Coronavirus: Amazon blocca gli articoli di magazzino non essenziali

Un lavoratore di Amazon in un magazzino a Swansea, nel GallesCopyright dell’immagine
Getty Images

Amazon si rifiuta temporaneamente di conservare alcuni articoli nei suoi magazzini, per soddisfare una domanda schiacciante di articoli essenziali per la casa a causa della pandemia di coronavirus.

Ciò significa che i venditori di articoli non essenziali di terze parti potrebbero avere difficoltà a spedire gli ordini ai clienti.

La mossa durerà fino al 5 aprile e riguarderà i magazzini negli Stati Uniti e in Europa.

Alcuni articoli, inclusi molti marchi di carta igienica, sono esauriti sul sito Web di Amazon nel Regno Unito.

La decisione di limitare le scorte di magazzino ai beni di consumo e alle forniture mediche è stata scoraggiata da alcuni venditori di altri prodotti.

“Le mie vendite sono appena raddoppiate e Amazon ha interrotto tutte le mie spedizioni”, ha affermato uno in un articolo sul sito di discussione Reddit.

“Questo è assolutamente folle”, ha scritto un altro – anche se hanno aggiunto che erano stati “preparati” per il disturbo.

I venditori di terze parti possono ancora elencare e vendere articoli su Amazon, ma devono imballare e spedire i prodotti stessi.

Amazon ha dichiarato alla BBC: “Stiamo temporaneamente dando priorità alle materie prime, alle forniture mediche e ad altri prodotti ad alta richiesta che entrano nei nostri centri di distribuzione in modo da poter ricevere, rifornire e consegnare questi prodotti ai clienti più rapidamente. capire che si tratta di un cambiamento per i nostri partner commerciali e apprezzare la loro comprensione “.

Amazon “stava facendo la cosa giusta”, ha detto alla BBC un venditore statunitense.

“Le piccole imprese soffriranno e alcune andranno in bancarotta se l’interruzione della catena di approvvigionamento va oltre un mese”, ha dichiarato Samantha Morrison, che vende una gamma di prodotti elettrici e informatici attraverso Amazon.

Ha detto che era comunque importante che Amazon rimanesse in grado di fornire oggetti essenziali alle persone quando necessario.

Morrison ha aggiunto che pensava che i suoi affari sarebbero stati minimizzati perché aveva abbastanza inventario per “resistere alla tempesta”.

Avatar

Elario Necci

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *