Il terremoto scuote la capitale croata Zagabria

Una persona scatta foto del danno causato da un terremoto di magnitudo 5,3 che ha colpito vicino a Zagabria, Croazia, il 22 marzo 2021Copyright dell’immagine
EPA

leggenda

Numerosi edifici furono danneggiati, tra cui la Cattedrale di Zagabria

Un terremoto ha scosso Zagabria, la capitale della Croazia, danneggiando edifici e lasciando macchine distrutte da pezzi di muratura che cadevano.

Un adolescente è in condizioni critiche dopo il crollo di un tetto, secondo i media locali. Anche la guglia della cattedrale della città si staccò.

Dopo i terremoti di domenica, il sindaco di Zagabria ha invitato le persone a tornare a casa, temendo per il coronavirus.

Il terremoto di magnitudo 5,3 è il più grande che abbia colpito la città in 140 anni.

I residenti in preda al panico si precipitarono per le strade quando arrivò alle 6:00 ora locale e le autorità prima dissero loro di non uscire.

“Mantieni le distanze. Non incontrarti. Stiamo affrontando due gravi crisi, il terremoto e l’epidemia”, ha dichiarato il ministro degli Interni Davor Bozinovic.

Copyright dell’immagine
EPA

leggenda

La muratura che cade schiaccia le macchine parcheggiate

Tuttavia, il sindaco Milan Bandic in seguito ha detto che dovrebbero tornare a casa.

“L’ottanta per cento della popolazione di Zagabria vive in strutture che hanno strutture in cemento armato”, ha detto.

La Croazia ha più di 200 infezioni con il nuovo coronavirus.

Secondo quanto riferito, diversi edifici sono stati danneggiati, incluso il Parlamento. Anche i residenti dell’Austria meridionale e della Slovenia hanno sentito il tremore.

Copyright dell’immagine
EPA

leggenda

Le persone sono state avvisate di non riunirsi troppo da vicino

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *