Coronavirus: la Spagna accoglie di nuovo i turisti alla fine dell’emergenza

Copyright dell’immagine
Reuters

Leggenda

I turisti ricominciano ad affollarsi a Maiorca

La Spagna ha revocato il suo stato di emergenza, riaprendo i suoi confini ai visitatori della maggior parte dell’Europa e consentendo ai turisti britannici di entrare senza essere messi in quarantena.

Negli ultimi tre mesi, la Spagna è stata soggetta a una delle misure di blocco più severe in Europa per fermare la diffusione del coronavirus.

Il primo ministro Pedro Sánchez ha avvertito che i controlli igienici devono essere rigorosamente osservati, nonostante il rilassamento.

Il bilancio delle vittime di Covid-19 in Spagna è di 28.322, il terzo più alto dell’UE.

Lo stato di emergenza è stato dichiarato il 14 marzo e per diverse settimane le persone non sono state in grado di uscire per fare esercizio fisico e ai bambini non è stato permesso di lasciare la propria casa per nessun motivo. .

La Spagna attira normalmente 80 milioni di turisti all’anno, con il turismo che fornisce oltre il 12% del PIL del paese.

La riapertura del mercato delle vacanze prima della fine della stagione estiva è considerata cruciale per l’economia spagnola.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaArancha González Laya: “I visitatori britannici possono arrivare liberamente e senza quarantena”

Gli arrivi avranno la loro temperatura rilevata in aeroporto, indicano se hanno avuto il virus e forniscono i loro dati di contatto. La Spagna si sta nuovamente aprendo al resto dell’UE e ai paesi Schengen non appartenenti all’UE.

E ora gli spagnoli possono di nuovo godere di un viaggio senza restrizioni nel proprio paese.

Ma le regole del distanziamento sociale rimangono in vigore: le persone devono stare a 1,5 m (5 piedi) l’una dall’altra in pubblico, indossare maschere nei negozi e sui mezzi pubblici, dove questa regola non può sempre essere rispettato e lavarsi le mani frequentemente.

“Dobbiamo stare in guardia e seguire rigorosamente le misure di igiene e protezione”, ha dichiarato Sánchez.

Ha avvertito del rischio di una seconda ondata di coronavirus, “che dovrebbe essere evitato a tutti i costi”.

La frontiera terrestre della Spagna con il Portogallo rimane chiusa fino al 1 ° luglio, su richiesta del Portogallo.

Mentre la Spagna ha revocato le restrizioni di viaggio per molti stranieri, l’aeroporto Adolfo Suárez di Madrid-Barajas era ancora relativamente tranquillo. Era operativo solo il Terminal 4, con un elenco limitato di voli.

Ma molti di coloro che sono passati attraverso la sala degli arrivi erano felici di essere in Spagna. “È molto speciale, sono qui da tre mesi e mezzo!” ha detto Martina, una svizzera che vive a Madrid che era volata da Zurigo.

La Spagna ha allentato le restrizioni sui propri cittadini per diverse settimane e la preclusione di tre mesi del paese è terminata con la revoca dello stato di emergenza nazionale.

Nel centro di Madrid, c’era poca differenza evidente nell’atmosfera. Molti bar e ristoranti sono stati aperti per alcune settimane e dentro e intorno alla famosa Plaza Mayor della città, alcuni di loro erano occupati con i clienti che ordinavano tapas e vino.

Tuttavia, molti hotel a Madrid e in altre città orientate al turismo rimangono chiusi in attesa del ritorno di più turisti internazionali.

Proprietà di proprietà britannica

Il ministro degli Esteri Arancha Gonzalez Laya ha dichiarato alla BBC che non ci saranno più di due settimane di quarantena per i turisti britannici. La Spagna sta ancora discutendo se il Regno Unito farà lo stesso.

Ma ha detto che la decisione spagnola è stata “per rispetto dei 400.000 cittadini britannici che hanno una seconda casa in Spagna” e che “stanno morendo dalla voglia di approfittarne”.

Copyright dell’immagine
EPA

Leggenda

Gli aeroporti spagnoli ricordano ai visitatori di indossare maschere per il viso

Nelle ultime settimane, la Spagna ha gradualmente allentato le restrizioni, come i suoi vicini dell’UE, riaprendo aziende e spazi pubblici come i parchi.

Guillermo Umbria, residente a Madrid, ha affermato che la fine dello stato di emergenza è stata “molto positiva per la società in generale”. “Dobbiamo cercare di tornare alla normalità il più presto possibile, perché la crisi economica sarà molto scioccante per tutti. Soprattutto per molti settori come hotel, turismo”.

La Francia torna a scuola

In Francia, milioni di bambini si preparano a tornare a scuola lunedì, nelle ultime settimane prima delle vacanze estive, dopo aver trascorso circa tre mesi a casa.

Le lezioni riaprono per tutti gli studenti delle scuole primarie e secondarie fino a 15 anni, sebbene la frequenza di alcuni gruppi di bambini sia stata limitata nelle ultime settimane.

La Francia riaprirà anche i cinema da lunedì e gli stadi degli sport di squadra.

  • La Francia alza i marciapiedi per “un’estate come nessun’altra”

Nel frattempo, in Italia, le tanto attese partite di calcio di Serie A sono riprese sabato, dopo tre mesi di interruzione del coronavirus.

Secondo gli ultimi dati ufficiali, il bilancio delle vittime in Italia è di 34.610 – il secondo più alto in Europa dopo 42.461 nel Regno Unito – e il bilancio della Francia è di 29.633. Le cifre dovrebbero comunque essere trattate con un po ‘di cautela, poiché i paesi variano nel modo in cui calcolano i decessi da Covid-19.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *