Coronavirus: senatori statunitensi chiamati a dimettersi per “insider trading”

Richard Burr e Kelly LoefflerCopyright dell’immagine
Getty Images

leggenda

Richard Burr è presidente del comitato di intelligence del Senato mentre Kelly Loeffler fa parte del comitato per la salute del Senato

Due senatori repubblicani degli Stati Uniti sono chiamati a rassegnare le dimissioni per accuse di aver utilizzato le conoscenze privilegiate per vendere azioni prima che i prezzi scendessero a causa dei timori dei coronavirus.

Si dice che Richard Burr abbia versato fino a $ 1,7 milioni (£ 1,45 milioni) di azioni il mese scorso.

Si dice che Kelly Loeffler abbia venduto beni per un valore fino a $ 3 milioni in una serie di transazioni che iniziano lo stesso giorno del briefing del Senato sul virus.

I due senatori hanno negato qualsiasi irregolarità.

Secondo la legge degli Stati Uniti, è illegale per i membri del Congresso negoziare sulla base di informazioni non pubbliche raccolte durante le loro funzioni ufficiali.

Anche Burr, presidente del Comitato di intelligence del Senato, è stato preso di mira dopo aver lasciato gli Stati Uniti NPR ha ottenuto un nastro dall’avvertimento di un gruppo di ricchi cittadini il mese scorso sul disastroso impatto economico del coronavirus, in un momento in cui l’amministrazione Trump ha minimizzato pubblicamente la minaccia. Ha anche detto al gruppo di interrompere il viaggio.

In risposta, il signor Burr ha accusato NPR di “distorcere” il suo discorso.

Le ultime rivelazioni vengono dopo un’indagine di ProPublica sui suoi documenti finanziari.

In qualità di presidente del Comitato di intelligence del Senato, Burr riceve briefing quasi giornalieri sulle minacce alla sicurezza nazionale americana,

Il 7 febbraio, poco dopo la segnalazione del primo caso di coronavirus, Burr scrisse su Fox News che il governo degli Stati Uniti era “meglio preparato che mai” per combattere un’epidemia.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaCoronavirus: Trump incolpa i media per la diffusione del virus

Ma una settimana dopo, quando il presidente Donald Trump ha assicurato al pubblico che il virus non avrebbe colpito duramente l’America, il signor Burr e sua moglie hanno venduto almeno $ 628.000 e fino a $ 1,72 milioni in azioni. Due settimane dopo, ha pronunciato il discorso ottenuto dalla NPR.

Tra quelli che chiedono le sue dimissioni e le sue indagini, l’ospite di Fox News, Tucker Carlson, è sempre stato un convinto sostenitore dell’amministrazione Trump.

Separatamente, un sondaggio di The Daily Beast ha trovato la signora Loeffler, che fa parte del Senato Health Committee, e suo marito ha venduto milioni di dollari in azioni, dal giorno in cui il suo comitato del Senato ha organizzato un briefing privato per tutti i senatori sul coronavirus da parte dei funzionari dell’amministrazione.

Nelle settimane successive alla vendita, ha cercato di ridurre al minimo l’impatto del virus sull’economia e sulla salute pubblica in una serie di tweet.

“I democratici hanno ingannato in modo pericoloso e intenzionale il popolo americano nella preparazione di #Coronavirus”, ha twittato il 28 febbraio.

“Ecco la verità: @realDonaldTrump e la sua amministrazione stanno facendo un ottimo lavoro per mantenere gli americani sani e al sicuro.”

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaGli studenti delle vacanze di primavera sfidano gli avvertimenti di Covid-19

Loefller ha definito l’indagine The Daily Beasts “un attacco ridicolo e senza fondamento”. In una dichiarazione, ha aggiunto che le decisioni sui suoi investimenti sono state prese da “diversi consulenti di terze parti senza [her or her husband’s] conoscenza o consenso. ”

La notizia ha alimentato le accuse secondo cui i leader statunitensi sapevano che la minaccia del coronavirus era grave, ma ha ritardato l’azione che avrebbe potuto arginare l’epidemia.

Negli Stati Uniti sono stati segnalati oltre 14.000 casi di coronavirus, oltre a 205 decessi per virus, secondo la Johns Hopkins University.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *