Il coronavirus porta una piaga di pericolose previsioni apocalittiche

“Entro il 2021, una malattia grave simile alla polmonite si diffonderà in tutto il mondo, attaccando i polmoni e i bronchi e resistendo a tutti i trattamenti noti”, ha detto. “Quasi più sconcertante della malattia stessa sarà il fatto che improvvisamente scomparirà all’arrivo, attaccherà di nuovo dieci anni dopo e poi scomparirà completamente.”

Il governo e i funzionari della sanità pubblica hanno pubblicato tutti i tipi di linee guida per aiutare le persone a proteggersi dalla diffusione di Covid-19. Ma c’è un altro contagio che gli esperti sembrano impotenti a fermare: la piaga dei profeti che avverte che il coronavirus è un segno che siamo alla “fine dei giorni”.

Cosa motiva questi “profeti” apocalittici

Molti includono letture estremamente inaccurate del Libro dell’Apocalisse. Spesso questi profeti pandemici terminano le loro previsioni con firme come “SE NON AVETE UNA BIBBIA, ACQUISTARLA!”

Forse non sorprende che alcune persone facciano scorta di armi e munizioni.

Ma alcuni che studiano religione e profezia per vivere affermano che è tempo che questi profeti e mezzi di comunicazione sui social media prendano la quarantena autoimposta. I critici danneggiano la salute spirituale e psicologica delle persone, dicono.

Sostengono anche di sapere che anche le figure più venerate nella religione non hanno osato supporre. Ogni volta che Ulrich Lehner, un teologo cattolico dell’Università di Notre Dame in Indiana, incontra un predicatore di social media che avverte che Covid-19 significa che la fine del mondo è vicina, è tentato di twittare questa risposta: “Matteo 24:36”.

Alcune persone hanno immagazzinato cibo mentre l'epidemia di coronavirus si diffonde.

È il passaggio in cui Gesù dice della fine del mondo: “Ma in questo giorno o in quest’ora nessuno lo sa, nemmeno gli angeli in cielo, né il Figlio, ma solo il Padre. “

“Gesù stesso disse:” Non conosci il tempo “, ma alcuni profeti autoproclamati oggi sembrano conoscere più degli angeli attorno al trono di Dio”, afferma Lehner.

Lehner afferma che alcuni dei profeti apocalittici potrebbero essere guidati da un altro peccato: l’orgoglio.

“Forse in questi ragazzi che creano il panico di massa, c’è anche un certo orgoglio, una forte fiducia in se stessi che ‘ho un’idea particolare’ ‘, spiega Lehner, autore di” God is Not Nice : Rifiutare la teologia della cultura pop e scoprire Dio è degno di essere vissuto. “

“Se non è malvagio, non so cosa sia.”

Ma un uomo che collegava Covid-19 alle scritture bibliche afferma che non stava cercando di diffondere la paura.

Elisha Jones, direttrice della gioventù di una chiesa nel sud-est del Texas, ha twittato uno screenshot da un post di Facebook, citando 2 Cronache 7: 13-15. Qui è dove la Bibbia dice che Dio disse a Salomone: “Quando chiudo i cieli in modo che non ci sia pioggia, o quando comando alle locuste di divorare la terra o inviare una piaga tra il mio popolo … Guarirò la terra “se il popolo” si volgesse nei suoi modi malvagi “.
Un cliente della metropolitana usa un fazzoletto per proteggere la sua mano mentre si tiene su un palo giovedì 19 marzo a New York.

Qualcuno ha scritto una leggenda sopra il passaggio biblico che diceva: “Incendi boschivi in ​​Australia – la pioggia è stata mantenuta. Africa – piaga delle locuste. Pandemia mondiale – Covid-19”.

Jones disse alla Galileus Web che stava cercando di avvertire la gente che “Gesù disse che queste cose sarebbero accadute” e che la Terra sta sperimentando “dolori del travaglio prima della seconda venuta di Gesù”.

“Penso assolutamente che potrebbe essere un segno diretto di qualcosa che Dio ha detto sarebbe accaduto, o addirittura un precursore per le cose a venire”, ha detto Jones di Covid-19 e altri eventi mondiali.

C’è una lunga storia di cattive previsioni apocalittiche

Qualunque sia la ragione, previsioni apocalittiche non ha una buona esperienza.

Ricorda Y2K? Che ne dici del recente “Maya Apocalypse?”

Alcune persone hanno indicato la fine del calendario Maya Long Count il 21 dicembre 2012, per concludere che significava anche la fine del mondo. Avvertirono delle onde di marea giganti e che la Terra si sarebbe scontrata con un altro pianeta. Le vendite di kit di sopravvivenza sono salite alle stelle, ed è stato riferito che un uomo in Cina costruì un’arca moderna di Noè.

Ma queste cattive previsioni non sono un fenomeno moderno.

Alcuni apocalittici costruiscono bunker sotterranei. Ron Hubbard, CEO di Atlas Survival Bunkers, dimostra come pompare manualmente l'aria in un rifugio antiaereo con tubo corrugato.

Gli storici affermano che molti cristiani nell’Europa del 17 ° secolo predissero che il mondo sarebbe finito nel 1666 perché i numeri “666” rappresentavano il marchio della bestia menzionata nel libro dell’Apocalisse della Bibbia. Quando il grande incendio di Londra, durato quattro giorni, scoppiò quell’anno, molti lo videro come un adempimento della profezia.

Browne, l’autore e il mezzo, fu costantemente criticato per l’imprecisione delle sue profezie quando era in vita. Ci sono molte testimonianze che ha fatto false accuse su crimini che hanno aumentato la sofferenza delle famiglie delle vittime. Ha anche predetto che sarebbe morta di vecchiaia a 88 anni – è morta a 77 anni.

Anche la previsione più famosa di Browne di una misteriosa malattia respiratoria nel 2021 sembra criticamente diversa.

Snopes, il sito web di accertamento dei fatti, ha affermato che “lasciare dichiarazioni vaghe su eventi probabili non è una previsione”, quando si considera la profezia di Browne. Ha valutato la sua previsione non come vera o falsa ma come una “miscela” contenente elementi significativi di verità e falsità.

“Non è chiaro se la” previsione “di Browne fosse più una possibilità, dato che il libro è stato scritto dopo l’epidemia di SARS”, ha detto Snopes.

Molti miti si ripetono sulla rivelazione

Se ci fosse un prezzo per la fonte più fraintesa per previsioni sbagliate, andrebbe al Libro dell’Apocalisse. Forse questo è l’ultimo controllo incrociato della Bibbia: nessuna lingua o immagine di nessun altro libro è penetrata tanto nella cultura popolare.

Anche le persone che non hanno mai letto la Bibbia conoscono i suoi riferimenti: i quattro cavalieri dell’Apocalisse, il drago rosso, il 666 e le sette ciotole di peste.

La rivelazione è piena di immagini così contagiose che un teologo che ha studiato il suo testo lo definisce un libro “multimediale” le cui immagini popolari funzionano come una malattia infettiva.

Scaffali vuoti in un supermercato a Londra, giovedì 19 marzo 2021.

“Si staccano dal testo più ampio e circolano come piccoli virus nella nostra cultura che si aggrappano ad altre cose ed è allora che decollano e si diffondono davvero”, afferma Timothy Beal, autore di “The Book of Revelation: A Biography ”.

Beal afferma che molte persone che citano la Rivelazione sono scambiate per significato e simbolismo.

“Quasi nessuna delle persone che parla dell’Apocalisse si è davvero seduta a leggere”, dice. Molte persone, ad esempio, credono che “il rapimento” – quando pensiamo che Gesù stia tornando alla fine dei tempi e che tutti i cristiani, vivi e morti, si alzeranno in aria per incontrarlo – è nel Apocalypse.

Non è vero, disse Beal.

Non vi è alcuna menzione esplicita di Rapture in Revelation. Ci sono riferimenti al concetto nelle Scritture come 1 Corinzi 15:52, che dice: “… Perché la tromba suonerà, e i morti risorgeranno per sempre e noi saremo cambiati”.

Ma Beal afferma che la teoria del Rapimento ebbe effettivamente origine nell’opera del 19 ° secolo di un teologo di nome John Nelson Darby.

Un agente di polizia controlla la temperatura dei passeggeri in un checkpoint a Manila, nelle Filippine, il 16 marzo 2021.

E l’Anticristo? Non è nell’Apocalisse?

No, disse Beal.

L’autore del primo libro di Giovanni nel Nuovo Testamento avverte di “anticristi” generici che negano che Gesù è il messia. Ma non c’è figura come il personaggio centrale nel film, “The Omen”, un furbo figlio di Satana con il numero 666 stampato sul suo corpo.

E che dire di 666 – non è in Apocalisse?

Sì, ma non si riferisce a Satana. Invece, i teologi affermano che il numero si riferisce a un’altra incarnazione del male per i primi cristiani: Nerone, l’imperatore romano.

Jones, il direttore giovanile della chiesa del Texas, citò Apocalisse 15: 1–3, che mette in guardia da “sette angeli con sette piaghe”.

“Non credo che pubblicare cose del genere diffonda paura”, ha detto Jones. “La mia convinzione è che Dio verrà presto e ci saranno cose che saranno scritte che avranno luogo, cose che possono sembrare un po ‘spaventose, ma penso che ribadisca ciò che Dio ha detto sarebbe accaduto”.

Perché invocare scenari apocalittici può essere pericoloso

Invocare passaggi biblici dei “tempi finali” può effettivamente rafforzare la fede di alcune persone dando un senso agli eventi che sembrano crudeli e arbitrari.

Ma le persone che invocano le terrificanti immagini dell’Apocalisse in relazione a COVID-19 possono fare di più della scrittura sbagliata. Possono danneggiare la salute psicologica degli altri, dice Beal.

“Ho avuto uno studente che leggeva Apocalypse fuori sul lungomare e si è addormentata e si è svegliata nel bel mezzo di un temporale. Ha avuto un attacco di panico assoluto perché sembrava che fosse nel libro “, ha detto Beal, un professore di religione. alla Case Western Reserve University in Ohio.

Le previsioni bibliche della Bibbia possono anche portare a un altro pericolo: non fare nulla, dice Beal. Pensa che le persone in preda al panico su qualcosa come Covid-19 possano ignorare altri problemi cronici che minacciano la sopravvivenza dell’umanità, come i cambiamenti climatici.

Centinaia di persone fanno la fila per entrare in un negozio Costco il 14 marzo 2021 a Novato, in California.

“Questo può portare a una chiamata all’inerzia”, ​​afferma l’interpretazione errata di Beal of the Apocalypse. “Cioè, la gente dirà che tutto ciò sta accadendo a causa del piano di Dio e che peggiorerà prima che migliori, quindi non c’è niente che possiamo fare al riguardo perché è la volontà di Dio “.

Ma ciò probabilmente non impedirà alle persone di invocare l’Apocalisse quando colpisce una pandemia. Per secoli è stato il libro di riferimento per i profeti del Giudizio Universale che avvertono della diffusione di “piaghe del tempo della fine” e di condizioni meteorologiche bizzarre.

Academic si chiedeva se il Libro dell’Apocalisse predisse il coronavirus in una recente rubrica per Christian Post, concludendo, “il frullato finale sarà molto più intenso di così”.

Tuttavia, molti studiosi biblici affermano che il libro dell’Apocalisse non riguarda davvero la fine del mondo. Piuttosto, era la fine del mondo del suo autore, un ebreo devoto ed ex discepolo di Gesù. Aveva difficoltà a capire come l’Impero romano avesse preso d’assalto Gerusalemme nel 70 d.C. e incendiato il suo grande tempio dopo aver represso una rivolta ebraica.

La distruzione del tempio di Gerusalemme fu incomprensibile per alcuni ex discepoli di Gesù. Si aspettavano che Gesù tornasse “potentemente” e conquistasse Roma prima di inaugurare la nuova era. Ma Roma aveva piuttosto conquistato la patria di Gesù.

Un volontario indossa una tuta protettiva mentre usa attrezzature per fumigazione per disinfettare le aree comuni di un complesso residenziale locale il 5 marzo 2021 a Pechino, in Cina.

Il libro dell’Apocalisse era il mezzo dell’autore per ricordare ai primi cristiani che Dio e la giustizia avrebbero prevalso alla fine, afferma Lehner, il teologo di Notre Dame.

“Il libro dell’Apocalisse non è un libro sulle previsioni ma un libro di consolazione”, afferma Lehner.

La consolazione è ciò che le persone dovrebbero pubblicare sui social media in questo momento – non previsioni del giorno del giudizio, dice. Lehner afferma che negli ultimi giorni ha visto grandi preghiere e persino messaggi umoristici sui social media che lo hanno incoraggiato, e sollecita le persone a raggiungere coloro che possono essere isolati.

Potrebbe non essere così entusiasmante come condividere le previsioni del destino. Ma prima di decidere di entrare in contatto con il tuo Nostradamus interiore, condividi una parola gentile piuttosto che una previsione apocalittica, dice.

Alla fine ti sentirai meglio, proprio come molti di noi che avranno bisogno di tutto l’aiuto che potremo ottenere nei difficili giorni a venire.

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *