Cina, grande paura per la diga delle Tre Gole minacciata dalle inondazioni

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
PECHINO – il più grande test per la colossale diga delle Tre Gole. Un test che preoccupa la Cina. Ha piovuto quasi inesorabile da giugno e lo Yangtze, gonfio di decine di affluenti, riversa 76 milioni di litri al secondo nel bacino della provincia centrale di Hubei. Il livello dell’acqua nella diga ha raggiunto i 145 metri di altezza, ma continua a salire, molto rapidamente. La vetta a 165,5 metri è prevista per sabato. La struttura alta 185 metri è stata progettata per resistere a una pressione fino a 175 metri. Dieci metri separano le Tre Gole dal rischio di disastri.

Gli ingegneri idraulici cinesi versano 49,2 milioni di litri di acqua al secondo, la quantità più alta da quando la diga è stata messa in servizio nel 2003. La Cina centrale e meridionale è in allerta. Continua la stagione delle piogge, che normalmente dura da giugno a fine luglio. A monte delle Tre Gole, centro della megalopoli di Chongqing sommersa dall’alluvione, 300.000 persone sono state evacuate dalle loro case; a valle, le province di Hunan, Henan e Hubei sono minacciate.

Nel Sichuan in via di estinzione il Buddha gigante di Lesham, una statua alta 71 metri con dodici secoli di storia, i cui piedi sono bagnati nell’acqua e nel fango, per la prima volta dal 1949. L’esercito ha eresse una trincea con sacchi di sabbia attorno al Buddha, ma il fiume li spazzò via. I militari non hanno potuto fare a meno di salvare i residenti di Leshan con le loro canoe e canoe improvvisate.

La situazione era così terribile che persino Xi Jinping si mosse. Il presidente è andato a ispezionare un posto di blocco nell’Anhui, per rilanciare il morale della popolazione e mostrare fiducia nella forza dell’esercito impegnato nei soccorsi. Xi ha usato la retorica, evocando la storia millenaria della Cina, punteggiata da disastri naturali che le persone hanno sempre saputo affrontare. Anche il segretario generale comunista ha fatto ricorso a leggende che parlano di un uomo capace di muovere le montagne e di un re che sfrutta le acque tumultuose dei fiumi. La Cina ha combattuto contro gli elementi malvagi e calamitosi della natura per migliaia di anni, acquisendo una preziosa esperienza, dobbiamo continuare la battaglia, ha detto Xi.

L’inondazione di questa estate condannata minaccia di bloccare la fragile ripresa economica della Cina dall’incubo del coronavirus. Da giugno il danno è stimato a 179 miliardi di yuan (oltre 20 miliardi di euro) e quattro milioni di persone sono state evacuate.

20 agosto 2020 (modifica il 20 agosto 2020 | 16:39)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *