Trump ha il desiderio di ridurre la distanza sociale dopo un periodo di 15 giorni, dicono gli operatori umanitari

Trump ha suggerito di non pensarci.

“NON POSSIAMO LASCIARE LA CURA PEGGIORE DEL PROBLEMA,” Trump ha twittato domenica sera. “ALLA FINE DEL PERIODO DI 15 GIORNI, ADOTTIAMO UNA DECISIONE SU COME VOGLIAMO ANDARE!”

Aides afferma che Trump è ansioso che le linee guida siano allentate quando il periodo di 15 giorni termina una settimana a partire da lunedì, ma in realtà pochi esperti di salute credono che ci sia abbastanza tempo per scoprire se le misure che ha annunciato la scorsa settimana – compreso raccomandare la chiusura delle scuole, limitare le riunioni e mantenere almeno 6 piedi di distanza tra le persone – sarà sufficiente.

Trump e alcuni dei suoi massimi funzionari sono sempre più preoccupati per le linee guida sul distanziamento sociale messe in atto per combattere il coronavirus, affermano fonti vicine allo sforzo della Casa Bianca. Un alto funzionario ha affermato che il presidente sta perdendo la pazienza per il periodo di autoisolamento nazionale che ha congelato l’economia americana.

Nel frattempo, gli esperti di salute pubblica che consigliano il presidente e il suo team sulla pandemia di coronavirus continuano a sostenere che le linee guida generali che spingono le persone a lavorare da casa, evitare i ristoranti e grandi riunioni dovrebbero rimanere sul posto.

Mentre la leadership di Trump viene messa alla prova, si rivolge agli stati e al settore privato

Questa dinamica ha portato a un forte dibattito interno sul modo migliore per bilanciare la salute reale del paese – con potenzialmente centinaia di migliaia di vite in gioco – con la sua salute economica.

“Il presidente ha ragione, la cura non può essere peggiore della malattia e dovremo scendere a compromessi duri”, ha detto a Fox News lunedì il consigliere economico di Trump Larry Kudlow. “Ne ho parlato con il presidente molto tardi ieri sera, quindi diamo un’occhiata a una serie di cose diverse. Dagli un’altra settimana.”

Alcuni alleati di Trump hanno continuato a suggerire pubblicamente che le misure annunciate dalla Casa Bianca la scorsa settimana erano troppo rigide e hanno causato inutili difficoltà economiche. Molti dei suoi alleati conservatori circolarono a Redazione del Wall Street Journal la scorsa settimana, che si chiedeva se la chiusura valesse il compromesso di un’economia chiusa.

Ciò ha contribuito ad alimentare la crescente opposizione di alcuni consiglieri di Trump a una preclusione prolungata.

Sono già in corso discussioni con i consulenti su cosa fare al termine dei 15 giorni. Trump vuole davvero riportare le persone al lavoro, ma i suoi consulenti medici continuano a dirgli che il paese ha ancora molta strada da fare prima di uscire dal peggio dell’epidemia, ha detto una fonte che ha familiarità con la questione.

Mentre i funzionari della Casa Bianca sono desiderosi di ammorbidire le linee guida a causa dei timori di una grave recessione economica, credono anche che il Presidente possa ammorbidire le linee guida garantendo le regioni più colpite del paese – come New York, California e Washington – continuano a mantenere le proprie severe restrizioni sulla vita quotidiana, indipendentemente dalle linee guida federali.

Non tutti gli alleati di Trump sembrano essere dalla stessa parte. Il senatore Lindsey Graham, R-South Carolina, ha scritto su Twitter lunedì che “dobbiamo sempre sbagliare nel fare di più – non di meno – nel contenimento.

“La migliore decisione del presidente Trump è stata quella di interrompere presto i viaggi dalla Cina”, ha scritto Graham. “Spero che non comprometteremo questa decisione suggerendo di abbandonare le politiche di contenimento aggressivo negli Stati Uniti”.

Trump ha valutato la situazione con i consulenti all’interno e all’esterno della Casa Bianca, ha detto la fonte.

I funzionari non sanno dove Trump alla fine arriverà dopo 15 giorni – e il dottor Anthony Fauci, il miglior specialista in malattie infettive del paese che ha spinto per una forte mitigazione – continuerà a fungere da voce critica dietro le quinte.

Trump inizialmente ha resistito alle raccomandazioni di Fauci secondo cui avrebbe preso provvedimenti per incoraggiare l’allontanamento sociale durante il primo giro, hanno detto le persone che hanno familiarità con le deliberazioni. Dopo aver ricevuto intense critiche per non aver agito in modo più deciso, Trump ha seguito le raccomandazioni, ma non è convinto che sia stata la decisione giusta.

Trump è stato sconvolto dalle immagini degli interruttori di primavera della Florida che ignorano i consigli di autoisolamento, ha detto una fonte vicino alla Casa Bianca che è coinvolta nella risposta al coronavirus.

“Qual è lo scopo del distanziamento sociale se il 20% ignora l’ordine?” Trump ha detto ai suoi soci, ha detto la fonte.

A parte i medici e gli esperti di sanità pubblica, quasi tutti i consulenti senior del presidente sono ansiosi di ammorbidire le linee guida nazionali per iniziare a riaprire l’economia.

“Non conosco nessuno nell’edificio che afferma che dovremmo continuare come facciamo”, ha detto un alto funzionario della Casa Bianca. “Tutti qui stanno tirando nella stessa direzione.”

Alcuni conservatori hanno già suggerito che gli Stati Uniti sono andati troppo lontano limitando il movimento delle persone per proteggere la salute a spese degli affari, tra cui Laura Ingraham e Steve Hilton, ospiti della Fox News.

“Conosci questa frase famosa,” la cura è peggiore della malattia “?” Domandò Hilton durante il suo monologo domenica sera. “Questo è esattamente il territorio verso cui ci stiamo precipitando”.

Una persona che non si tira indietro è Fauci. Se dipendesse da lui, disse un funzionario, “non ci sarebbe stato alcun contatto tra umani prima di luglio”.

Nei giorni scorsi, Fauci ha espresso disaccordi con Trump, incluso nelle interviste che discutono apertamente del suo ruolo nel correggere le dichiarazioni false o fuorvianti del presidente.

“Non posso saltare davanti al microfono e spingerlo verso il basso”, ha detto Fauci in un’intervista con Rivista scientifica. “Va bene, l’ha detto. Proviamo a sistemarlo per la prossima volta.”

Trump ha iniziato a inviare retweet lunedì che sembrano incoraggiare la fine di un forte allontanamento sociale dopo l’attuale periodo di 15 giorni, nonostante le preoccupazioni dei funzionari della sanità pubblica che non sia abbastanza lungo per smorzare il peggio di coronavirus.

“15 giorni”, ha twittato un utente. “Quindi isoliamo i gruppi ad alto rischio e restiamo al lavoro prima che sia tutto finito per tutti !! # Landslide2020”

“Appiattire la curva NON l’economia”, legge un tweet di follow-up.

“Dopo 15 giorni, il mondo può iniziare a guarire!”, Ha twittato un altro utente.

Lunedì ha ritwittato un utente, rispondendo al suo tweet originale, che ha scritto: “Corretto. Quindici giorni, proteggiamo i gruppi ad alto rischio se necessario e restiamo al lavoro”.

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *