Eurovision 2021 è stato cancellato a causa della pandemia di coronavirus, confermano gli organizzatori

Scritto da Rob Picheta, Galileus Web

Quest’anno Concorso di canzoni Eurovisiont è stato cancellato a causa del coronavirus gli organizzatori hanno confermato mercoledì, segnando la prima volta che la tanto amata competizione è stata abbandonata.

L’Unione europea di radiodiffusione, che gestisce l’annuale programma paneuropeo, ha dichiarato di essere “estremamente rattristata” per prendere la decisione.

La competizione di quest’anno è prevista per la città olandese di Rotterdam a maggio, con 41 paesi che partecipano a due semifinali e una finale.

“Siamo molto orgogliosi del concorso musicale Eurovision, che per 64 anni ha riunito persone provenienti da tutta Europa. E siamo profondamente delusi da questa situazione”, ha dichiarato il supervisore esecutivo della serie, Jon Ola Sand, in una nota. .

“Siamo molto dispiaciuti per questa situazione, ma posso prometterlo: l’Eurovision Song Contest tornerà più forte che mai”, ha detto. Gli organizzatori e la città di Rotterdam “continueranno una conversazione” sull’evento del prossimo anno, il dichiarazione aggiunto.

Ricordi quando l’outfit di Cher ha rubato lo spettacolo agli Oscar?

Eurovision, che iniziò nel 1956, ha aiutato a spingere artisti di fama internazionale come Abba.

È seguito con entusiasmo in gran parte dell’Europa, ed è lodato e deriso in egual misura per le sue esibizioni unicamente kitsch e spesso surreali.

Edizione dello scorso anno a Tel Aviv, Israele, è stato visto da 182 milioni di persone in tutto il mondo, secondo l’EBU.

Molti paesi europei hanno chiuso i loro confini, limitato i viaggi e bandito i raduni di massa nei giorni scorsi mentre la pandemia di coronavirus peggiora.

I Paesi Bassi hanno registrato oltre 1.700 casi di coronavirus e 43 morti durante la pandemia, rendendolo uno dei paesi più colpiti in Europa.

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *