Coronavirus: allarme francese sull’inquinamento legato a Covid Med

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaGuanti e maschere di lattice macchiate trovate sul fondo del mare vicino ad Antibes

Un video girato da una ONG ambientale francese nel Mediterraneo mostra maschere e guanti sparsi sul fondo del mare.

L’operazione Clean Sea tenta di pulire la costa vicino alla località balneare di Antibes sulla Costa Azzurra.

È sgomentato da questo nuovo inquinamento dei coronavirus, che si aggiunge al problema già cronico dell’inquinamento da plastica.

Il gruppo dice che sta suonando l’allarme, poiché l’Europa sta lentamente emergendo dall’isolamento e le persone stanno iniziando a rivisitare le spiagge quando fa caldo.

  • Hai voglia di una pinta? Cinque modi in cui l’Europa rilassa la serratura
  • I negozi francesi riaprono ma le maschere sono ampiamente richieste

Il fondatore del gruppo, Laurent Lombard, che ha filmato le immagini subacquee e pubblicato su Facebook, dice “queste maschere – non le abbiamo da molto tempo e ne avremo miliardi, quindi sto attento, è l’inizio di un nuovo tipo di inquinamento”.

Immergendosi al largo del Golfe-Juan, vicino ad Antibes, trovò cinque maschere usa e getta e quattro guanti in lattice sul fondo del mare, oltre ai soliti rifiuti di plastica come bottiglie vuote.

Copyright dell’immagine
operazione di mare pulito

Leggenda

Maschere e guanti anti-coronavirus trovati con una massa di plastica nel Golfe-Juan

Già il 14 maggio – solo tre giorni dopo il rilassamento della Francia – gli addetti alle pulizie di Parigi si lamentavano sui social network che molte maschere erano state gettate sui marciapiedi della capitale.

Un deputato del sud delle Alpi Marittime, Eric Pauget, ha presentato un disegno di legge per aumentare la sanzione per aver cosparso un luogo pubblico di maschere. Condannerebbe un trasgressore a € 300 (£ 265; $ 330) invece degli attuali € 68, riporta il sito di notizie LCI.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *