Antonio Conte resta allenatore dell’Inter: decisione dopo tre ore di vertice con Zhang

Tre ore: così tanto è stato utileInter e annuncio Antonio Conte decidere di continuare insieme. Il faccia a faccia tra l’allenatore e Steven zhang terminò intorno alle 18.30, quando il tecnico lasciò la villa Somma lombarda, provincia di Varese. Pochi minuti dopo, il comunicato stampa ufficiale del club: “L’incontro di oggi tra il Club e Antonio Conte è stato costruttivo, sotto il segno di continuità e di condivisione di strategia. Con lei le basi per continuare insieme nel progetto “.

Conte resterà seduto sulla panchina nerazzurra: questo l’epilogo più logico, dettato dal buon senso. Il vertice, reso necessario e inevitabile dal sfogo del tecnico dopo il KO nella finale del Europa League, ha mostrato che una soluzione era ancora possibile. Dobbiamo ancora capire cosa termini dell’accordo, che ha convinto Conte a restare e l’azienda a trasmetterla rimpiangere. L’allenatore avrà sicuramente ottenuto almeno una parte del garanzie Chiese. Primo sul mercato, con altri investimenti per costruire una squadra che sia la sua immagine e somiglianza. Poi avanti protezione dei media: l’azienda deve essere più presente nella gestione dell’ambiente. Non è ancora noto se un membro della direzione dovrà lasciare il suo incarico. Quel che è certo è che erano presenti a Somma Lombardo tutti: amministratori Beppe Marotta e Alessandro Antonello, ma anche il direttore sportivo Piero Ausilio, primo sospettato a lasciare il club, vista la permanenza di Conte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, facciamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutte queste opere hanno un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom di accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Beppe Bergomi, la polemica su questo “purtroppo” pronunciata parlando delle vittorie della Juventus

seguente


Articolo successivo

Pirlo, prima conferenza stampa da allenatore della Juventus: “Dybala? Non sono mai stato sul mercato “

seguente


Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *