La protesta del coronavirus in Brasile vede milioni di ordigni esplosivi dai balconi

I manifestanti colpiscono i piatti mentre protestano contro un discorso del presidente brasiliano Jair Bolsonaro a San Paolo, 19 marzo 2021Copyright dell’immagine
Reuters

leggenda

I manifestanti gridano e colpiscono i vasi dalle finestre del loro appartamento a San Paolo, in Brasile

I brasiliani hanno espresso rabbia per il modo in cui il presidente Jair Bolsonaro ha gestito la pandemia di coronavirus colpendo pentole e padelle sui balconi.

Milioni di manifestanti nelle città di San Paolo e Rio de Janeiro sono apparsi alle finestre mercoledì sera chiedendo alle dimissioni del presidente.

Fino ad oggi è stata la più grande manifestazione contro il governo di Bolsonaro.

Ci sono più di 500 casi di virus in Brasile, inclusi due ministri del governo. Sono morte quattro persone.

Bolsonaro, che in precedenza aveva respinto le precauzioni contro il nuovo coronavirus come “isteria” e “fantasia”, è stato criticato per la sua risposta all’epidemia mortale.

Il presidente è stato testato per il virus due volte, ma ha detto due volte che i risultati erano negativi.

Tuttavia, 14 persone che hanno viaggiato con lui in Florida per incontrare il presidente Trump sono risultate positive al virus.

  • L’America Latina è pronta a combattere il coronavirus?
  • Politica e protesta ai partiti di strada a San Paolo

Le forti proteste di mercoledì sono iniziate con una dichiarazione televisiva del presidente nel pomeriggio, per poi riprendere con maggiore intensità a un orario concordato più tardi la sera.

La gente in edifici alti e case in tutto il paese bussò a pentole vuote, accese e spense le luci e gridò “Bolsonaro fuori!”.

Bolsonaro ha usato il suo indirizzo televisivo per annunciare misure di emergenza per limitare la diffusione del virus e un programma di assistenza finanziaria per sostenere l’economia e le famiglie a basso reddito.

Apparendo accanto ai suoi alti ministri, tutti con la maschera da viso, il presidente ha riconosciuto la “gravità” della pandemia, ma ha aggiunto: “Voglio calmare il popolo brasiliano … non possiamo lasciarci andare. isteria “.

Tuttavia, ha ammesso che probabilmente c’erano molti altri casi non inclusi nelle statistiche ufficiali.

Il governo brasiliano ha anche affermato che chiederà al Congresso di dichiarare uno “stato di calamità” a causa della pandemia di coronavirus.

Non è sufficiente placare i manifestanti.

Copyright dell’immagine
AFP

leggenda

Domenica il presidente Bolsonaro ha fatto un selfie con i sostenitori fuori dal palazzo presidenziale

Domenica Bolsonaro è stato criticato per essere uscito dal suo autoisolamento e si è mescolato con migliaia di suoi sostenitori che stavano manifestando contro il Congresso e la magistratura in Brasile.

Il suo ministero della salute aveva precedentemente messo in guardia contro la partecipazione a grandi manifestazioni.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *