Coronavirus: oltre 40 casi di Covid-19 legati al servizio religioso in Germania

Copyright dell’immagine
EPA

Leggenda

I servizi religiosi in Germania sono ripresi, purché siano rispettate la distanza e altre regole

Più di 40 fedeli che hanno partecipato a un servizio dopo che il blocco è stato allentato in Germania all’inizio di questo mese hanno contratto un coronavirus, hanno detto i funzionari.

Il servizio si è tenuto il 10 maggio in una chiesa battista a Francoforte.

I funzionari della chiesa affermano di aver seguito le regole del distanziamento sociale e di disinfettare l’edificio prima del servizio.

Ognuno dei 16 stati tedeschi determina i propri piani di uscita dal blocco. Assia, dove si trovava Francoforte, allentò le restrizioni al culto il 1 ° maggio.

I partecipanti ai servizi devono essere distanti 1,5 m (5 piedi) e dotati di disinfettante per le mani.

Wladimir Pritzkau, vice capo della Congregazione evangelica cristiana battista di Francoforte, ha riferito ai media tedeschi che le regole sono state seguite durante il servizio del 20 maggio.

Sei degli infetti sono stati trasportati in ospedale.

  • Come viene sollevata la serratura in Europa?
  • Non escludere l’estate a Maiorca: un funzionario tedesco

Almeno 16 delle persone infette vivevano a Hanau, a est di Francoforte. Di conseguenza, la città ha annullato una manifestazione di preghiera che i leader musulmani avevano organizzato per questa domenica.

La Germania ha registrato un numero relativamente piccolo di casi e decessi Covid-19, rispettivamente 177.850 e 8.216, secondo il Robert Koch Institute, un’agenzia sanitaria federale.

Ciò ha permesso al Paese di allentare le restrizioni nelle ultime due settimane.

I negozi sono ora riaperti, gli studenti stanno tornando in classe e la Bundesliga è diventata la prima grande lega di calcio in Europa a riprendere dopo la pandemia.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *