Coronavirus: l’Australia chiude il confine tra Victoria e il Nuovo Galles del Sud

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Le autorità hanno lanciato una risposta su larga scala all’epidemia virale a Melbourne

Il confine tra i due stati più popolosi in Australia, Victoria e New South Wales (NSW), dovrebbe chiudersi dopo un picco nei casi di Covid-19 a Melbourne.

L’epidemia nella capitale del Victoria ha visto centinaia di casi nelle ultime due settimane, oltre il 95% delle nuove infezioni australiane.

Finora, i due stati hanno tenuto aperti i loro confini anche quando altri li hanno chiusi.

La chiusura è prevista per mercoledì, ha dichiarato il Primo Ministro Victoria Victoria Andrew Andrews.

Ha affermato di aver seguito i colloqui con il primo ministro Scott Morrison e il primo ministro del Nuovo Galles del Sud Gladys Berejiklian, entrambi i quali in precedenza avevano affermato che la chiusura delle frontiere non era necessaria.

“Siamo tutti d’accordo sul fatto che la cosa migliore da fare è chiudere il confine”, ha detto Andrews lunedì.

  • Perché l’epidemia del virus di Melbourne è peggiorata?
  • L’Australia invia l’esercito a Victoria per combattere Covid-19

“Questa è una di queste misure precauzionali, è una di quelle cose che penso ci aiuteranno a contenere la diffusione del virus in un senso più ampio.”

Aumento giornaliero del numero di casi in Victoria

Andrews ha affermato che coloro che hanno “un inevitabile viaggio” nel Nuovo Galles del Sud potrebbero richiedere permessi, anche per le persone che hanno dovuto attraversare i confini statali per lavorare.

Ha riconosciuto che la chiusura del confine avrebbe probabilmente un impatto economico e sociale significativo.

Ma è stato necessario date “le sfide significative che affrontiamo nel contenere questo virus”, ha detto Andrews.

Victoria ha segnalato 127 nuovi casi lunedì – il suo più grande aumento giornaliero dall’inizio della pandemia.

Le autorità durante il fine settimana hanno decretato una “preclusione assoluta” di nove condomini – confinando 3.000 persone nelle loro case – dopo la scoperta di un gruppo di casi.

La scorsa settimana i residenti di almeno 36 sobborghi hotspot sono stati chiusi in un blocco separato. A differenza di quelli nelle torri, possono lasciare la casa per lavoro, esercizio fisico, cure e generi alimentari.

L’epidemia ha finora minacciato il relativo successo dell’Australia nel sopprimere il virus. Da gennaio, l’Australia ha registrato 105 morti e circa 8.500 casi.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *