Coronavirus: blocco sfida francese con Music Festival

Persone che partecipano a un evento per la Festa della musica a ParigiCopyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Domenica le regole della distanza sociale e della maschera facciale sono state spesso ignorate

Migliaia di persone si sono radunate in Francia domenica per celebrare un festival musicale annuale, sfidando le restrizioni di blocco dei coronavirus.

I festaioli hanno ignorato le regole del distanziamento sociale e hanno ballato nelle strade per la Fête de la Musique, conosciuta come Music Day in inglese.

La polizia si è scontrata con alcuni festaioli a Parigi e con manifestanti a Nantes, usando gas lacrimogeni contro i manifestanti.

Le immagini pubblicate online delle celebrazioni hanno suscitato forti critiche.

La Francia ha allentato molte delle sue restrizioni sui coronavirus. Il presidente Emmanuel Macron ha dichiarato una “prima vittoria” sul virus all’inizio di questo mese e le scuole hanno riaperto lunedì per tutti gli studenti di età inferiore ai 15 anni.

Ma alcuni temono che il governo alzerà la serratura troppo rapidamente. La Francia ha confermato 160.377 casi di virus e 29.640 morti – il quinto conteggio più grande al mondo.

Che cosa è successo domenica?

Milioni di francesi di solito affollano le strade per l’evento annuale, celebrando in occasione di eventi ufficiali e anche con concerti estemporanei.

Il ministro della sanità Olivier Véran ha chiesto alla gente di “continuare a rispettare [social distancing measures] in ogni caso, per proteggere te stesso e i tuoi cari “.

  • La Francia alza i marciapiedi per “un’estate come nessun’altra”
  • Come viene sollevata la serratura in Europa?

Ma le immagini pubblicate online mostrano migliaia di strade che invadono le città di tutto il paese – compresi i quartieri di Canal Saint Martin e Le Marais a Parigi – ignorando le regole del distanziamento e in gran parte celebrando senza maschera. Le norme attuali vietano le riunioni pubbliche di oltre 10 persone.

La gente celebrava fino a notte fonda e lunedì mattina presto. Agli Invalides di Parigi, la polizia ha sparato gas lacrimogeni per disperdere la folla dopo alcuni proiettili lanciati.

Alla fine, sette persone furono arrestate nella capitale.

In Francia, le persone dovrebbero mantenere una distanza di 1 m (3,3 piedi) l’una dall’altra in pubblico, le maschere sono richieste in tutti i trasporti pubblici e le riunioni di 5.000 o più persone saranno consentite solo il 31 Agosto al più presto.

A Nantes, c’è stata anche una manifestazione in memoria di Steve Maia Caniço, un ragazzo di 24 anni che è annegato nel fiume durante il festival dell’anno scorso, a seguito di un raid della polizia durante un concerto gratuito.

Migliaia di persone hanno marciato per la città e alla fine si sono imbattuti in ufficiali.

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Migliaia di persone hanno marciato per la città nella Francia occidentale

Molti hanno criticato gli eventi online, temendo che le riunioni di massa portino a un ulteriore aumento delle infezioni.

“Capisco che la Fête de la Musique è liberatoria ma non potremmo evitarlo quest’anno?” chiese il dottor Gilbert Deray dell’ospedale La Pitié-Salpêtrière di Parigi, dicendo che sarebbe stato “catastrofico” se l’epidemia fosse tornata.

L’evento si è verificato mentre la Francia si preparava a revocare le restrizioni imposte per combattere la pandemia.

Lunedì è diventato obbligatorio per tutti i bambini fino a 15 anni tornare a scuola. Il Ministro della Pubblica Istruzione francese Jean-Michel Blanquer ha ringraziato lo staff della scuola lunedì per assicurarsi che i bambini potessero finalmente tornare in classe.

Anche i cinema sono stati riaperti in tutto il paese, sebbene siano in atto rigide restrizioni.

Le autorità affermano che ogni partecipante deve avere un posto vuoto su ogni lato e deve indossare una maschera facciale, e nessun cinema può essere mezzo pieno in qualsiasi momento.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *