Coronavirus: è sicuro visitare i parchi nazionali degli Stati Uniti?

Copyright dell’immagine
Reuters

Leggenda

Un famoso geyser a Yellowstone

I parchi nazionali stanno riaprendo negli Stati Uniti e la gente è elettrizzata. Dopo settimane a casa, vogliono disperatamente uscire. Ma è sicuro?

Judah Brass, 19 anni, è rimasta a Knoxville, nel Tennessee, con i suoi genitori e fratelli per settimane. Ma pochi giorni fa, sono andati a fare un’escursione nelle Great Smoky Mountains in un parco vicino alla loro casa.

“In piedi nella brezza, ero così grato”, dice, descrivendo com’era vedere i fiori di primavera e sentire il gracchiare delle rane. “Stava liberando.”

Fu uno dei primi a visitare il Great Smoky Mountains Park dopo la sua riapertura.

Il parco, così come il Parco Nazionale di Yellowstone e molti altri parchi nazionali, erano stati chiusi a causa della pandemia. I funzionari del parco erano preoccupati per il virus e hanno chiuso l’accesso a molti parchi nazionali a marzo.

  • La grande avventura americana è in corso … per ora

I parchi sono i tesori del paese, evidenziando la bellezza che va dalle Everglades della Florida alle gigantesche sequoie della California. Con offerte così impressionanti, i parchi attirano folle: l’anno scorso oltre 4 milioni di persone hanno visitato solo Yellowstone. Ma le Great Smoky Mountains, anch’esse riaperte, sono le più trafficate: un milione di visitatori ogni mese.

Ciò significa che le persone che sono state rinchiuse per settimane possono ora andare nei parchi e godersi la vita all’aria aperta.

Copyright dell’immagine
Giuda in ottone

Leggenda

Judah Brass, studente a casa a Knoxville e Little Pigeon River, Tennessee

Il presidente ha celebrato l’apertura dei parchi in un discorso il mese scorso, affermando di aver dimostrato che gli Stati Uniti hanno compiuto progressi nei suoi sforzi per combattere il virus.

“Le persone saranno molto felici”, ha detto.

Ha ragione: gli escursionisti e gli altri sono entusiasti di tornare nei grandi spazi aperti.

Sanno che trascorrere del tempo all’aperto fa bene al benessere mentale, emotivo e fisico. La scienza mostra anche che aiuta le persone al lavoro e consente loro di trovare nuovi modi per risolvere i problemi.

Shelley Carson, professore di psicologia alla Harvard University, spiega: “Essere circondati da bellezze naturali aiuta la nostra capacità di essere creativi”.

Ma gli escursionisti e gli amanti della natura, anche i più appassionati, sono preoccupati per i rischi. Si preoccupano per la folla al parco. Si chiedono se verranno seguite le linee guida sul distanziamento sociale e non sanno se è sicuro trovarsi in un posto con così tante persone.

Jon Waterman, ex ranger del parco e autore di un libro intitolato National Parks Atlas, ama chiaramente i parchi. Tuttavia, pensa che potrebbe non essere il momento migliore per visitarli.

“Sarà difficile, se non impossibile, applicare le regole del distanziamento sociale”, ha detto. “Chiunque pensi di poter visitare tranquillamente Yellowstone non la pensa chiaramente. Questi parchi nazionali sovraffollati semplicemente non saranno al sicuro.”

La riapertura dei parchi arriva in un momento chiave per la nazione e la sua lotta contro la pandemia. Quasi 100.000 persone sono morte a causa del virus e delle linee guida sanitarie per prevenire l’infezione: le persone devono lavarsi spesso le mani, praticare la distanza sociale e indossare maschere in pubblico.

Il paese si sta ancora aprendo. I funzionari statali negli Stati Uniti hanno modificato i loro ordini di residenza, permettendo alle persone di avventurarsi e riprendere alcune delle loro attività. Per molti, questo significa una visita al parco.

Le autorità hanno cercato di ridurre al minimo il pericolo. Aprono i parchi in più fasi per limitare il numero di persone che visiteranno contemporaneamente. E i centri di accoglienza sono chiusi.

Un portavoce del National Park Service ha detto alla BBC che le persone dovrebbero seguire le linee guida sulla salute della Casa Bianca quando visitano tutti i parchi e tenersi a distanza dagli altri: “Dai agli altri molto spazio se lo sei su una pista, quando si lancia una barca o in un parcheggio “.

Tuttavia, le persone si precipitano nei parchi, rendendo difficile evitare la folla.

In alcune parti del Parco delle Grandi Montagne Fumose, era affollato, dice Anna Zanetti, direttrice di un’organizzazione no profit chiamata Friends of the Great Smoky Mountains National Park. Sono venuti a frotte dopo la sua riapertura, e lei dice che ha portato al “sovraffollamento”.

Copyright dell’immagine
Anna Zanetti

Leggenda

Anna Zanetti con Mr. Pickles alla DuPont State Forest nella Carolina del Nord

Nel frattempo, i visitatori di altri parchi pubblicano linee guida per la salute. Questa settimana a Yellowstone, Rapporti del guardiano, le persone non indossavano maschere.

Non tutti i visitatori del parco sono stati cavalieri.

Prima che Judah Brass e altri membri della famiglia viaggiassero verso le Great Smoky Mountains, impacchettavano maschere e disinfettanti per le mani “per ogni evenienza”, afferma. Hanno visitato durante la settimana e il posto non era affollato.

Gli esperti di salute pubblica ritengono che i benefici dell’apertura dei parchi nazionali siano superiori ai rischi, purché i visitatori prendano precauzioni come fa la famiglia Brass.

Porta maschere e disinfettanti per le mani, dice Joseph Allen della Harvard TH Chan School of Public Health. Se sei vicino agli altri, dovresti indossare la maschera, dice, anche quando sei in una foresta. (Se ti trovi separato dagli altri su un sentiero alberato, dice “va bene indossare la maschera.”)

Per Judah Brass, i vantaggi sono chiari, quindi vale la pena prendere le precauzioni.

“Questa grande, bellissima vista”, dice, ricordando quello che ha visto, “e il campo di fronte alle montagne. Era semplicemente bellissimo.”

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *