Coronavirus: impiegato dell’OMS ucciso in Myanmar raccogliendo campioni

Copyright dell’immagine
EPA

leggenda

Pyae Sone Vinci il corpo di Maung trasportato in ambulanza all’ospedale di Sittwe

Un conducente dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è stato ucciso in una regione del Myanmar devastata dai conflitti mentre raccoglieva campioni di sorveglianza da Covid-19.

Pyae Sone Win Maung stava guidando un veicolo delle Nazioni Unite ben identificato quando fu fucilato nello stato di Rakhine.

Le Nazioni Unite affermano che dozzine di civili sono stati uccisi mentre i combattimenti tra l’esercito e il gruppo armato dell’esercito etnico arabo si sono intensificati nelle ultime settimane.

Le due parti si sono accusate a vicenda della morte del guidatore dell’OMS lunedì.

L’esercito in Myanmar (chiamato anche Birmania) e l’esercito Arakan negano di essere coinvolti.

Il maggiore generale tunisino Tun Tun Nyi, un portavoce dell’esercito, ha affermato che le sue forze non hanno motivo di attaccare il veicolo delle Nazioni Unite.

“Lavorano per noi, per il nostro paese”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters. “Abbiamo la responsabilità.”

L’ufficio delle Nazioni Unite in Myanmar ha dichiarato di essere “profondamente rattristato” dalla morte del conducente di 28 anni nei pressi di un checkpoint militare nel cantone di Minbya.

Secondo un articolo pubblicato su Facebook, il veicolo contrassegnato stava viaggiando da Sittwe a Yangon, portando campioni di sorveglianza da Covid-19 “a sostegno del Ministero della salute e dello sport”.

Le Nazioni Unite non hanno specificato chi ha sparato, il che ha anche ferito un impiegato del governo.

Il padre dell’autista, Htay Win Maung, ha detto che il suo cuore era “spezzato”.

“Cerco di calmarmi pensando che sia morto mentre faceva i compiti in prima linea”, ha aggiunto. “È andato lì nel bel mezzo dei combattimenti quando molte persone non hanno osato andarci.”

Paesi come il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno chiesto la fine dei combattimenti in mezzo alla pandemia globale di coronavirus. Più di 80 casi sono stati segnalati in Myanmar, oltre a quattro morti.

L’esercito di Arakan, buddisti etnici che hanno intensificato la loro campagna di autonomia negli ultimi due anni, ha dichiarato un cessate il fuoco di un mese, ma è stato respinto dal governo.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *