Causa tamponamenti a Berlino: “attacco islamista”

Si tratta di un “attacco terroristico islamista” lanciato ieri da un iracheno di 30 anni che ha provocato una serie di incidenti stradali lungo la tangenziale autostradale fuori Berlino. Secondo fonti della procura della capitale tedesca citate dalla stampa locale, l’attaccante, Sarmad A., è stato spinto dal “radicalismo islamico” a compiere tamponamenti e attacchi contro persone di altre zone. automobili, gridando “Allah Akbar”. .
L’uomo ha causato tre incidenti consecutivi sulla A100 a Wilmersdorf, Schöneberg e Tempelhof intorno alle 18.30 di ieri. “Nessuno si avvicina, altrimenti morirete tutti!” Avrebbe urlato minacciando di impugnare un ordigno esplosivo. Sei persone sono rimaste ferite nella serie di tamponamenti, tre delle quali gravemente.
Il quotidiano Bild ha appreso dai circoli della polizia che l’attacco è stato effettuato in un contesto patologico oltre che religiosi: ci sono segni di problemi psicologici anche nel 30enne iracheno.
L’uomo è stato arrestato dalla polizia. La polizia ha fermato il traffico su questa strada per ore, provocando enormi ingorghi, per controllare il contenuto di alcune scatole sospette lasciate dall’uomo nel suo veicolo. Una delle scatole è stata aperta a distanza per precauzione, ma non è stato trovato nulla di sospetto.

La minaccia terroristica di origine islamica è stata alta in Germania dall’attentato del dicembre 2016 nel mercato di Berlino, quando un camion lanciato in mezzo alla folla ha ucciso 12 persone. Da quella data, le autorità tedesche hanno sventato una dozzina di tentativi di tali attacchi, di cui due nel novembre 2019, secondo la polizia.

19 agosto 2020 (modifica il 19 agosto 2020 | 11:54)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *