Auschwitz: oggetti nascosti trovati nel campo di concentramento

Copyright dell’immagine
FOTO AFP / Nationalfonds / Kaczmarczyk / Marszalek

Leggenda

Sembra che i prigionieri abbiano nascosto dozzine di oggetti, tra cui posate, forbici e ritagli di cuoio

Un certo numero di oggetti furono trovati nascosti sotto un camino nel complesso del campo di concentramento di Auschwitz.

Coltelli, forchette, forbici e strumenti erano tra gli oggetti trovati nel Blocco 17, che si dice abbia ospitato prigionieri con abilità artigianali.

Non è noto il motivo per cui i prigionieri avrebbero nascosto gli articoli sul sito.

Auschwitz, un campo di sterminio nazista nel sud della Polonia occupata durante la seconda guerra mondiale, fu l’epicentro del genocidio contro gli ebrei d’Europa.

In poco più di quattro anni e mezzo, la Germania nazista uccise sistematicamente almeno 1,1 milioni di persone, di cui quasi un milione erano ebrei.

La maggior parte furono assassinati ad Auschwitz II-Birkenau, sede delle enormi camere a gas.

Anche civili polacchi, prigionieri di guerra sovietici, rom, sinti, testimoni di Geova, omosessuali e prigionieri politici furono uccisi nel complesso.

Il Fondo nazionale austriaco per le vittime del nazionalsocialismo ha rinnovato il blocco 17, situato nel campo principale, per una mostra imminente.

I lavoratori hanno esposto una canna fumaria in aprile e hanno trovato gli oggetti all’interno. Si sono ripresi e documentati ciascuno prima di consegnarli al museo di Auschwitz.

Copyright dell’immagine
FOTO AFP / Nationalfonds / Kaczmarczyk / Marszalek

Leggenda

Il lavoro sul sito è stato ridotto a causa dell’epidemia di coronavirus in corso

Il motivo per cui i prigionieri nascondevano gli oggetti rimane poco chiaro. Ma un comunicato stampa della Austrian National Science Foundation afferma che le possibili ragioni potrebbero includere “fabbricare e riparare indumenti, fabbro o preparare una fuga” – o persino usarlo per barattare con altri prigionieri.

Sopravvissuti dell’Olocausto e leader internazionali si sono riuniti ad Auschwitz a gennaio per celebrare il 7 ° anniversario della liberazione del complesso.

Alla fine della guerra, nel 1945, c’erano più di 40 campi e sottocampi.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaMady Gerrard aveva 14 anni quando fu portata nel campo di concentramento di Auschwitz.
Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *