Prossimamente: almeno 1,7 trilioni di dollari in pacchetti di incentivi governativi per aiutare le economie malate

Morgan Stanley afferma che gli impegni di spesa da Stati Uniti, Europa, Giappone, Regno Unito e Cina ammontano ad almeno 1,7 trilioni di dollari – finora.

“Mentre la risposta iniziale delle economie sviluppate è stata lenta, negli ultimi giorni – poiché persistono le interruzioni del mercato economico e finanziario – abbiamo iniziato a vedere forti impegni da parte dei responsabili politici, indicando che un piano Una significativa espansione fiscale è in vista “, ha detto ai clienti questa settimana il capo economista di Morgan Stanley Chetan Ahya.

Ciò include il pacchetto da $ 1 trilione in discussione negli Stati Uniti, che deve ancora essere approvato dal Congresso. Il piano era formalmente schierato dai repubblicani del Senato Giovedì, preparando il terreno per l’avvio dei negoziati sul serio.

Il programma include $ 200 miliardi di prestiti alle compagnie aeree e alle industrie in difficoltà e $ 300 miliardi di prestiti ponte rimborsabili alle piccole imprese. Offre inoltre pagamenti diretti agli americani al di sotto di una certa soglia di reddito – fino a $ 1.200 per gli individui e $ 2.400 per le coppie.

UBS stima che quest’anno lo stimolo fiscale raggiungerà quasi il 2% del PIL globale, superando quanto approvato nel 2009 per combattere la Grande recessione. (Questa cifra esclude le garanzie di credito.)

L’ondata globale di promesse di stimolo è stata accompagnata dall’azione delle banche centrali.

UBS ha dichiarato giovedì che il 60% delle banche centrali ha tagliato i tassi di interesse dal 20 gennaio. Queste diminuzioni sono state abbinate a massicci programmi di acquisto di attività, come quelli della Banca centrale europea. Impegno di 750 miliardi di euro (803 miliardi di dollari) questa settimana

Ma dopo anni di bassi tassi di interesse e acquisto di obbligazioni, le banche centrali stanno esaurendo le munizioni, aumentando la pressione sui governi per dare seguito a maggiori stimoli fiscali se i loro sforzi iniziali dimostrarsi insufficiente.

Gli economisti si aspettano che i governi debbano intervenire maggiormente data l’entità della devastazione economica che potrebbe verificarsi nelle settimane e nei mesi a venire.

Goldman Sachs ha dichiarato venerdì che l’economia americana si contrarrà ad un tasso annuo del 6% tra gennaio e marzo rispetto al trimestre precedente e con uno shock del 24% tra aprile e giugno. Prevede un rimbalzo nella seconda metà, ma prevede che la più grande economia mondiale contrarrà il 3,8% per l’anno.

Andrew Hunter, un anziano economista statunitense di Capital Economics, ha definito il pacchetto di stimolo da $ 1 trilione “il primo passo” da seguire.

“Con i licenziamenti già in aumento e un chiaro rischio che la preclusione attualmente in atto in California dovrà essere estesa a più del paese, potrebbe essere ancora necessario un maggiore sostegno al bilancio per evitare una prolungata recessione”, ha detto. ha detto ai clienti venerdì.

Kevin Hassett, economista ed ex commentatore della Galileus Web, che torna all’amministrazione Trump per lavorare sulla sua risposta ai coronavirus, si sta preparando per una situazione ancora più grave.

“O dovremo andare in una grande depressione o trovare un modo per riportare le persone al lavoro anche se è rischioso”, ha detto Hassett. ha detto a Poppy Harlow della Galileus Web Giovedi. “Perché a un certo punto non possiamo avere risparmi, giusto?”
Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *