Bolsonaro definisce il coronavirus una “piccola influenza”. Medici in orribile realtà negli ospedali in Brasile

Nell’enorme unità di terapia intensiva (ICU) dell’Istituto Emilio Ribas per le malattie infettive di San Paolo, la rabbia si diffonde tra i medici quando viene chiesto il commento al loro presidente. “Rivoltosi”, disse uno. “Non pertinente”, ha detto un altro.

Il Dr. Jacques Sztajnbok è più sobrio. “Non è un’influenza. È la cosa peggiore che abbiamo mai conosciuto nella nostra vita professionale.” I suoi occhi lenti e stretti, quando gli chiedo se è preoccupato per la sua salute. “Sì”, dice due volte.

Le ragioni sono chiare nel travolgente silenzio della terapia intensiva. Il coronavirus uccide dietro la tenda di una tenda dell’ospedale, in una calma soffocante, così distante ed estranea agli sconvolgimenti globali e alle rumorose divisioni politiche che ha ispirato. Ma quando ci vuole una vita, è intimamente orribile.

La prima notevole interruzione della calma è una luce rossa lampeggiante. Il secondo, un berretto da dottore, che si alza e si abbassa appena sopra uno schermo per la privacy, mentre le sue braccia rigide forniscono compressioni toraciche dure e spietate a un paziente.

La paziente ha quarant’anni e la sua storia medica ha significato per giorni che le possibilità di sopravvivere sono cattive. Ma il cambiamento, quando arriva, è improvviso.

Arriva un’altra infermiera. In questa unità di terapia intensiva, il personale medico fa una pausa in una stanza all’aperto per vestirsi e lavarsi, ma solo pochi istanti prima di tornare. Nel corridoio fuori, un dottore sta brancolando, indossando goffamente la vestaglia. Questi momenti sono arrivati ​​innumerevoli volte nella pandemia, ma oggi non è più facile. Questa unità di terapia intensiva è piena e il picco di San Paolo è probabilmente tra due settimane.

Attraverso il vetro della finestra, il personale in abiti si muove da vicino e gira intorno alla testa del paziente; per sostituire i tubi; cambiare postura; cambiare posizione e liberarsi a vicenda del compito estenuante. I loro incessanti tagli allo sterno della paziente sono tutto ciò che la tiene in vita.

Un dottore emerge, sudando sulla fronte, per fermarsi nell’aria più fresca del corridoio. Una porta a vetri scorrevole sbatte – un rumore raro – mentre un’altra si precipita. Per 40 minuti, la concentrazione silenziosamente frenetica continua. E poi, senza un segnale acustico, si interrompe improvvisamente. Le linee sui cardiofrequenzimetri sono piatte e permanenti.

Il coronavirus ha danneggiato le nostre vite così profondamente, ma il modo in cui uccide così spesso rimane nascosto nei confini della terapia intensiva, dove solo gli operatori sanitari laboriosi vedono il trauma. E per il personale qui, ci si sente più vicini ogni giorno.

Due giorni prima della nostra visita, hanno perso un’infermiera collega Mercia Alves, 28 anni di lavoro. Oggi, stanno insieme al vetro di un’altra stanza di isolamento, all’interno della quale è intubato un medico della loro squadra. Un altro collega è stato positivo quel giorno. La malattia che ha invaso il loro ospedale sembra essersi diffusa a loro.

Una scuola nella favolosa favela di Paraisopolis viene utilizzata come centro di isolamento per le persone con coronavirus.

L’ospedale Emilio Ribas è pieno di cattive notizie – senza spazio aggiuntivo prima del picco e il personale sta già morendo di virus – ma è il più attrezzato della città di San Paolo. Ed è un segnale di avvertimento oscuro per le prossime settimane del Brasile. La sua città più grande è la più ricca, dove il governatore locale ha insistito su una serratura e maschere. Tuttavia, i decessi sono ancora prossimi ai 6.000 e gli oltre 76.000 casi confermati sono indicazioni spaventose di ciò che – anche probabilmente il luogo più preparato in Brasile – sta per arrivare.

La ricchezza, non la salute, preoccupa Bolsonaro, che recentemente ha iniziato a definire la guerra contro il virus una “guerra”. Ma il 14 maggio, ha detto: “Dobbiamo essere coraggiosi per affrontare questo virus. La gente muore? Sì, lo sono, e me ne pento. Ma molti altri moriranno se l’economia continua a essere distrutto a causa di questi [lockdown] le misure.”

La malattia è diffusa nelle favelas

In tutta la città, nelle favelas, non c’è dibattito. Non avere quasi nulla è un luogo comune e qualche tempo fa ha portato la sua forma di isolamento dal resto della città. Ma la priorità qui è stata a lungo chiara: la sopravvivenza.

Renata Alves ride, scuote la testa e dice “non è rilevante”, quando gli è stato chiesto il parere di Bolsonaro, il virus è solo un “raffreddore”. I suoi affari sono seri e orari.

Intorno a lei, i compiti urgenti di rimanere vivi ronzano. In una stanza, sono disposte file di macchine da cucire, dove le donne imparano a tornare nelle loro strade e iniziano a creare maschere da qualsiasi cosa riescano a trovare. In un altro, 10.000 pasti vengono portati, preparati e spediti di nuovo, in numero molto ridotto, nelle strade incapaci di mettere cibo sui propri tavoli durante l’isolamento.

Alves, un operatore sanitario volontario con il gruppo di aiuti Gela Favela, si reca in una delle aree più colpite della periferia di Paraisopolis. Le sue stradine strette e fitte spiegano perché la malattia è così diffusa qui.

E Alves si rende conto di conoscere solo metà del quadro su un potenziale di 100.000 pazienti. È solo quando qualcuno ha tre sintomi che può offrire loro un test Covid-19, e anche questo è pagato qui da un donatore privato. Molti casi non vengono rilevati.

Mentre gli ospedali brasiliani vacillano sull'orlo del collasso, Bolsonaro si fa avanti con i sostenitori

“Il più delle volte, il test viene eseguito quando la persona è già in una fase avanzata della malattia”, dice, mentre si dirige verso la casa di Sabrina, un’asmatica isolata con tre bambini in tre lettere minuscole. camere. I medici usano un batuffolo di cotone per controllare la parte posteriore della gola con una torcia e salutano i suoi bambini annoiati e disorientati prima di continuare.

“I casi possono essere difficili”, mi dice Alves. “Una donna obesa aveva bisogno di otto persone per trasportarla nella nostra ambulanza. E un uomo con il morbo di Alzheimer … abbiamo dovuto chiedere alla famiglia se potevamo allontanarlo fisicamente da casa sua. C ‘è difficile.” La donna sopravvisse, l’uomo morì.

Maria Rosa da Silva è sopra la strada affollata – angosciata quando tutti sembrano uscire per incontrare il camion della spazzatura. La 53enne dice di pensare di aver preso il virus mentre andava al mercato qui, anche se indossava una maschera e dei guanti. È quindi “chiuso”, tre piani sulla sua terrazza verde, senza ringhiere. Il distanziamento sociale sembra possibile qui solo se lo fai verticalmente.

“Le persone come me nel gruppo a rischio muoiono”, ha detto. “Anche ieri è deceduto il proprietario della farmacia. Molti perdono la vita a causa della negligenza di qualcuno. Se è per il bene della società, dobbiamo farlo.”

I volontari preparano alcuni dei 10.000 pasti che vengono distribuiti quotidianamente ai residenti della favela di Paraisopolis, quindi non devono lasciare le loro case per mangiare.

La responsabilità sociale in queste strade pericolose e povere ha anche portato alla creazione di un centro di isolamento vicino a una scuola abbandonata. Il governo ha ceduto l’edificio a un progetto finanziato privatamente, che ora ha dozzine di pazienti all’interno. È pronto, con dormitori scintillanti uniformi monitorati dalla CCTV, per molti altri.

Altri segni di preparazione sono meno confortanti. Sulle colline sopra San Paolo, il cimitero di Vila Formosa trabocca di lutto e sbadigli in attesa – delimitato da infinite tombe vuote e fresche. Sembra che si verifichi una sepoltura ogni 10 minuti e anche questo non fa ammaccare i numerosi nuovi fori scavati nella polvere rossa.

Il Brasile è stato un passo avanti: per almeno due mesi ha visto la tragedia dei coronavirus spazzare il mondo.

Ma le prove schiaccianti nel mondo dell’orrore della malattia hanno invece dato messaggi contrastanti da parte del governo. E il bilancio delle vittime e il set di dati di nuovi casi – per quanto orribili siano – probabilmente non riflettono l’intera tragedia già in atto.

Ciò che è già accaduto altrove – e ha inviato razzi in tutto il pianeta – sta accadendo qui, lo stesso, e potrebbe anche essere peggio.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *