Nella lotta contro il coronavirus, Trump abbraccia la sua presidenza “ in tempo di guerra ”

Per quanto riguarda la tromba dell’era della crisi, non era esattamente la “paura stessa” di Franklin Roosevelt o “la colonna sonora di Abraham Lincoln quattro e sette anni”. Ma era il segnale più definitivo che Trump ora vede l’attuale crisi come una battaglia unica nel suo genere – una realtà che le persone intorno a lui hanno cercato di trasmettere per settimane.

Ancor prima di mercoledì, alcuni degli alleati di Trump avevano intensificato la retorica in tempo di guerra nel tentativo di rafforzare la posizione del presidente dopo un discorso mal ricevuto dall’Ufficio Ovale alla nazione e persistenti domande sulla sua capacità di gestire la crisi.

Lo stesso Trump, che gode dei punti di forza militaristici della presidenza, ha dichiarato al suo staff la settimana scorsa che voleva proiettare un’aria più dominante quando era confinato alla Casa Bianca e incapace di parlare durante raduni elettorali.

Gli annunci di Trump di mercoledì, quando la risposta lenta della sua amministrazione alla crisi avrebbe comportato la carenza di attrezzature mediche e letti ospedalieri, hanno segnato i tempi di guerra passati.

Il Defence Production Act, originariamente utilizzato per regolare l’acciaio e l’estrazione mineraria durante la guerra di Corea, potrebbe essere utilizzato per aumentare la produzione di ventilatori, maschere e dispositivi di protezione essenziali “nel caso ne avessimo bisogno”, ha detto Trump.

Più tardi, tuttavia, ha twittato che avrebbe usato le autorità solo nello “scenario peggiore in futuro” – uno che secondo i governatori e gli esperti sanitari è già accaduto.

Le navi militari – tra cui la USNS Comfort, che salparono nel Golfo Persico durante le guerre del Golfo e in Iraq – saranno schierate sulle coste est e ovest, così come “una varietà di ospedali da campo e di spedizione” , secondo il segretario alla Difesa Mark Esper. , che è apparso per la prima volta durante un briefing sul coronavirus della Casa Bianca. Successivamente, tuttavia, è stato rivelato che le navi non sarebbero state spedite per settimane.

“Il nemico invisibile”

Funzionari di Trump e della salute avvertono i giovani di `` ascoltare il consiglio del coronavirus ''

Trump ha ricordato la Seconda Guerra Mondiale nelle sue osservazioni, un conflitto che nacque subito dopo, ma che vide a lungo attraverso l’obiettivo di film patriottici come “Patton”, il film biografico del 1970 con George C. Scott .

“Ad oggi, nessuno ha visto nulla di simile a quello che sono stati in grado di fare durante la seconda guerra mondiale”, ha detto Trump. “E ora è il nostro momento. Dobbiamo sacrificarci insieme perché siamo tutti nella stessa barca e stiamo per passare insieme. È il nemico invisibile.”

Guidare la nazione in periodi di crisi – che si tratti di guerra, calamità naturali o recessione – ha sempre offerto ai presidenti l’opportunità di dimostrare il loro coraggio. Sebbene non sia affatto uno studente di storia, gli istinti politici di Trump sono abbastanza acuti da riconoscere che una leadership efficace e stabile durante un periodo di resa dei conti nazionale ha tradizionalmente significato un rilancio della posizione.

Molti alleati di Trump hanno riconosciuto per settimane la possibilità che l’epidemia di coronavirus possa agire come un evento galvanizzante in vista della rielezione di Trump. Alcuni hanno esortato il presidente a liberarsi della divisione e dell’amarezza che ha definito il suo mandato e ad adottare il ruolo unificante che gli ex leader hanno assunto durante i momenti di tensione nazionale.

Per questi alleati, la motivazione non era solo il fatto che il Presidente approvasse le misure necessarie affinché il Paese potesse combattere la diffusione del virus. Hanno anche visto un vantaggio politico in Trump assumendo il ruolo di comandante in capo che aiuta il paese in un periodo di grande difficoltà.

Resta da vedere se può diventare questo leader – e se è troppo tardi per riparare uno stato danneggiato da settimane di inattività e riduzione al minimo della crisi. Poco prima della sua apparizione nella stanza del briefing della Casa Bianca, Trump si è lamentato su Twitter di “notizie false e corrotte”. E nella stessa conferenza stampa, ha ignorato le domande sulla sua credibilità attaccando il suo probabile rivale dell’anno elettorale.

“Vuole agire per migliorare la sua immagine in un momento in cui la nazione sembra crollare intorno a lui”, ha dichiarato Julian Zelizer, storico presidenziale di Princeton e collaboratore della Galileus Web. “Ma per essere un presidente in tempo di guerra, devi comportarti come tale. I grandi presidenti in tempo di guerra mobilitano le risorse del governo, parlano con chiarezza e convinzione, creano la maggior calma possibile e occupano i posti intorno a loro con le menti migliori e più brillanti. Credono anche nel ruolo del governo nella stabilità della nostra repubblica “.

“In questo momento, lo stiamo osservando provare a scavare in una fossa dopo diverse settimane in cui non ha risposto e ignorato il nemico tra noi”, ha detto Zelizer. “Inoltre, ha creato una Casa Bianca priva di competenze adeguate e un ramo esecutivo pieno di buchi. Quindi l’idea che potrebbe essere un altro Lincoln, FDR o Harry Truman è difficile da vedere.”

Una vecchia guerra e una nuova guerra

Ovviamente, Trump è stato presidente di guerra per tutto il suo mandato, così come il suo predecessore, anche se le vere guerre straniere che hanno supervisionato – in Iraq e in Afghanistan – sono da tempo scomparse dai radar della maggior parte degli americani se continuano a costare agli americani. vite e soldi.

La nozione di nazione in una nuova guerra, questa volta con malattia, ha attraversato le linee del partito. Biden ha dichiarato nel dibattito domenicale della Galileus Web che “siamo in guerra con un virus”. Ed è anche attraversato i confini. Il presidente francese Emmanuel Macron, con il quale Trump ha celebrato gli anniversari delle due guerre mondiali, ha dichiarato sei volte in un discorso di questa settimana: “Siamo in guerra”.

Altri democratici, come il governatore di New York Andrew Cuomo, hanno anche sollecitato Trump ad adottare la mentalità di guerra, chiedendo al governo federale di usare i suoi straordinari poteri per aiutare gli stati come la sua propria lotta alla diffusione della malattia. .

Fino a questa settimana, tuttavia, Trump sembrava in qualche modo riluttante ad assumere il ruolo di comandante. Innanzitutto, ha minimizzato il potenziale di diffusione del virus. Ha descritto la battaglia come una delle migliori che altri paesi hanno condotto. E ha guardato pigramente aziende e governatori prendere le proprie decisioni in merito a chiusure e chiusure prima di decidere di emettere le proprie raccomandazioni questa settimana.

Mercoledì scorso, nell’Ufficio Ovale – una delle strutture più necessarie che un presidente può usare – Trump non ha fatto alcun tentativo di radunare una nazione che sta affrontando una singola crisi. Invece, ha descritto la questione come un “momento temporaneo” che è stata colpa di altre nazioni.

I consigli sul “distanziamento sociale” – sebbene essenziali per rallentare la diffusione del virus – non hanno necessariamente aiutato Trump a trasmettere il suo messaggio in tempo di guerra, almeno per un pubblico americano che ancora vede uno sforzo bellico come una specie di azione piuttosto che al minimo. nell’inazione.

“I tuoi nonni sono stati chiamati in guerra. Sei stato chiamato a sederti sul tuo divano. Puoi farlo”, ha detto un meme popolare questa settimana.

Tuttavia, gli esperti di salute sostengono che gli americani dovranno abbracciare questa volontà collettiva per prendere le distanze dalla diffusione del virus, un nuovo tipo di attività che Trump sta ora cercando di manifestare.

“Non credo che la leadership sarà in cima alla piramide”, ha dichiarato il generale Stanley McChrystal, ex comandante delle forze statunitensi e internazionali in Afghanistan e del comando congiunto delle operazioni speciali. “Penso che sarà trovato nella nostra società o saremo trovati mancanti.”

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *