=

Coronavirus: i medici venezuelani temono il peggio mentre si avvicina la pandemia globale

Secondo l’amministrazione del presidente assediato Nicolas Maduro, solo 107 casi diagnosticati di coronavirus sono stati finora ufficialmente riconosciuti; Tuttavia, la capacità di test del paese sarà probabilmente bassa, dato che il suo sistema sanitario paralizzato non può nemmeno garantire l’elettricità in tutte le strutture.

Il governo Maduro sa che la diffusione del virus potrebbe causare problemi eccezionali alla popolazione fragile carenza cronica di materie prime così come strumenti medici. La scorsa settimana, ha chiesto di quarantena immediata in tutto il paese, un segno dei rischi significativi posti dal virus.

Nelle strade di Caracas, la tensione è palpabile. Il governo ha incaricato i militari di applicare il decreto nazionale. I soldati possono essere visti allestire posti di blocco armati e assumere stazioni di rifornimento per rifornire di carburante.

Negli ospedali pubblici, dove le risorse sono già scarse, la sensazione è quella della calma prima della tempesta. “Le aspettative per il Venezuela sono davvero uno scenario terrificante”, ha affermato il dottor Christian Ramos, medico della compagnia di assicurazione sanitaria Universitas.

“Se questo è ciò che sta accadendo in Italia, con tutte le risorse a sua disposizione, immagina cosa potrebbe accadere qui”, ha detto.

Il dottor Martin Carballo, epidemiologo presso l’ospedale universitario di Caracas, afferma che medici e civili hanno paura delle ricadute del coronavirus. “Non è un segreto che non siamo pronti per questo”, ha detto Carballo. “C’è molta paura, sia nella popolazione generale che tra i medici, un vero panico su ciò che potrebbe accadere”.

L’ospedale di Carballo è uno dei pochi che il governo ha specificamente designato per curare le persone che hanno contratto il virus. L’ospedale universitario di Caracas affronta le stesse carenze del resto del paese: disinfettante, cloro, guanti chirurgici, maschere e fondi. Ma ha ancora miglia di anticipo rispetto a molti altri ospedali venezuelani, perché almeno questa amministrazione ospedaliera è stata in grado – con notevole sforzo – di garantire che l’edificio abbia acqua ed elettricità.

Molti di coloro che lavorano fuori dalle principali città temono di essere lasciati indietro. Nella remota città di Santa Elena de Uairen, vicino al confine con il Brasile, il Dr. Jose Garcia suona l’allarme. “L’amministrazione afferma di aver fornito attrezzature aggiuntive al nostro ospedale, ma non ci sono personale a lavorare con esso”, ha detto.

“Non abbiamo nemmeno uno specialista in pneumologia. La città più vicina dista più di 600 chilometri”, aggiunge. “Il governo dice che siamo pronti, ma è sempre la stessa cosa: improvvisazione e repressione”.

È improbabile che i venezuelani trovino aiuto oltre i loro confini. Il Brasile ha annunciato mercoledì la “chiusura parziale” del suo confine con il Venezuela, consentendo il passaggio solo ai cittadini brasiliani e ai residenti permanenti.

“Il popolo venezuelano avrà fame”

Un pericolo imminente potrebbe essere la ricaduta economica e infrastrutturale per una popolazione già in difficoltà. La fame è già un assassino in Venezuela e molte persone qui dipendono da reti di supporto. Pochi possono permettersi di raccogliere forniture per la quarantena automatica di qualsiasi lunghezza.

“I venezuelani avranno fame, non avranno accesso all’acqua e non avranno accesso al lavaggio delle mani e alcuni saranno presto senzatetto, il che è rischioso per la diffusione del virus”, ha affermato Marianne Menjivar, Direttore nazionale della Colombia e del Venezuela per il Comitato internazionale di salvataggio.

Feed the Solidarity, un programma di ONG con sede a Caracas che nutre più di 14.000 bambini nei bassifondi della capitale, afferma che i suoi volontari stanno facendo tutto il possibile per mantenere attivo il servizio. Le loro cucine per zuppe ora ammettono solo cinque bambini alla volta per prevenire grandi manifestazioni e temono cosa accadrà se il governo ordina un completo arresto.

“Se dovessimo chiudere, più di 30.000 persone a Caracas saranno colpite, causando danni indicibili alla popolazione”, ha dichiarato Leandro Buzón, un volontario.

Baudilio Vega, che gestisce una casa di cura con 80 anziani nella parte orientale di Caracas, ha detto alla Galileus Web che la cucina era già a corto di cibo. Teme che i donatori e i parenti che lo riforniscono possano essere costretti a fermarsi a causa di blocchi del trasporto militare.

I litigi politici continuano

Per combattere il virus, chiese Maduro un prestito di emergenza dal Fondo monetario internazionale all’inizio di questo mese e ha chiesto la revoca delle sanzioni statunitensi contro il Venezuela. Ma il FMI ha respinto la richiesta, citando il fatto che il suo governo non è universalmente riconosciuto dalla comunità internazionale. Molti paesi in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti e la maggior parte del Sud America, mettono in dubbio la pretesa di Maduro al potere e hanno riconosciuto il leader dell’opposizione Juan Guaido come legittimo leader del governo. paesi.

Gli oppositori politici di Maduro lo accusano di politicizzare la crisi. Storicamente, le sanzioni del Tesoro USA includono eccezioni per autorizzare l’acquisto di forniture umanitarie – ma allo stesso tempo, il potere d’acquisto del Venezuela è diminuito considerevolmente, poiché è stato gradualmente eliminato dalla maggior parte dei mercati internazionali dall’inizio sanzioni nel 2017.

Il presidente assediato Nicolas Maduro.
La scorsa settimana, il Venezuela ha annunciato di aver ricevuto 4000 kit di test Covid-19 dalla Cina, un alleato internazionale chiave di Maduro.

“Spero che questa sarà un’opportunità per revocare il blocco imposto agli Stati Uniti da noi”, ha affermato Ingrid Sanchez, un membro del Partito Socialista Unito al potere in Venezuela. “Abbiamo bisogno di risorse per comprare droga”.

Guaido ha creato a Commissione per la salute alternativa gestire gli aiuti umanitari in entrata. Come ha fatto per oltre un anno, ha anche chiesto l’immediato ritiro di Maduro dal potere e l’apertura del paese alla piena assistenza umanitaria – ma la chiamata familiare fa temere che la pandemia possa diventare un nuovo campo di battaglia politico tra le due amministrazioni di giostra, con la vita dei comuni venezuelani in bilico.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

=