Amazon testa la consegna di cibo online in India

Copyright dell’immagine
Getty Images

Il gigante di Internet Amazon entra nel settore delle consegne alimentari con un processo in quattro regioni di Bangalore, in India.

Questa decisione arriva in un momento in cui i blocchi della pandemia stanno causando un aumento degli ordini online in alcuni luoghi, come gli Stati Uniti.

Tuttavia, in India, i due principali attori del mercato hanno registrato un calo significativo della domanda.

Uber Eats si è ritirato dal paese lo scorso anno, vendendo le sue attività al rivale locale Zomato in cambio di una quota del 10% nella start-up indiana.

Amazon ha piani ambiziosi di espansione in India, dove ha investito circa $ 6,5 miliardi. Come il suo rivale Walmart, vede un notevole potenziale di crescita nel paese in rapida crescita.

A quanto pare aveva pianificato di avviare l’attività alimentare prima della preclusione, ma ha ritardato dopo la preclusione e le restrizioni sulle vendite di articoli non essenziali.

Un centinaio di ristoranti e cucine sono attualmente coinvolti nella sperimentazione a Bangalore, un centro tecnologico nel sud del paese. Sulla base del suo successo, Amazon spera di offrire il servizio in tutto il paese.

“I clienti ci dicono da tempo che vorrebbero ordinare piatti pronti da Amazon oltre a fare acquisti per altri beni di prima necessità”, ha affermato la società in una nota. “Questo è particolarmente rilevante al momento perché stanno a casa in sicurezza. Riconosciamo anche che le aziende locali hanno bisogno di tutto l’aiuto che possono ottenere”.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaPerché Uber Eats non è riuscito a consegnare in India

Amazon, che è passato da un libraio online a un colosso mondiale con una mano in tutto, dalla spesa al cloud computing, sfiderà i giocatori locali Swiggy e Zomato, che attualmente dominano il mercato della consegna di cibo.

Entrambi furono gravemente colpiti dalla perdita di affari a causa della pandemia.

Il fondatore di Zomato Deepinder Goyal ha annunciato questo mese che la società, che è cresciuta fuori dall’India, taglierà il 13% della sua forza lavoro.

In un post sul blog, ha detto, fino al 40% dei ristoranti potrebbe chiudere nei prossimi sei-12 mesi, segno che la maggior parte dei cambiamenti causati dalla pandemia sarebbe permanente.

“Non pensiamo di avere abbastanza lavoro per tutti i nostri dipendenti”, ha detto.

Avatar

Accardi

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *