Coronavirus: le carte verdi statunitensi saranno sospese per 60 giorni, afferma Trump

Copyright dell’immagine
Getty Images

leggenda

Il presidente Trump ha dichiarato che gli Stati Uniti “devono prima occuparsi del lavoratore americano”

Il presidente Donald Trump ha dichiarato che il suo piano per vietare l’immigrazione negli Stati Uniti durerà 60 giorni e si applicherà solo a coloro che chiedono la residenza permanente.

Trump, che ha annunciato la decisione in un ambiguo tweet, ha affermato che la misura proteggerà gli americani che avevano perso il lavoro a causa del coronavirus.

La decisione non si applica ai lavoratori che entrano temporaneamente.

I critici affermano che sta cercando di distogliere l’attenzione dalla sua gestione della diffusione.

L’immigrazione è stata tradizionalmente un tema di forte campagna per Mr. Trump, ma ha preso posto in secondo piano durante la pandemia e in vista delle elezioni di novembre.

Trump ha detto che il suo ordine esecutivo è in fase di elaborazione e dovrebbe essere completato mercoledì dagli avvocati della Casa Bianca per la sua firma. Il divieto potrebbe essere esteso “molto più a lungo” a seconda della situazione economica, ha affermato.

“Come tutti sappiamo, milioni di americani hanno sacrificato il loro lavoro per combattere il virus e salvare la vita dei nostri cittadini”, ha detto in una conferenza stampa.

Il presidente ha dichiarato che il governo ha un “dovere solenne” per garantire che gli americani trovino il loro lavoro.

“Sarebbe ingiusto e ingiusto per gli americani licenziati dal virus essere sostituiti da nuovi lavoratori immigrati dall’estero”, ha detto.

“Vogliamo proteggere i nostri lavoratori americani e penso che mentre andiamo avanti diventeremo sempre più protettivi nei loro confronti”.

Gli Stati Uniti hanno registrato più casi di coronavirus che in qualsiasi altra parte del mondo con oltre 820.000 casi, secondo la Johns Hopkins University.

Quanto cambierà?

Il divieto è annacquato dal desiderio del presidente di sospendere “tutta l’immigrazione negli Stati Uniti” in un tweet lunedì sera.

Ma mentre una decisione del genere in genere colpirebbe milioni di persone, il divieto di viaggiare per impedire la diffusione di Covid-19 ha già provocato un drastico calo del numero di persone che intendono entrare nel Paese.

Il mese scorso, gli Stati Uniti hanno sospeso quasi tutto il trattamento dei visti, anche per gli immigrati, a causa della pandemia.

Gli Stati Uniti hanno già concordato con il Canada e il Messico di estendere le restrizioni alle frontiere per i viaggi non essenziali almeno fino a metà maggio.

Anche i viaggi sono stati fortemente limitati dai paesi europei e dalla Cina duramente colpiti.

Cosa sono le carte verdi?

In un anno tipico, quasi un milione di carte verdi vengono emesse negli Stati Uniti, garantendo agli immigrati la residenza legale permanente e l’opportunità di richiedere la cittadinanza americana.

La maggior parte delle carte verdi – circa il 70% – va a coloro i cui genitori vivono negli Stati Uniti, secondo un rapporto del Senato degli Stati Uniti del 2018.

Per le carte verdi basate sull’occupazione, una forma comune di status di residente, circa l’80% viene rilasciato a quelli già nel paese, passando da un visto temporaneo a residenza permanente.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *