Coronavirus: BT ha “molta capacità” nonostante i cali di qualità di Netflix

Utilizzo di InternetCopyright dell’immagine
Getty Images

BT afferma che la sua infrastruttura a banda larga ha molto “spazio” per soddisfare la crescente domanda poiché sempre più persone rimangono a casa a causa del coronavirus.

La società ha dichiarato che da martedì l’utilizzo dei dati sulla sua rete è aumentato dal 35 al 60 percento.

Netflix ha detto giovedì che ridurrebbe la qualità delle immagini dei film in Europa per ridurre l’utilizzo dei dati.

Ma BT ha affermato che l’utilizzo diurno e serale è ancora molto al di sotto dei livelli più alti mai registrati.

In una dichiarazione, BT ha dichiarato: “Il carico aggiuntivo … rientra nei limiti gestibili e abbiamo molto spazio per continuare a crescere”.

Il più alto tasso di traffico mai registrato da BT sulla propria rete è di 17,5 terabit al secondo (Tbit / s), durante una serata in cui vi era una forte domanda di download di videogiochi e streaming da calcio.

Con una velocità dati di 1 Tbit / s, vengono scaricati 125 gigabyte (GB) ogni secondo, l’equivalente di circa 55 film ad alta definizione.

In confronto, l’utilizzo diurno medio sulla rete di BT questa settimana è stato di 7,5 Tbit / s – ben al di sotto del picco più alto che la società ha affermato di poter gestire.

Durante l’analisi dei suoi dati, BT ha dichiarato di aver scoperto che:

  • l’uso di Internet mobile è diminuito del 5% sulle sue reti perché le persone restano a casa e usano la rete Wi-Fi
  • L’utilizzo dei dati ha raggiunto il picco alle 17:00 GMT ogni giorno questa settimana, orario della conferenza stampa del coronavirus quotidiano del Primo Ministro Boris Johnson

Tuttavia, ha avvertito che le chiamate vocali dai telefoni cellulari potrebbero essere influenzate dall’aumento della domanda.

Ha dichiarato che l’uso corrente è “buono ai livelli che la rete è progettata per gestire”, ma ha incoraggiato i clienti a utilizzare un telefono fisso se ne hanno uno, o servizi di chiamata vocale su Internet come Skype, WhatsApp o Zoom invece.

Film in streaming

Netflix ha detto giovedì che ridurrebbe il bit rate dei film in Europa, riducendo il consumo di dati di circa il 25%.

La società ha dichiarato di essere in risposta alle “straordinarie sfide sollevate dal coronavirus”.

Numerosi fattori influenzano la quantità di dati utilizzati durante lo streaming di un film online.

Uno di questi è la risoluzione video, incluso se un video è in alta definizione (HD) o in 4K ad altissima definizione.

Un altro è il bitrate, che influenza l’aspetto di video chiari e fluidi quando trasmessi online

I video con bit rate più alti tendono ad apparire meno “bloccati” o pixel, ma utilizzano più dati.

Di questi due, Netflix afferma che ridurrà le sue velocità di streaming.

Con tutte le altre persone che lavorano da casa, l’uso diurno è aumentato solo della metà, ha detto, da 5 a 7,5 tbps.

“Ho visto una serie di articoli mediatici riflettere la comprensibile preoccupazione che le nostre reti potrebbero non essere in grado di gestire il traffico aggiuntivo da milioni di lavoratori a domicilio”, ha dichiarato Howard Watson, Chief Technology Officer di BT.

“Tuttavia, l’infrastruttura di comunicazione nel Regno Unito rientra ampiamente nei limiti di capacità e offre un notevole margine di manovra per la crescita della domanda.”

Avatar

Elario Necci

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *