Coronavirus: l’Arabia Saudita vieta i pellegrini internazionali per Hajj

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaI musulmani di tutto il mondo eseguono Hajj ogni anno alla Mecca, in Arabia Saudita.

L’Arabia Saudita ha vietato ai visitatori internazionali di compiere il pellegrinaggio islamico, o Hajj, quest’anno allo scopo di controllare il coronavirus.

Solo un numero molto limitato di persone che attualmente vivono nel regno può partecipare, secondo un annuncio nei media statali.

Si stima che due milioni di persone avrebbero altrimenti visitato la Mecca e Medina quest’estate per l’incontro annuale.

Si temeva che l’Hajj potesse essere completamente cancellato.

Normalmente, il pellegrinaggio è uno dei momenti più importanti del calendario religioso musulmano. Ma quest’anno potranno partecipare solo cittadini di paesi di tutto il mondo che già risiedono in Arabia Saudita.

Copyright dell’immagine
AFP

Leggenda

Fedeli socialmente distanti che pregano alla Mecca in aprile

Le autorità affermano che questo è l’unico modo in cui possono elaborare piani di allontanamento sociale per proteggere le persone.

L’Arabia Saudita ha registrato 161.005 casi di infezione e 1.307 morti. Ha solo revocato un blocco nazionale durante il fine settimana.

Che cos’è Hajj?

Il pellegrinaggio almeno una volta è uno dei cinque pilastri dell’Islam: i cinque obblighi che ogni musulmano che è sano e può permettersi deve adempiere per vivere una vita buona e responsabile, secondo ‘Islam.

I pellegrini si radunano alla Mecca per stare di fronte alla struttura nota come Kaaba, lodando Allah (Dio) insieme.

Eseguono anche altri atti di adorazione, rinnovando il loro senso di scopo nel mondo.


Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *