Anche Fca, erede di Punto, sarà prodotto in Polonia sulla piattaforma francese PSA. Nuovi timori per la componentistica italiana

Da quello che scrive 24 ore di sole, anche l’erede di Punto sarà probabilmente assemblato sulla piattaforma francese di Fabbrica Polacca Psa. Nelle scorse settimane la “migrazione” sulla linea del gruppo francese dei Fiat500 e Lancia Ypsilon e un “terzo modello”. Sulla piattaforma di PSA, il gruppo francese con cui FCA si fonde, già oggi si assemblano Peugeot 208 e Opel Corsa. La scelta della piattaforma “Cmp” garantirebbe la nascita di un Fiat Punto elettrica oltre ai modelli benzina e diesel.

Durante l’estate, FCA ha richiesto fermare i suoi fornitori qualsiasi attività relativa a futuri modelli del segmento B. (le cosiddette macchinine, ndr), comunicando che la prossima generazione di “piccole” sarà assemblata sulla linea francese. Una decisione che aveva preso paure nella filiera piemontese dove lavorano 60mila dipendenti. La preoccupazione di fondo è che i fornitori francesi hanno maggiori probabilità di abbinare i fornitori francesi. Tesi smentita dagli ambienti industriali che specificano come, contestualmente all’interruzione della fornitura sono stati avviati contatti con la stessa controllata italiana per preparare i nuovi componenti. In breve, la “migrazione” potrebbe presentare più opportunità che rischi. Quello che è certo è che, intanto lo stop è certo, il futuro resta da costruire. FCA ha chiarito che il il cambio di strategia non è dovuto alla fusione in corso con PSA, dove nascerà il nuovo gigante automobilistico Stellantis, ma a una joint venture indipendente dell’unione dei due gruppi.

“FCA sta facendo bene a passare alle linee di assemblaggio PSA più moderne ed efficienti. Il problema è un altro: cosa porta in Italia questa fusione? Per ora niente ”, ragionò Giorgio Airaudo, della segreteria Fiom Piemonte. “La piattaforma francese avrebbe potuto essere installata anche in fabbriche come Mirafiori o Pomigliano, garantendo un futuro ai dipendenti di questi due siti produttivi. Anziché un’altra produzione è uscita dall’Italia. Il governo – prosegue Airaudo – ha perso un’occasione decidendo di dare il via libera accanto a 6,3 miliardi pagati a FCA di Intesa Sanpaolo ma garantito dallo Stato via Sace. Avrebbe potuto essere l’occasione per chiedere in cambio un altro modello produrre nel nostro Paese “. Nel nuovo gruppo la casa torinese non parte certo da una posizione di forza. Carlos Tavares, l’attuale numero uno della Psa, di cui lo Stato francese sarà azionista Stellantis con una quota del 6% circa.

Oltre all’erede Punto, il nuovo SUV compatto Alfa Romeo sarà prodotto su una piattaforma PSA, su cui sono attualmente costruiti il ​​SUV Peugeot 2008 e Opel Mokka. Grazie a questa scelta, anche il nuovo modello Alfa potrà avere il suo versione elettrica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, facciamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutte queste opere hanno un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom di accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

“Vogliamo firmare contratti rivoluzionari”. E Carlo Bonomi spiega come: nessun aumento di personale, libertà di licenziamento

seguente


Avatar

Elario Necci

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *