Black Lives Matter: NBA discute della pittura di corte alla ripresa della stagione

La stagione NBA ha sospeso l’11 marzo a causa delle misure del coronavirus

L’NBA ha in programma di dipingere “Black Lives Matter” sul campo quando la stagione riprenderà il 31 luglio.

Ai giocatori della NBA sarebbe stato permesso di usare le parole che promuovono la giustizia sociale anziché i loro nomi sulle uniformi.

Le restanti partite della stagione si giocheranno al Disney World in Florida.

Il presidente della National Basketball Players Association Chris Paul, un portiere per l’Oklahoma City Thunder, ha dichiarato a ESPN: “Stiamo solo cercando di continuare a far luce sui vari problemi di giustizia sociale che i ragazzi della nostra lega continuano per parlare giorno dopo giorno.

“La gente dice che la giustizia sociale non sarà nella mente di tutti a Orlando. Con queste maglie, non andrà via.”

Egli è stato anche riportatolink esterno che un certo numero di giocatori della WNBA ha richiesto di allenarsi con messaggi di giustizia sociale scritti su di essi.

Il portiere Renee Montgomery di Atlanta Dream trascorrerà la stagione della WNBA concentrandosi sulla riforma della giustizia sociale dopo le proteste per la morte di Floyd.

Floyd, un uomo di colore disarmato, è morto sotto la custodia della polizia a Minneapolis dopo che un ufficiale si era inginocchiato sul suo collo per quasi nove minuti.

Ciò ha portato a proteste in tutto il mondo contro il razzismo e la brutalità della polizia.

La stagione WNBA riprenderà il 24 luglio prima del riavvio della NBA una settimana dopo.

I giochi si svolgeranno a porte chiuse a causa della pandemia di coronavirus. Sedici giocatori testato positivo per virus Venerdì.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *