=

Coronavirus: milioni di persone non hanno ancora ricevuto il testo Covid-19 dal governo britannico

Coronavirus: milioni di persone non hanno ancora ricevuto il testo Covid-19 dal governo britannico

Copyright dell’immagine
Getty Images

Milioni di utenti di telefonia mobile nel Regno Unito devono ancora ricevere un avviso di testo governativo sul coronavirus.

Il messaggio di testo – dicendo alle persone di rimanere a casa – ha iniziato a essere inviato martedì mattina presto.

Ma Vodafone ha confermato che non intende completare il processo fino a mercoledì successivo.

Un esperto ha detto che stava evidenziando il difetto di non avere un sistema in grado di far lampeggiare contemporaneamente un messaggio sui telefoni delle persone.

Vodafone è l’unica delle quattro principali reti britanniche a non aver completato l’attività.

Tre di loro hanno dichiarato alla BBC di aver consegnato il testo a un totale di 10,7 milioni di numeri di telefono.

EE ha dichiarato di aver completato il processo ieri, dopo aver consegnato circa 1.000 messaggi al secondo.

O2 ha anche confermato che tutti i suoi abbonati erano stati spediti per posta.

Vodafone ha dichiarato di inviare SMS in gruppi di milioni di ore, ma mercoledì pomeriggio ha avuto bisogno di un po ‘di tempo per completare il processo.

“Abbiamo inviato la maggior parte dei messaggi e miriamo a completare presto il processo”, ha affermato un portavoce.

“Abbiamo fatto una pausa per inviarli durante la notte in modo da non disturbare le persone mentre dormivano.”

La ditta ha temporaneamente sospeso il processo alle 20:00 GMT per evitare di svegliare i bambini con il telefono. Deve inviare un totale di circa 18 milioni di messaggi di testo.

Il messaggio completo del governo diceva:

CORONAVIRUS ALERT GOV.UK. Nuove regole in vigore ora: devi rimanere a casa. Maggiori informazioni ed esenzioni da gov.uk/coronavirus Resta a casa. Proteggi il servizio sanitario nazionale. Salva vite.

L’ufficio del gabinetto ha testato nel 2014 un sistema che aggirava le reti mobili e inviava messaggi direttamente ai telefoni delle persone, ma non è mai stato sviluppato. Un operatore ha suggerito che era considerato troppo costoso.

Tuttavia, altri paesi hanno finanziato questa tecnologia e l’hanno utilizzata durante l’attuale crisi.

leggenda

Il sistema di allarme di emergenza mobile della Nuova Zelanda consente di inviare messaggi tramite un’ampia tecnologia cellulare a telefoni compatibili

Ben Wood è un consulente di telecomunicazioni che ha contribuito a lanciare il servizio di messaggistica di testo di Vodafone nei primi anni ’90 mentre lavorava per l’azienda.

“L’SMS è attraente per il governo perché è il minimo comune denominatore di messaggistica – può raggiungere molte delle persone più vulnerabili della società che hanno solo un telefono di base.

“Ma non è proprio appropriato perché i testi devono essere inviati in sequenza, il che significa che le persone li ricevono in momenti diversi.

“Ciò di cui abbiamo davvero bisogno è un sistema di emergenza senza fili come quello negli Stati Uniti che consentirebbe al governo di inviare lo stesso messaggio a tutti in una volta, non solo per coronavirus, ma per cose come le principali perturbazioni meteorologiche che compongono la vita “.

Un vantaggio di un tale sistema è che i messaggi possono essere mirati geograficamente, il che significa che possono essere limitati a un’area specifica di una città, ad esempio per aiutare a trovare un bambino scomparso.

Tuttavia, non tutti i telefoni cellulari o le reti supportano l’installazione.

Recommended For You

Avatar

About the Author: Accardi

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

=