Biden in vista del ritmo di Clinton nel 2016

Qual e il punto: Quasi ogni volta che spiego che Trump è il leader di Biden, qualcuno dirà inevitabilmente “ma solo nel 2016”. Ecco perché questa settimana segna un’importante pietra miliare per la campagna Biden.

È stata una delle prime volte nell’anno elettorale che Biden ha chiaramente superato il ritmo di Hillary Clinton nel 2016 nella partita contro Trump.

Quattro anni fa, Trump ha chiuso il divario nazionale rapidamente con Clinton mentre stava sconfiggendo i rivali repubblicani Ted Cruz e John Kasich dalla corsa presidenziale. Il vantaggio medio di Clinton è passato da 10 punti nella prima metà di aprile a 6 punti nella seconda metà di aprile a 4 punti nella prima metà di maggio a solo 1 punto nei sondaggi presi quattro anni fa tra 16 maggio e 23 maggio.
In termini di sondaggi individuali di alta qualità, non devi cercare oltre Fox News. Clinton ha trascinato Trump 3 punti in uno Sondaggio Fox News quattro anni fa tra il 16 maggio e il 23 maggio. Ora Biden guadagna 8 punti in questo stesso sondaggio.
In effetti, anche Clinton aveva un telefono live di alta qualità Sondaggio ABC News / Washington Post quattro anni fa, completato tra il 16 maggio e il 23 maggio.

In particolare, Biden non ha seguito un singolo sondaggio dal vivo quest’anno.

Sebbene Clinton avrebbe riacquistato alcuni dei suoi vantaggi nel giugno 2016, il fatto che la gara fosse diventata così vicina a questo punto quattro anni fa era un’indicazione che l’elettorato era alquanto disturbato. Ciò ha dimostrato che nelle giuste circostanze, Clinton potrebbe perdere a livello nazionale o, quanto meno, che Trump potrebbe avvicinarsi abbastanza a livello nazionale per vincere al collegio elettorale.

Il vantaggio di Biden, ovviamente, è il più stabile di tutti i tempi. Il suo vantaggio non è mai caduto in un punto o in un punto vicino. È sempre stato vicino a 6 punti, come è stato il caso questa settimana. Se dovessi creare un intervallo di confidenza del 95% intorno ai sondaggi individuali del 2016 e del 2020, la gara del 2016 è stata circa 1,5 volte più volatile fino a questo punto.

Ma non è solo il margine che è importante esaminare. Guarda le percentuali di voto.

Il motivo per cui il vantaggio di Biden è così ampio rispetto a quello di Clinton è che è poco più di 5 punti avanti rispetto a Clinton in termini di percentuale di voti. Biden era leggermente superiore al 48%, mentre Clinton era leggermente inferiore al 43%.

Anche quando il vantaggio di Clinton si è allargato a giugno, non ha mai raggiunto il 48% nei sondaggi. Ha dovuto raccogliere molti più elettori in ritardo per mantenere il vantaggio al sicuro di quanto Biden probabilmente avrà bisogno.

È interessante notare che Trump ottiene circa la stessa percentuale di voti nei sondaggi rispetto alla fine di maggio 2016. Senza arrotondamenti, è solo di 0,4 punti in meno.

Alla fine di maggio c’erano molti elettori indecisi o di terze parti. Senza arrotondamento, Biden e Trump totalizzano in media l’89,5% dei voti. Clinton e Trump hanno aggiunto l’84,9%.

Tieni presente che alcuni dei sondaggi condotti quattro anni fa tra il 16 e il 23 maggio includevano il libertario opzionale Gary Johnson. Concentrandosi solo su coloro che lo avevano scelto, Clinton e Trump erano bloccati a un punto morto di poco inferiore al 39%. In altre parole, Trump era legato a Clinton quando aveva una quota di voto inferiore rispetto a quella dei sondaggi del 2020 al momento. I principali candidati del partito hanno totalizzato il 77% nei sondaggi su Johnson.

Quando il voto indeciso e di terzi è elevato nei sondaggi, significa maggiore incertezza. I candidati di terze parti tendono a sgonfiarsi durante l’anno elettorale. La combinazione dell’elettore indeciso e dei blocchi di terze parti offre ai candidati del partito principale un più ampio pool di elettori.
In altre parole, Trump aveva più margine di manovra quattro anni fa per guadagnare terreno. E, in effetti, Trump ha vinto grazie alla forza del suo sostegno tra gli elettori che hanno deciso il mese scorso.

Più americani hanno già dichiarato di essere pronti a votare per Biden nella partita elettorale più probabile di quanto abbiano mai fatto per Clinton in qualsiasi momento negli ultimi sei mesi di questa campagna.

L’ovvia domanda per il futuro è se Biden può tenere il passo. Finora, lui e la sua campagna nel seminterrato sono stati all’altezza.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *