Convenzione nazionale repubblicana: Trump minaccia di spostare l’evento della Carolina del Nord

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Decine di migliaia di repubblicani hanno partecipato alla convention nel 2016

Il presidente Donald Trump ha minacciato di spostare la Convenzione nazionale repubblicana se le restrizioni sulla dimensione della folla fossero imposte a causa della pandemia di coronavirus.

L’evento si svolgerà nella Carolina del Nord dal 24 al 27 agosto.

Lunedì, tuttavia, Trump ha dichiarato che avrebbe spostato il sito della convention se non fosse stata garantita la “piena partecipazione”.

Negli Stati Uniti, quasi 100.000 persone sono morte per coronavirus. Molti stati hanno adottato misure per prevenirne la diffusione.

  • Tutto ciò che devi sapere sulle elezioni americane
  • Donald Trump potrebbe ritardare le elezioni presidenziali?

In una serie di tweet rilasciati lunedì scorso, Trump ha dichiarato che il governatore democratico del Nord Carolina, Roy Cooper, era “ancora di umore chiuso” e che “non era in grado di garantire” che il L’evento si svolgerà a pieno regime a Charlotte, come inizialmente previsto.

“In altre parole, spenderemmo milioni di dollari per costruire l’arena secondo uno standard molto elevato senza nemmeno sapere se il governatore democratico avrebbe permesso al partito repubblicano di occupare completamente lo spazio”, ha dichiarato Trump.

I repubblicani che intendono partecipare alla convention “devono immediatamente ricevere una risposta dal governatore sulla possibilità di occupare completamente lo spazio”, ha affermato il presidente, o verrà scelto un altro sito.

Un portavoce del Governatore Cooper ha dichiarato che la Carolina del Nord “fa affidamento su dati e scienza per proteggere la salute pubblica e la sicurezza del nostro stato”.

“Quello che senti oggi dire il Presidente è solo una richiesta molto ragionevole da parte del Governatore della Carolina del Nord”, ha dichiarato il vicepresidente Mike Pence alla Fox & Friends in risposta ai tweet di Trump.

“Vogliamo tutti essere a Charlotte, adoriamo la Carolina del Nord”, ha detto. “Ma avere un significato ora è assolutamente essenziale a causa degli immensi preparativi che sono coinvolti e non vediamo l’ora di lavorare con il Governatore Cooper, ottenere una risposta rapida e, se necessario, spostare la convenzione nazionale in uno stato che è più avanti sulla riapertura e posso dire con sicurezza che possiamo riunirci lì “.

Quali sono le convenzioni?

I candidati presidenziali diventano candidati ufficiali solo quando i candidati presidenziali e vice-presidenziali di ciascun partito vengono annunciati durante la loro convenzione nazionale, e gli eventi sono quindi una parte fondamentale del processo elettorale prima della votazione del 3 novembre. .

Trump è alla ricerca di un secondo mandato e nessun altro repubblicano è in piedi.

I democratici hanno rinviato la loro convenzione per un mese a metà agosto a causa dell’epidemia di coronavirus.

L’ex vicepresidente Joe Biden è il presunto candidato democratico dopo che il senatore Bernie Sanders è diventato l’ultimo candidato ad abbandonare la gara ad aprile.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *