Un virus potrebbe scuotere le città più costose del mondo

I turisti vedono l'ArtScience Museum (L) a Marina Bay a SingaporeCopyright dell’immagine
Getty Images

leggenda

Singapore potrebbe scivolare nell’elenco delle città più costose del mondo

Hong Kong, Singapore e Osaka sono state appena classificate come le città più costose del mondo in cui vivere.

Ma questo potrebbe non essere il caso dopo che il pieno impatto della pandemia di coronavirus ha preso il suo pedaggio.

Le città che ricavano gran parte del loro reddito dal turismo possono diventare più economiche a causa della contrazione delle loro economie e del calo dei prezzi.

Questa è una delle previsioni dell’Economist Intelligence Unit (EIU), che traccia il costo della vita in tutto il mondo.

Il sondaggio globale sul costo della vita per il 2021 è stato compilato a novembre 2019, prima che il coronavirus diventasse una pandemia. Il suo prossimo sondaggio potrebbe essere molto diverso.

“Le città dipendenti dal turismo dovrebbero vedere una pressione al ribasso sui prezzi. Quindi Singapore e Hong Kong potrebbero non essere al primo posto in futuro. Potremmo vedere una città diversa in cima”, ha detto Simon Baptist. , capo economista dell’EIU.

L’impatto del coronavirus ha scosso l’economia globale, con le industrie dei viaggi e del turismo tra le più colpite. Hong Kong e Singapore sono due delle città che potrebbero sperimentare un forte calo delle entrate a causa del calo della domanda di attività ricreative, ristoranti e alloggi. Questa domanda inferiore potrebbe far abbassare i prezzi, rendendo queste città meno costose per i loro residenti.

Il rapporto EIU ha visto Osaka far uscire Parigi dalle sue tre città più costose, poiché uno yen più forte ha reso la terza città del Giappone più costosa in cui vivere. I ricercatori hanno esaminato più di 400 premi per 160 prodotti e servizi. Questi includono automobili ed elettronica, che hanno subito gravi interruzioni dell’approvvigionamento in Cina.

Mentre l’industria automobilistica è stata colpita duramente dalle chiusure di fabbriche in Cina a gennaio e febbraio, la produzione sta gradualmente tornando al suo livello pre-coronavirus. Ciò potrebbe comportare automobili più economiche, poiché i produttori e i concessionari hanno un inventario in eccesso.

“Una volta che la domanda inizia a tornare, generalmente ci aspettiamo che i prezzi dei veicoli siano più bassi che più alti, poiché i produttori di automobili e i rivenditori stanno cercando di recuperare le entrate perse. In alcuni paesi o regioni in cui l’automobile è un settore importante, i sussidi aiuteranno di più a prezzi più bassi “, ha affermato Ana Nicholls, direttore dell’industria presso EIU.

I consumatori possono cambiare le marche di automobili con quelle con catene di approvvigionamento più forti e meno disagi, ha aggiunto.

L’EIU ha anche previsto che il costo della vita in alcune città potrebbe aumentare in quanto le misure per rallentare la diffusione del virus aumentano i costi generali delle imprese.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *