Coronavirus: i giganti sociali controllano il web con l’intelligenza artificiale mentre il personale viene mandato a casa

Editor di contenuti a Essen, GermaniaCopyright dell’immagine
Facebook

leggenda

I moderatori dei contenuti di Facebook sono stati mandati a casa per il prossimo futuro

I principali siti Web si stanno rivolgendo a sistemi automatizzati per moderare i contenuti dicendo al loro personale di lavorare da casa.

YouTube, Twitter e Facebook si affidano tutti all’intelligenza artificiale e agli strumenti automatizzati per trovare materiale problematico sulle loro piattaforme.

I giganti della tecnologia ammettono che può portare a errori, ma dicono che dovrebbero sempre rimuovere i contenuti dannosi.

La paura del coronavirus ha portato a un’ondata di disinformazione medica sul web.

Google, proprietario di YouTube, ha dichiarato che le richieste di contenuti eliminati erroneamente potrebbero richiedere più tempo in base alle nuove misure.

Twitter, nel frattempo, ha promesso che nessun account sospeso da software automatizzato sarà definitivamente vietato senza controllo umano.

Errori del computer

Le operazioni di revisione dei contenuti per Facebook, Twitter e Google sono distribuite in tutto il mondo, tra cui Stati Uniti, India e Spagna.

Tutti questi paesi hanno affermato che i dipendenti dovrebbero lavorare da casa, ma passare dalla revisione dei contenuti al lavoro remoto è complicato.

Facebook ha inviato a casa tutti i suoi revisori dei contenuti fino a nuovo avviso e dice che li paga in quel periodo.

In un post sul blog, Facebook ha dichiarato: “Con un minor numero di persone disponibili per l’esame umano, continueremo a dare la priorità ai danni imminenti e ad aumentare il nostro uso di rilevamenti proattivi in ​​altre aree”.

Twitter ha affermato che aumenterebbe l’uso dell’apprendimento automatico e dell’automazione, ma ha riconosciuto che a volte “potrebbero mancare il contesto che i nostri team portano, il che potrebbe portarci a fare errori”.

Di conseguenza, ha detto che non avrebbe vietato permanentemente alcun account basato esclusivamente su sistemi automatizzati.

E quasi a tutti i dipendenti a tempo pieno di Google in tutto il mondo è stato ordinato di lavorare da casa a causa della pandemia di coronavirus.

“Significa che i sistemi automatizzati inizieranno a rimuovere i contenuti senza controllo umano”, YouTube ha detto in un blog.

“In tal modo, gli utenti e i creatori possono vedere un aumento delle eliminazioni dei video, inclusi alcuni video non violativi.

“Le nostre precauzioni sul lavoro causeranno anche ritardi nella revisione dei ricorsi”.

Ha aggiunto che sarebbe anche più attento ai contenuti promossi, comprese le trasmissioni in diretta.

Ciò accade in un momento in cui viene chiesto ai giganti della tecnologia di accelerare la rimozione della disinformazione sui coronavirus sulle loro piattaforme.

Il Comitato digitale, culturale, mediatico e sportivo del Regno Unito ha chiesto al governo di spiegare perché ci fossero voluti due mesi per costituire un’unità per combattere la diffusione della disinformazione sul virus.

I deputati hanno espresso preoccupazione per il fatto che false storie sul coronavirus potrebbero minare gli sforzi per affrontare la crisi.

Avatar

Elario Necci

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *