Isole remote sommerse da persone che cercano di sfuggire al virus

(Galileus Web) – Con molte persone che affrontano settimane in gran parte confinate nelle loro case in città densamente popolate a causa del coronavirus, è comprensibile che alcuni abbiano preso in considerazione l’idea di dirigersi verso luoghi più selvaggi e più distanti in cerca di libertà e libertà. aria fresca.

Ma mentre i veicoli ricreativi e altri hanno invaso alcune di queste destinazioni rurali, coloro che vivono lì hanno reagito con preoccupazione, esortando le persone a stare lontane per evitare di causare infezioni e servizi igienico-sanitari schiaccianti.

La situazione era particolarmente acuta nella regione delle Highland scozzesi, una regione in gran parte scarsamente popolata i cui aspri paesaggi montuosi e insulari sono una delle attrazioni turistiche più belle del Regno Unito.

Al punto che le autorità locali emettono avvisi, dicendo alle persone – compresi i proprietari di seconde case – che non sono benvenute.

“Per favore, non usare le Highlands come mezzo di autoisolamento” ha twittato Kate Forbes, Il segretario scozzese delle finanze e il rappresentante delle Highlands nel parlamento scozzese.

“Le persone che vivono qui cercano di seguire le direttive del governo e il flusso continuo di camper e altri veicoli che sembrano fuggire dalle città non aiuta.”

Paure del coronavirus

I camper sono stati parcheggiati a Fort William questo fine settimana.

I camper sono stati parcheggiati a Fort William questo fine settimana.

Jeff J Mitchell / Getty Images

Ci sono stati 416 casi confermati di coronavirus in Scozia. Solo otto di loro sono le Highlands e la regione spera che rimanga tale.

Le isole scozzesi sono particolarmente preoccupate per l’impatto del virus sulle loro piccole comunità.

Angus MacNeil, un politico che vive sull’isola di Barra, parte delle Ebridi Esterne al largo della costa occidentale della Scozia, ha pubblicato un’immagine che fa riflettere su Twitter il municipio di Castlebay, dotato di letti ospedalieri di base. Ha aggiunto che non c’erano fan sulle isole.

Barra e la vicina isola di Vatersay hanno anche usato i social media per definirsi “chiusi”.

Nel frattempo, il segretario scozzese per l’economia rurale e il turismo, Fergus Ewing, ha aggiunto la sua voce al coro di residenti che esortano i non locali a partire, pubblicando un avvertimento contro lo sfollamento inutile nel Sito web del governo scozzese.

“Sono furioso per il comportamento spericolato e irresponsabile di alcune persone che viaggiano verso le Highlands e le Isole. Questo deve finire adesso”, ha detto Ewing.

“Vorrei essere chiaro, le persone non dovrebbero andare nelle comunità rurali e insulari. Sono in pericolo di vita. Non viaggiare.”

Solo viaggio essenziale

Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha annunciato domenica che il viaggio in traghetto attraverso la Scozia sarà utilizzato solo per i viaggi essenziali.

In a dichiarazione, il fornitore di traghetti Caledonian MacBrayne ha affermato che “ora i traghetti saranno per coloro che vivono sulle nostre isole, che hanno un bisogno essenziale di viaggiare da o verso la terraferma, e per rifornimenti o attività essenziali. Nient’altro. Anche il ritorno dei non residenti nelle isole che rientrano sulla terraferma sarà considerato un viaggio essenziale. “
La situazione in Scozia è stata ripresa in altre parti del mondo. In Norvegia, la gente avrebbe è stato chiesto di stare lontano dalle loro case rurali o seconde case per ragioni simili.

Sheila Gilmore, un rappresentante di Arran, un’isola al largo della costa occidentale della Scozia accessibile solo alla terraferma da due rotte di traghetto, ha detto che coloro che cercano una via di fuga potrebbero rimpiangere la loro decisione.

“Posso capire che la gente pensa che la risposta sia andare in un posto molto più tranquillo, che potrebbero avere una seconda casa che normalmente affittano”, ha affermato Gilmore, direttore esecutivo di VisitArran e io ” Arran Trust, presso Galileus Web Travel. .

“Ma la realtà della situazione è che su Arran, non abbiamo le infrastrutture per farcela, infatti, al momento nessuno ha le infrastrutture per farcela, non importa dove ti trovi. Ma su un isola, è ancora più distante “.

Risorse limitate

Gilmore ha affermato che gli isolani devono fare affidamento su questi traghetti per portare cibo e forniture mediche.

Inoltre, sottolinea che, pur vedendo la crisi circondata da splendidi paesaggi, sembra attraente, a lungo termine, le persone potrebbero pentirsi della loro decisione di trasferirsi in una casa di vacanza.

“Quando sei nel tuo ambiente, puoi dire a te stesso” Sai una cosa, vado a cucire le tende che volevo cucire, o vado a dipingere questa stanza. “

“E se ti trovi in ​​un ambiente che non è il tuo ambiente quotidiano, ti chiederai:” Che cosa farò? “”

Gilmore aggiunge che è consapevole che queste saranno persone che viaggeranno ad Arran per tutti i tipi di motivi: alcuni avranno famiglia lì, altri saranno studenti i cui college e università hanno chiuso a causa della crisi e chi ha bisogno di un posto dove stare.

“Non puoi prosciugare tutti con un solo pennello”, dice. “Puoi capire il ragionamento delle persone su questo argomento, ma quello che diciamo è pensare alle risorse limitate che abbiamo su un’isola come la nostra.”

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *