Nuova ondata di perdite di posti di lavoro per i coronavirus sull’orlo del collasso

La pandemia di coronavirus ha rapidamente ha fatto precipitare il mondo nella recessione mentre bar e ristoranti si chiudono e i paesi chiedono ai loro cittadini di accovacciarsi. La domanda ora è quanto profondo sarà il dolore e quanto durerà.
Un’immagine di devastazione economica in Nord America ed Europa ha già iniziato a emergere. Un rapporto del governo degli Stati Uniti pubblicato giovedì ha mostrato che 281.000 americani avevano presentato la loro prima settimana di sussidi di disoccupazione la scorsa settimana – un improvviso balzo del 33% rispetto alla settimana precedente e il più grande aumento percentuale dal 1992.
Questa settimana dovrebbe essere molto peggio. Predice Goldman Sachs che scioccanti 2,25 milioni di americani avranno presentato la loro prima settimana di sussidi di disoccupazione. Sarebbe otto volte il numero di persone che hanno testimoniato la scorsa settimana e il livello più alto mai registrato.

Guarda questo spazio: la banca d’investimento ritiene che il tasso di disoccupazione statunitense scenderà da un minimo storico del 3,5% al ​​9% “nei prossimi due trimestri”.

I timori di disoccupazione di questa portata potrebbero scuotere di nuovo i mercati. Gli investitori hanno già anticipato una recessione, ma potrebbero ancora affrontare la dimensione del buco che il coronavirus ha scavato nell’economia globale, mi ha detto Jeffrey Kleintop, capo stratega degli investimenti globali di Charles Schwab.

“Il mercato è in attesa di dati negativi”, ha affermato, ma il numero di posti di lavoro potrebbe essere “molto peggio” di quanto gli investitori pensino.

Il Dow Jones Industrial Average è ora in calo del 35% dal suo massimo storico a metà febbraio, spazzando via tutti i suoi guadagni dall’inaugurazione del presidente Donald Trump. Tra il 20 gennaio e lo scorso giovedì, secondo la Bank of America, sono stati liquidati $ 27 trilioni da azioni globali.

E non c’è ancora nessun nadir in vista, soprattutto perché i tristi dati economici dall’Europa e dal Nord America stanno iniziando ad arrivare.

“[The market is] è improbabile che toccheremo il fondo fino a quando non vedremo il picco di nuovi casi di virus e non sappiamo quando accadrà “, ha affermato Kleintop.” Non abbiamo nulla su cui il mercato possa rimanere per stabilizzarlo. “

Temendo licenziamenti devastanti nei settori dei viaggi e dell’ospitalità, i governi stanno adottando misure drastiche per sostenere le imprese. Venerdì, il Regno Unito ha accettato di pagare l’80% dei salari, fino a £ 2.500 ($ 2,895) al mese, per i dipendenti che non possono lavorare a causa della pandemia.

Potrebbe essere d’aiuto: gli economisti sperano che misure così drammatiche possano alleviare parte del dolore. Capital Economics stima che la disoccupazione nel Regno Unito scenderà ora dal 4% al 6%, in calo dall’8% come precedentemente “temuto”.

“Fornire generose sovvenzioni alle imprese a corto di liquidità ridurrà significativamente il rischio di aumento della disoccupazione durante la recessione del coronavirus”, ha detto venerdì il capo economista della Banca Berenberg Kallum Pickering. E che “aumenta le possibilità che l’economia possa tornare alla normalità rapidamente” una volta che le restrizioni sono state revocate, ha aggiunto.

I 30 giorni che hanno portato il mondo sull’orlo della depressione

Lunedì 17 febbraio. Il nuovo focolaio di coronavirus infuria in Cina, ma meno di 1.000 persone sono state infettate al di fuori del paese. Con il virus fuori dalla vista e soprattutto fuori dalla vista, il Dow Jones è poco più di 30.000 punti, trainato dalla più lunga espansione economica americana nella storia.

30 giorni che hanno portato il mondo sull'orlo della depressione

Ciò che gli investitori non potevano sapere è che nei prossimi 30 giorni il Coronavirus sarebbe uscito dalla quarantena in Cina, con gravi focolai in Corea del Sud e in Italia, e poi in Spagna, Francia, in Germania, nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Ha interrotto brutalmente gli affari, ha fatto precipitare i mercati azionari e ha costretto le banche centrali ad adottare misure di emergenza su scala ancora più ampia rispetto alla crisi finanziaria globale del 2008.

Dove siamo: una recessione globale, una volta impensabile nel 2021, è ora stabilita e alcuni esperti avvertono che la pandemia potrebbe trascinare l’economia globale in una depressione. E l’epidemia di coronavirus potrebbe essere solo all’inizio.

Le banche centrali e i governi hanno scatenato uno tsunami di tagli dei tassi di interesse, garanzie sui prestiti e nuove spese, sfruttando i poteri di emergenza per rassicurare gli investitori, attenuare lo shock per le imprese e i lavoratori e preservare basi di un’economia che lavora per il futuro. Tuttavia, gli sforzi di salvataggio potrebbero essere già troppo tardi.

“Nel peggiore dei casi, intere industrie potrebbero essere distrutte”, ha detto l’agenzia di rating Moody’s ai suoi clienti venerdì.

Leggi la storia completa del mio collega di affari della Galileus Web Charles Riley qui.

seguente

Martedì: dati PMI di marzo; Nike (NKE) guadagni

Mercoledì: dati sul clima degli affari in Germania; Titoli grezzi statunitensi

Giovedì: fiducia dei consumatori tedeschi; Stati Uniti: prime richieste di sussidio di disoccupazione

Venerdì: entrate e spese personali dagli Stati Uniti

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *