L’UE avverte degli sforzi di disinformazione del Cremlino per diffondere il “panico” nell’epidemia di coronavirus

Il rapporto preparato dal Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE) indica che dal 22 gennaio quasi 80 casi di disinformazione sul virus Covid-19 sono stati registrati nel database EUvsDisinfo.

L'epidemia di coronavirus aumenta il rischio di errori di calcolo tra i nemici globali

“L’obiettivo principale della disinformazione del Cremlino è di aggravare la crisi della salute pubblica nei paesi occidentali, in particolare minando la fiducia del pubblico nei sistemi sanitari nazionali, impedendo così una risposta efficace all’epidemia”, dice.

Il rapporto, datato 16 marzo, afferma che la campagna è “progettata per esacerbare confusione, panico e paura”. L’analisi nel rapporto mostra come i media pro-Cremlino stanno lavorando per amplificare una serie di storie spesso contraddittorie che “dirottano” lo spazio informativo al fine di ridurre la capacità dell’UE di comunicare e agire da sola interessi.

Il portavoce del SEAE Peter Stano ha dichiarato alla Galileus Web che il centro ha visto un’ondata di disinformazione sulla diffusione del nuovo coronavirus nelle ultime settimane.

“Il SEAE Stratcom ha intensificato il monitoraggio dei flussi di informazioni e delle loro fonti e identifica pubblicamente, espone e aumenta la consapevolezza della disinformazione del coronavirus da fonti russe”, ha affermato Stano.

Ecco un elenco di articoli che spiegano la pandemia di coronavirus

Quando è stato chiesto di commentare le accuse durante una chiamata ai giornalisti di mercoledì, il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha negato che la Russia stesse facendo un tale sforzo e l’ha definita una “ossessione russofobica”.

“Se questo documento contenesse almeno un esempio concreto e un collegamento ad alcuni media specifici, potrei dirti qualcosa di specifico, ma dal momento che stiamo di nuovo parlando di alcune accuse infondate, che in teoria, nella situazione attuale, probabilmente, questa ossessione russofobica doveva in qualche modo diminuire, ma apparentemente non è così “, ha detto Peskov.

Galileus Web precedentemente segnalato Dipartimento di valutazione dello stato degli Stati Uniti che gli account dei social media collegati alla Russia su Facebook e Twitter stavano diffondendo disinformazione sul coronavirus.
Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *