Il GOP del Senato aumenta le pressioni sui democratici con il voto di lunedì mattina sul pacchetto di incentivi

Parlando al Senato a tarda domenica sera, ha annunciato un nuovo voto procedurale sul pacchetto previsto per le 9:45 di lunedì mattina – pochi minuti dopo l’apertura delle borse.

Nelle sue osservazioni di domenica sera, McConnell ha criticato i suoi colleghi democratici affermando che se non “cambiassero la situazione domani”, il voto che avevano votato domenica per non aver avanzato il disegno di legge avrebbe perso di più posti di lavoro e risparmi a più americani. I democratici hanno sostenuto che la proposta repubblicana pesa troppo sul business americano.

I democratici hanno espresso frustrazione per il pacchetto all’inizio di oggi facendo la fila per un voto procedurale chiave per portarlo avanti. Il voto è stato 47-47. I legislatori hanno dovuto varcare una soglia di 60 voti per avere successo.

La votazione, inizialmente prevista per le 15:00 ET, è stata posticipata alle 18:00 che i democratici hanno scavato contro di esso e hanno concesso più tempo per i negoziati. Non è stato ancora raggiunto un accordo bipartisan finale per rispondere alla valutazione della diffusione del coronavirus, ma si prevede che i colloqui continueranno domenica sera.

Invece, i senatori hanno votato su una proposta di legge che McConnell ha usato come segnaposto fino a quando non è stato raggiunto un accordo finale.

Per complicare ulteriormente le cose, ora ci sono cinque senatori del GOP in auto-quarantena o in isolamento: il senatore del Kentucky Rand Paul, che è risultato positivo al coronavirus, oltre che ai sensi. Mike Lee e Mitt Romney dello Utah, Cory Gardner del Colorado e Rick Scott della Florida.

Ciò significa che la maggior parte dei GOP 53-47 è ora ridotta a 48-47. Una legge di stimolo avrà bisogno di 60 voti per passare al Senato, il che significa che dovrà avere un sostanziale sostegno bipartisan per raggiungere i 60, ma la diminuzione del potere di voto della maggioranza è nelle menti dei repubblicani che stanno negoziando con i democratici per approvare questo passaggio. fattura.

Giovedì due senatori hanno presentato una risoluzione bipartisan per modificare le regole per consentire ai senatori di votare a distanza durante una crisi nazionale, ma McConnell si è sempre opposto a tale mossa.

McConnell ha continuato a insistere per un rapido passaggio della legislazione, sostenendo che è necessario attuare rapidamente provvedimenti di soccorso poiché la nazione evita l’impatto del coronavirus.

Il leader di minoranza Chuck Schumer ha detto ai giornalisti dopo che il voto procedurale è stato inizialmente ritardato che la legislazione originariamente presentata ai democratici aveva “molti, molti problemi”, dicendo che “includeva un’importante clausola di salvataggio. aziende senza protezione per i lavoratori e praticamente senza sorveglianza “. Schumer ha tuttavia affermato che “i democratici vogliono andare avanti con un accordo bipartisan”, aggiungendo che sono in corso lavori a livello di personale “per modificare alcune disposizioni problematiche” con la legislazione.

All’inizio della giornata, Schumer ha affermato che ci sono stati “gravi problemi” con l’attuale proposta e che i negoziatori si sarebbero incontrati presto per cercare di risolverli.

La senatrice democratica Elizabeth Warren ha fatto eco al messaggio, dicendo che c’era una “grande insoddisfazione” nel caucus democratico riguardo alla proposta così com’è. La senatrice del Massachusetts ha citato la proposta di un fondo da 500 miliardi di dollari per le imprese in difficoltà, che ha dichiarato essere senza restrizioni.

“Questa non è una proposta bipartisan”, ha detto Warren. “È una proposta repubblicana”.

L’ultima battuta d’arresto dei democratici arriva mentre il Senato si prepara a prendere un voto procedurale chiave domenica per far avanzare il pacchetto di stimolo – e nel mezzo della notizia che il senatore del Kentucky Rand Paul è diventato il primo senatore degli Stati Uniti a essere positivo per coronavirus, che ha aumentato il senso di urgenza tra i senatori che diffidano di essere vicini.
Inoltre, la presidente della Camera Nancy Pelosi ha lanciato un avvertimento preoccupante domenica che potrebbe non sostenere un disegno di legge di stimolo emergente che è stato accelerato dal Congresso questo fine settimana e ha raggiunto circa $ 2 trilioni, secondo due persone direttamente coinvolte nei colloqui. .
Dopo l’incontro con i quattro principali leader del Congresso e del Segretario del Tesoro Steven Mnuchin, Pelosi ha dichiarato che non vi era ancora alcun accordo e che la Camera avrebbe introdotto il proprio disegno di legge – qualcosa che potrebbe ridurre significativamente il processo di finalizzazione della legislazione.
Il destino di una proposta finale – e forse l’economia americana – è nelle mani dei quattro leader del Congresso, che si sono tutti riuniti domenica nell’ufficio dell’ufficiale di maggioranza del Senato Mitch McConnell.

Il respingimento dei democratici si è concentrato non solo sulla sostanza della legislazione, ma anche sul processo che i repubblicani erano soliti fare, sostenendo di essere stati esclusi dai negoziati all’inizio.

McConnell ha difeso il suo approccio, dicendo a Dana Bash della Galileus Web giovedì: “I repubblicani sono in maggioranza al Senato. Volevamo presentare la nostra proposta. Crediamo di avere l’obbligo di farlo come maggioranza e democratici, ovviamente, deve avere l’opportunità di rispondere “.

I democratici, incluso Schumer, hanno tuttavia sostenuto che questo approccio rischierebbe di ritardare gli sforzi per raggiungere un accordo precoce. E entro domenica pomeriggio non era stato ancora raggiunto un accordo bipartisan.

McConnell ha assunto un tono ottimista in una conferenza stampa dopo l’incontro, nonostante non sia stato ancora raggiunto un accordo bipartisan. Ha detto che i negoziatori sono “molto vicini” e che è “fiducioso” che “arriveranno a sì”.

McConnell ha insistito sul fatto che il voto sull’ultimo passaggio si svolge sempre lunedì, dicendo: “Non commettere errori: voteremo domani”.

“Voglio dire, la ruota deve fermarsi ad un certo punto, e non voglio che tu acquisti l’idea che non sia già una proposta completamente bipartisan”, ha aggiunto McConnell.

Ma Pelosi ha inviato un messaggio diverso sulla strada per questo incontro critico. “Dal mio punto di vista, siamo separati”, ha detto Pelosi ai giornalisti di Capitol Hill quando le è stato chiesto se si aspettava un accordo domenica.

Il Senato ha tenuto conto dei commenti delle commissioni Pelosi e House, che hanno collaborato con Chuck Schumer, il leader democratico del Senato, per fornire loro.

Schumer ha detto ai giornalisti dopo l’incontro dei quattro angoli che i legislatori “continuano a parlare”.

Il democratico dell’Illinois Whip Dick Durbin ha detto che spera che McConnell “ci penserà due volte prima di avere un voto di confronto questo pomeriggio” mentre continuano i negoziati bipartisan sul massiccio pacchetto economico.

“Non vedo l’ora di vedere ciò che il Presidente Pelosi mette sul tavolo”, ha detto Durbin, quando gli è stato chiesto di Pelosi, dicendo che avrebbe presentato il suo disegno di legge sul finanziamento del coronavirus.

Quando gli è stato chiesto se pensava che i democratici del Senato avrebbero votato contro la chiusura della proposta di legge sullo stimolo economico domenica, il senatore dell’Illinois ha dichiarato che non avrebbe speculato perché i negoziati erano ancora in corso. corso.

Schumer ha detto sabato di poter accettare il conto. Ma domenica mattina, fonti democratiche hanno dichiarato di aver scoperto molti problemi con l’assistenza dei lavoratori e le disposizioni di assistenza per i prestiti alle imprese.

Se Pelosi non supporta il disegno di legge, i democratici del Senato potrebbero bloccare l’azione sul disegno di legge bloccando una mozione procedurale prevista per una votazione di domenica pomeriggio.

Il Presidente potrebbe anche cambiarlo quando il disegno di legge verrà restituito alla Camera se approvato dal Senato lunedì, come vogliono i repubblicani del Senato e la Casa Bianca. Ciò potrebbe rallentare il flusso degli aiuti necessari ai lavoratori e alle imprese. La pressione aumenterebbe – da Wall Street a Main Street – su Pelosi e i Democratici di casa se non agissero rapidamente.

L’entità del pacchetto – che è aumentato di oltre un trilione di dollari nel corso di diversi giorni e di oltre $ 500 miliardi durante i negoziati di sabato solo, ha detto il popolo – sottolinea il riconoscimento dell’emergenza provocata dall’accelerazione della diffusione della pandemia di coronavirus che ha praticamente bloccato l’economia americana nella scorsa settimana.
ASCOLTA: The Coronavirus: Reality vs Fiction Podcast
Il Segretario del Tesoro proietta l'ottimismo sulla proposta di legge di incentivazione del coronavirus

Il personale ha lavorato tutta la notte – alcuni in ufficio dopo le 3:00 ET, hanno detto alla Galileus Web – per redigere il testo legislativo per riflettere lo stato dei negoziati tra le quattro task force bipartisan che erano state chiuse nelle aule di tribunale chiuse del Senato per ore. durante un’emergenza negli ultimi giorni.

I repubblicani hanno espresso ottimismo sul fatto che un accordo è in vista, ma ci sono ancora alcuni ostacoli che hanno impedito ai negoziatori democratici di firmare appieno. Detto questo, i legislatori di entrambe le parti riconoscono che un accordo è indispensabile al più presto.

Mnuchin è apparso su “Fox News Sunday” e ha detto che i legislatori hanno “una comprensione di base” che è stato raggiunto un accordo per approvare un massiccio conto di stimolo già lunedì.
Più di 200 università ritardano i tempi di archiviazione poiché le famiglie affrontano incertezza economica senza precedenti

“I democratici vogliono davvero raggiungere un accordo bipartisan per far fronte a questa grave crisi sanitaria ed economica”, ha dichiarato Justin Goodman, portavoce di Schumer, in una dichiarazione di sabato sera. “Non c’è ancora un accordo e non abbiamo ancora visto gran parte del piano repubblicano”.

Le principali questioni in sospeso, secondo i soggetti coinvolti nei colloqui e coloro che hanno visto il progetto di proposta repubblicana, si concentrano su due fronti: il pacchetto di aiuti totali che può essere diretto agli Stati e le restrizioni incluse nel pool aiuti creati per le grandi industrie in difficoltà.

Questo pezzo del pacchetto ha raggiunto oltre $ 500 miliardi, secondo una persona che ha familiarità con il disegno di legge repubblicano redatto finora, dando al Segretario del Tesoro una grande latitudine nel modo in cui l ‘devono essere utilizzati i soldi e l’estensione delle restrizioni per le società che ricevono prestiti in relazione ai futuri riacquisti di azioni – una domanda chiave per i negoziatori democratici.

La relazione di Nancy Pelosi con Steve Mnuchin è la chiave della risposta del governo federale ai coronavirus
I democratici hanno anche continuato a spingere per l’espansione dei fondi di stabilizzazione per stati e località, una richiesta della National Governors Association. Sebbene sia stata inclusa una notevole quantità di denaro, in gran parte grazie all’aggiunta di ulteriori fondi di emergenza che sono stati incorporati nel disegno di legge, i democratici hanno insistito sul fatto che gli stati devono affrontare deficit importanti misure di bilancio nei prossimi mesi.

I democratici, tuttavia, hanno ottenuto vittorie su diverse altre priorità chiave, tra cui l’espansione e il miglioramento dell’assicurazione contro la disoccupazione di almeno $ 250 miliardi, hanno detto le persone. Hanno anche negoziato ingenti fondi per gli operatori sanitari e gli operatori sanitari di prima linea.

I negoziatori bipartisan hanno anche raggiunto un accordo in linea di principio su un pacchetto di prestiti alle piccole imprese perdonabile di $ 350 miliardi che sarebbe stato progettato per mantenere i lavoratori pagati anche se le attività fallissero.

Il costo totale del pacchetto è stato confuso nel fine settimana, con Larry Kudlow, direttore del Consiglio economico nazionale del presidente Donald Trump, che ha dichiarato sabato che costerebbe circa $ 2 trilioni, per chiarire in seguito cosa includeva il pacchetto legislativo. , oltre alla leva finanziaria erogata tramite una struttura di prestiti della Federal Reserve.

Ora, tuttavia, il solo pacchetto legislativo ha raggiunto $ 2 trilioni di dollari, hanno detto le persone.

Hanno contribuito a questa storia Lauren Fox, Ted Barrett, Sarah Westwood, Manu Raju, Kristin Wilson, Clare Foran e Ali Zaslav della Galileus Web.

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *