padroneggiare l’arte di stare alla larga dai politici che controllano il potere.

“L’intelligenza indigena è ciò di cui i leader tradizionali hanno bisogno, li aiuterebbe a capire quando parlare e quando tacere e generalmente impedire loro di mettersi nei guai”, ha detto Adesina.

La maggior parte dei monarchi nel nord della Nigeria hanno turbanti che si coprono la bocca – forse un’indicazione che l’abilità di sopravvivere deve essere vista piuttosto che ascoltata.

Ma era qualcosa che il signor Sanusi, apertamente, non avrebbe mai potuto fare.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *