Aggiornamenti live di Cyclone Amphan: inizia la pulizia in India e Bangladesh

Almeno 12 persone sono morte in India dopo che l’uragano Amphan ha colpito la terra mercoledì, hanno detto le autorità.

Tutte le morti riportate sono avvenute nello stato dell’India orientale del Bengala Occidentale, secondo il capo del governo, Mamata Banerjee.

Banerjee ha detto che una delle vittime, una ragazza del distretto di Howrah, è morta dopo il crollo di un muro nella sua casa. Non ha fornito ulteriori dettagli su come sono avvenute le altre morti.

Il direttore di Oxfam in Bangladesh Dipankar Datta ha detto alla Galileus Web che migliaia di case di fortuna in Bangladesh sono state sradicate a causa del ciclone. Ha aggiunto che non si aspetta che la tempesta colpisca l’area del campo profughi di Rohingya vicino alla città di Cox’s Bazaar.

Alcuni retroscena: Il ciclone Amphan è atterrato vicino all’isola di Sagar nel Bengala Occidentale, in India, vicino al confine con il Bangladesh alle 17:00 circa. ora locale con venti sostenuti di 160 km all’ora (100 mph), secondo il Joint Typhoon Warning Center negli Stati Uniti, rendendolo equivalente in intensità a un uragano di categoria 2 nell’Atlantico.

Forti piogge dovrebbero causare inondazioni improvvise nella regione giovedì mattina. Una volta che la tempesta penetra nell’entroterra, si indebolirà considerevolmente e si prevede che la tempesta si dissiperà venerdì.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *