Coronavirus: almeno 23 morti in rivolta nella prigione colombiana

Una guardia nella prigione di La Modelo a BogotàCopyright dell’immagine
EPA

leggenda

Le carceri in tutto il paese organizzano proteste contro servizi sanitari poveri e sovraffollamento

Almeno 23 persone sono morte in una delle prigioni più grandi di Bogotà dopo che i prigionieri hanno cercato di scappare in mezzo alle crescenti tensioni sul coronavirus.

La ministro della Giustizia colombiana Margarita Cabello ha dichiarato che 83 detenuti sono rimasti feriti durante la rivolta nel carcere di La Modelo.

Il tentativo di fuga di domenica arriva mentre i detenuti in tutto il paese organizzano proteste contro il sovraffollamento e i poveri servizi sanitari durante l’epidemia di coronavirus.

Il ministero della Giustizia sta indagando.

Cabello ha detto che 32 prigionieri e sette guardie erano all’ospedale. Due guardie sono in condizioni critiche.

Ha detto che la violenza era un piano coordinato con i disordini denunciati in 13 carceri del paese.

Copyright dell’immagine
Reuters

leggenda

Più di 23 persone sono state uccise e 83 detenuti sono rimasti feriti nella prigione di La Modelo

Negando le accuse di condizioni antigieniche in mezzo ai timori di una fuga di coronavirus, ha detto: “Non ci sono preoccupazioni per la salute che avrebbero causato questo piano e le rivolte.

“Non esiste una singola infezione o prigioniero, carcere o membro del personale amministrativo che ha un coronavirus.”

Un gran numero di parenti si è radunato fuori dalle porte del carcere di La Modelo per attendere notizie dei loro parenti. Dissero di aver sentito parlare di spari sparati dopo l’arrivo delle forze di sicurezza.

I video pubblicati sui social network mostrano i detenuti che danno fuoco ai materassi.

Le 132 prigioni del paese hanno una capacità di 81.000 detenuti ma ospitano più di 121.000 detenuti, secondo i dati del Ministero della Giustizia.

Finora, ci sono stati 231 casi confermati di coronavirus in Colombia e due persone sono morte.

Il paese dovrebbe iniziare una quarantena nazionale da martedì, che dovrebbe durare 19 giorni. Limiterà il movimento dei residenti ad eccezione del personale medico, delle forze di sicurezza e del personale delle farmacie e dei supermercati.

Alle persone con più di 70 anni è stato chiesto di rimanere in casa fino alla fine di maggio.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *