“Alexei Navalny è stabile, può essere trasferito in Germania”. Tra poche ore salirà sull’aereo ambulanza da Berlino.

Alexei Navalny sta per essere trasferito a Germania. Dopo un tira e molla durato 24 ore, la famiglia dell’avversario russo chiede un’immediata fuga Berlino e i dottori diOspedale di Omsk che, invece, ha parlato di condizioni ancora troppo instabili per far fronte al trasferimento, le primarie russe hanno accettato di viaggiare sotto la responsabilità della moglie arrivata. “Le condizioni di Alexei Navalny stanno migliorando”, ha detto il medico Alexandre murakhovsky Citato da Interfax. “È un peccato che i medici abbiano impiegato così tanto tempo per prendere questa decisione. L’aereo sta aspettando dalla mattina, anche i documenti erano pronti alla stessa ora “, ha scritto l’addetto stampa di Navalny, Kira yarmysh, su Twitter.

L’avversario di Vladimir Poutine in Russia, è ancora ricoverato in condizioni gravissime presso l’ospedale siberiano di Omsk. A cui si è rivolto anche l’entourage del blogger russo Corte europea dei diritti dell’uomo ottenere l’autorizzazione dalle autorità per il suo trasferimento in Germania per cure. In effetti, attorno al suo movimento, c’è stato un avanti e indietro tra il suo staff e la direzione dell’ospedale che lo cura. il Cremlino aveva subito manifestato la disponibilità a trasferirsi all’estero se la famiglia glielo chiedeva, lasciando la decisione ai medici. Ma questi, dopo un primo semaforo verde che aveva mandato anche l’aereo ambulanza da Berlino, avevano fermato tutto sostenendo che le condizioni ancora instabili del blogger non permettevano un’operazione del genere.

Versione contro la quale si sono schierati sia lo stato maggiore che gli esperti tedeschi che lo hanno visitato, secondo la quale l’uomo avrebbe potuto affrontare il viaggio. Moglie Yulia ha detto che dall’ospedale “si rifiutano di darci Alexei per curarlo davvero. Pensiamo che tutto questo sia utile rimuovere la sostanza dal tuo corpo. Non è in ottime condizioni e non possiamo fidarci di questo ospedale, chiediamo che venga rilasciato e che possa essere curato in un ospedale indipendente ”. Condanna rafforzata dalla prima diagnosi pubblicata dall’equipe medica russa di cui ha parlato disturbo metabolico. “Di nuovo ci prendono per idioti, usano frasi generiche intelligenti ma non sono in grado di stabilire la causa del suo coma o di offrire una diagnosi – ha detto su Twitter Anastasia Vasilyeva, Medico personale di Navalny – Un disturbo metabolico è una condizione, non una diagnosi. È stato l’avvelenamento a innescare un grave disturbo metabolico. Se gli è stato diagnosticato solo un disturbo metabolico, perché non lasciare che Alexei vada a Berlino? Attendono infatti tre giorni che il suo sistema elimini il veleno e diventa impossibile rilevare la presenza di una sostanza tossica nel suo corpo in Europa ”. Sostanza che, secondo l’ospedale di Omsk, non è stata identificata dalle prime analisi.

“Per quanto riguarda quello che dicono nei media su a componente chimico identificato (secondo lo staff di Navalny, la polizia avrebbe detto che una tossina pericolosa era stata identificata sul suo corpo, ndr) Posso dire che non era materiale biologico ma materiale proveniente dalla superficie della pelle, dei vestiti, delle unghie. Abbiamo effettuato una serie di test ed è la solita sostanza chimica industriale che viene utilizzata, ad esempio, nei bicchieri di plastica “, ha detto il capo ufficiale medico Mourakhovsky, rispondendo alle accuse di coloro che circondano il blogger.

Navalny, principale avversario di Putin in Russia, già vittima di aggressioni, incarcerazioni e avvelenamenti in carcere negli ultimi anni, a pochi minuti dal decollo del volo che lo avrebbe portato da Tomsk, città della Siberia, a Mosca, si ammalò. Il pilota è stato costretto ad effettuare un atterraggio di emergenza per consentire l’intervento dei medici che lo hanno ricoverato in ospedaleunità di terapia intensiva per pazienti tossicologici all’ospedale di emergenza n. 1 di Tomsk. L’ipotesi è quella dell’avvelenamento con i medici che “ora lottano per salvargli la vita”, il Ministero della Salute conferma lo stato dell’avversario: “È in coma, in condizioni gravi ma stabili” . Il suo portavoce, Kira yarmysh, ha detto “Alexei era avvelenato con qualcosa mescolato nel suo tè. Era l’unica cosa che beveva la mattina “, ha aggiunto. Inoltre, aggiunge: “Io medici dicono che il veleno è stato rapidamente assorbito dal liquido caldoAnche se la conferma arriverà solo dopo i risultati delle analisi.

Un portavoce di S7 Airlines, la compagnia che possiede l’aereo su cui viaggiava Navalny, ha detto al Tass che l’uomo “non ha mangiato né bevuto nulla durante il volo di Tomsk una Mosca“. Ma” La salute di Navalny si è notevolmente deteriorata subito dopo il decollo. Alexei non ha mangiato né bevuto in aereo “, ha assicurato il portavoce. La risposta al mistero potrebbe arrivare dal profilo instagram di DJ Tomsk Pavel Lebedev: l’uomo, in attesa di imbarcarsi sullo stesso volo dell’avversario, ha scattato una foto a Navalny al Caffè viennese dall’aeroporto tenendo premuto un Coppa rossa con le parole “Hello Aleksei”. Una volta sullo stesso aereo, Lebedev ha poi pubblicato un’altra storia su Instagram che mostra il momento in cui Navalny viene salvato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, facciamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutte queste opere hanno un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom di accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Coronavirus, nuovo record di casi in Francia e Germania. Parigi ne ha più di 4700, Berlino 1700. Grecia, paura delle epidemie negli ospedali

seguente


Articolo successivo

Coronavirus, 3.650 nuovi casi in Spagna: più di mille nella sola Madrid. Nuovo record in Croazia: 265 punti positivi nelle ultime 24 ore

seguente


Avatar

Abramo Montalti

"Esperto di viaggi professionale. Risolutore di problemi. Lettore. Cibo maledetto. Difficoltà. Imprenditore. Amante della televisione. Esploratore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *