Coronavirus: la Danimarca apre i suoi confini agli amanti divisi

Le guardie di frontiera tedesche chiudono il confine con la DanimarcaCopyright dell’immagine
Reuters

Leggenda

Il confine tra Germania e Danimarca fu chiuso quando l’epidemia di coronavirus colpì a marzo

La Danimarca ha aperto i suoi confini alle coppie che sono state separate dai loro partner dal blocco del coronavirus.

Da lunedì, le coppie transfrontaliere che vivono nei paesi nordici o in Germania possono ora visitare la Danimarca.

Le regole attualmente richiedono che gli utenti dimostrino la loro relazione con foto, messaggi di testo ed e-mail.

Ma il Ministro della Giustizia ha annunciato che questi regolamenti saranno allentati nei prossimi giorni, quindi tutto ciò che serve è una lettera firmata da entrambe le parti.

“Se dici di essere un ragazzo e firma [the letter], lo assumeremo [is true]”Il ministro della giustizia Nick Hækkerup ha dichiarato all’emittente TV2.

Numerosi paesi europei stanno valutando la possibilità di riaprire i confini interni dell’Europa man mano che l’epidemia si attenua.

La Germania ha offerto di consentire viaggi negli altri 26 Stati membri dell’UE, nonché nel Regno Unito e nei paesi terzi, come Islanda e Norvegia, che si trovano nell’area Schengen senza frontiere a dal 15 giugno. L’UE ha pubblicato orientamenti sul modo migliore per eliminare le restrizioni ai viaggi.

Ma restano in vigore molte restrizioni. Diverse persone hanno dichiarato alla BBC la loro frustrazione per le norme in vigore relative ai partner, anche se i paesi allentano le loro misure di blocco.

Quali sono le regole?

Attualmente, le autorità affermano che le persone devono fornire il nome, l’indirizzo e i dettagli di contatto del proprio partner in Danimarca, nonché i registri telefonici, le foto e le storie di testo per dimostrare la relazione.

I residenti permanenti di Finlandia, Islanda, Germania, Norvegia e Svezia sono tutti ammissibili, a condizione che il loro partner sia residente in Danimarca.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaCome la datazione e l’amore continuano per tre coppie mentre il coronavirus è bloccato.

La polizia ha anche detto che questo vale solo per le persone in relazioni serie, che definiscono circa sei mesi – con incontri faccia a faccia reali e non solo online o al telefono.

I partiti di opposizione, tuttavia, hanno criticato le rigide regole, spingendo il governo a ripensare. Pur aderendo alle linee guida per le relazioni “serie”, i partner dovranno solo firmare un documento in cui si dichiara che ciò è il caso e che potranno entrare nel Paese.

“Sebbene gli altri partiti siano in opposizione, a volte possono dire cose sensate – e ascolto sempre gli altri partiti”, ha affermato Hækkerup.

Le regole stabiliscono anche che chiunque dalla Germania o dai paesi nordici che ha una casa per le vacanze in Danimarca può venire nel paese.

Come influenzerà le coppie?

I nuovi regolamenti saranno una buona notizia per migliaia di coppie separate.

Gli ottantenni Inga Rasmussen della Danimarca e Karsten Tüchsen Hansen della Germania hanno attirato l’attenzione del mondo quando l’epidemia ha colpito l’Europa a marzo.

I due andarono nella città di confine di Aventoft per chiacchierare e bere qualcosa, seduti alla distanza di sicurezza raccomandata.

Copyright dell’immagine
Reuters

Leggenda

Inga Rasmussen della Danimarca, a destra, e Karsten Tüchsen Hansen si sono incontrati al confine

Ma ce ne sono molti altri che rimangono separati dai loro partner dai confini.

Alcuni in Danimarca hanno creato un gruppo di Facebook, Girlfriends Separated by Border Closures, per le persone colpite dalla preclusione.

Carl Gustav Gylling, uno studente di 23 anni di Copenaghen, non vede la sua ragazza svizzera dall’inizio di marzo. Sebbene inizialmente sostenesse la preclusione, Gylling disse alla BBC che era sempre più frustrato dai governi europei che discutevano di aprire le frontiere ai turisti e al commercio internazionale, ma non ai partner che frequentemente vanno l’un l’altro.

“Sono più che sicuro al momento che le coppie farebbero qualsiasi cosa per vedersi”, ha detto nei commenti via e-mail. “Persino andare in quarantena per tre settimane [on arrival], che risolverebbe quasi tutti i problemi. “

Christian Trampedach – separato dalla sua ragazza, che vive in Brasile – ha affermato che il governo ha “assimilato coppie e turisti” durante le discussioni sulla fine della preclusione.

“Oserei dire che stare lontano dai tuoi cari provoca più stress emotivo che essere costretto a saltare altre vacanze estive”, ha detto.

  • L’amore non conosce confini per una coppia di anziani
  • Avremo la stagione turistica estiva, promette l’UE

Donny ter Heide è un ingegnere di progetto di 24 anni che vive a Enschede, nei Paesi Bassi. La sua ragazza Mira vive a Copenaghen e non si vedono dal 16 febbraio.

Chattano quotidianamente al telefono e online e usano Skype almeno una volta alla settimana. Ha detto alla BBC che la cosa peggiore non era avere “una scadenza” perché le cose tornassero alla normalità.

“Vorremmo solo sapere quando possiamo vederci e quali saranno le regole se ci visitiamo, ad esempio, dobbiamo rimanere in quarantena o altro”, ha detto. “Lo rende molto difficile per entrambi.”

Laila Svanholmer è d’accordo. Il suo ragazzo vive in California, negli Stati Uniti, e ha detto alla BBC che non sapere quando lo avrebbe visto di nuovo era “insopportabile”.

“È frustrante, stressante e straziante essere forzatamente separati dalla persona che ami”, ha detto, descrivendo le chiusure dei confini come “decisioni interamente politiche” e non mediche.

Ha anche chiesto perché i turisti con case vacanza potrebbero visitare e non i partner. “Vengono qui per trascorrere una settimana o due in spiaggia. Come può essere più essenziale che visitare una persona cara?”

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha imposto un divieto di viaggio a 26 paesi europei a marzo, una mossa che ha suscitato rabbia e confusione nell’UE.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *