Coronavirus: quando i genitori anziani vogliono continuare a socializzare

Gli anziani condividono un momento intimoCopyright dell’immagine
Alamy

Molte persone hanno genitori, nonni o vicini di casa anziani che sono tra gli anziani demografici che sono i più gravemente colpiti dal coronavirus. Ma cosa succede se preferiscono ignorare i rischi e non vogliono restare?

Karen Swallow Prior, un’adolescente nello stato rurale americano del Maine, usciva di notte per vedere le sue amiche. Now Prior, un’insegnante di inglese, sta cercando di assicurarsi che i suoi genitori, entrambi sulla quarantina, non stiano cercando di scappare e arrivare in città da soli.

L’ironia non è persa per Prior, 55 anni, che vive accanto a sua madre e suo padre ad Amherst, in Virginia. Come molti altri che hanno genitori anziani, fa del suo meglio per proteggerli dai coronavirus, anche quando sembrano scettici sui pericoli.

Le persone di tutte le età possono essere infettate dal virus. Ma è particolarmente pericoloso per gli anziani. Meno dell’1% dei pazienti di età inferiore ai 50 anni è deceduto per coronavirus in Cina, secondo il New York Times. Ma è stato fatale per quasi il 15% di coloro che avevano più di 80 anni.

Eppure molti adulti più anziani negli Stati Uniti sembrano in qualche modo stanchi della malattia. La maggior parte delle persone di età superiore ai 60 anni afferma di non aver paura di morire, secondo un sondaggio di Harris.

Prior dice che sua madre sembrava un po ‘disinvolta riguardo alla malattia, dicendo che non ha mai avuto l’influenza. Quindi Prior ha avuto “la conversazione”, come dice lei, con sua madre e suo padre diversi giorni fa. Raccontò loro del pericolo del virus e spiegò le raccomandazioni degli esperti di salute e di coloro che sono specializzati in malattie infettive: gli anziani dovrebbero rimanere a casa.

I genitori del priore hanno affermato di aver compreso i rischi e di stare attenti. Più tardi, tuttavia, il marito di Prior gli disse che aveva visto i suoi genitori dirigersi verso la città.

“Quindi stavo guardando fuori dalla finestra per vedere se fossero tornati”, ha detto Prior. “I cani abbaiavano.” Erano tutti ansiosi. Quando i suoi genitori sono tornati, ha spiegato di nuovo i rischi e hanno promesso di non muoversi.

Copyright dell’immagine
Karen Swallow Prior

leggenda

Karen Swallow Prior (a destra) cerca di impedire a sua madre e suo papà di uscire di nascosto per incontrare amici

Questa conversazione che Prior ha avuto con i suoi genitori è ripetuta in tutto il mondo dagli adulti che fanno del loro meglio per convincere i loro cari a isolarsi e ad adottare altre precauzioni contro la malattia.

Anche i viaggi di routine al negozio, le visite con gli amici o l’incontro con un commercialista, come facevano i genitori del priore quando erano in città, aumentano il rischio di infezione.

Sarah Marshall, una conduttrice di podcast di 31 anni, afferma di aver cercato di proteggere i suoi genitori il più possibile. Di recente ha visitato sua madre vicino a Portland e con riluttanza ha accettato di portarla in viaggio con lei in un negozio di alimentari.

Si è scoperto che il posto era pieno di clienti in preda al panico e Marshall avrebbe voluto che sua madre di 71 anni non fosse venuta.

“Siamo tornati a casa e le abbiamo urlato come se lei mi avesse urlato quando ero un bambino”, dice Marshall. Dice che sta instaurando una nuova relazione con i suoi genitori e descrive il suo ruolo attuale – quello disciplinare – in termini agrodolci.

Parlando al telefono a casa dei suoi genitori, Marshall disse che stava guardando fuori dalla finestra nel loro cortile. Vide i suoi genitori con il loro cane, Beau e uno dei loro amici, “socialmente distanziarsi”, seduti a più di un metro di distanza.

“È come se i miei genitori avessero un appuntamento in cortile e io sono il genitore”, dice.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaCoronavirus: tre nonne si autoisolano insieme

Come lei e gli altri sanno, i loro genitori consumano informazioni in un modo diverso e possono essere lenti a rendersi conto dell’entità della pandemia e di come ciò li influenza direttamente. A volte non seguono le notizie così da vicino.

“L’emergenza non li ha ancora colpiti”, afferma Tavae Samuelu, che vive con i suoi genitori a Long Beach, in California. In alcuni casi, i genitori più anziani hanno minimizzato la gravità della crisi.

Dianne Anderson, 34 anni, scrittrice a Minneapolis, afferma che suo padre, 68 anni, un insegnante che vive nel South Dakota, inizialmente era scettico nei confronti degli avvertimenti sulla salute. “Ha detto,” Oh, bene, va bene. “” Poi ha parlato con lui al telefono: “Quando dico che qualcosa è un grosso problema, può fidarsi di me e guardarlo.” Ora, dice, sta prendendo precauzioni.

Copyright dell’immagine
Dianne Anderson

leggenda

Dianne Anderson dovette convincere suo padre a stare attento

Anche per i genitori l’esperienza di apprendimento dai loro figli è stata gratificante. Comprendono le preoccupazioni dei loro figli e provano a seguire i loro consigli e le linee guida di salute pubblica. Ma si irritano ancora con le restrizioni.

Dennis Horn, un avvocato di 69 anni a Chevy Chase, nel Maryland, afferma di aver recentemente fatto colazione con gli amici nel quartiere di Georgetown, a Washington, e poi suo figlio l’ha scoperto. “Mio figlio è appena esploso”, dice. “Me l’ha lasciato fare.”

Horn dice che a volte sente nostalgia per come stavano le cose. “Ricordi i giorni in cui i bambini hanno assunto i genitori?” disse malinconicamente.

Tuttavia, Horn dice che ha cercato di accovacciarsi. Sa che suo figlio lo sta sorvegliando, proprio come ha fatto per lui.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *