Coronavirus: qual è il rischio sul trasporto pubblico?

Copyright dell’immagine
Kirsty O’Connor / PA Media

Leggenda

Alla stazione di Clapham Junction, alcuni posti vengono incollati per separare le persone

Da quando il Regno Unito è stato bloccato, c’è stata una riduzione dei servizi su treni, autobus e aerei, e il governo ha sconsigliato i viaggi, tranne quelli essenziali.

Ora che le restrizioni sono state allentate in Inghilterra, sempre più persone sono incoraggiate a tornare al lavoro.

Il governo dice che dovrebbe invece evitare i mezzi pubblici e camminare, andare in bicicletta o guidare.

Ma se non possono, quali sono i rischi di prendere l’autobus o il treno?

I viaggi in treno e in autobus sono sicuri?

Gran parte del potenziale rischio di infezione su treni e autobus dipende da quanto sono affollati e da quanto lontano puoi stare lontano dagli altri. Questo vale sia per i veicoli che per le fermate e le stazioni e varierà in base alla regione del paese e ai percorsi.

Anche la ventilazione svolge un ruolo importante, poiché l’aria fresca può aiutare le goccioline contenenti il ​​virus a dissiparsi più velocemente, quindi essere in grado di aprire una finestra può essere un vantaggio.

  • Come dovrebbe cambiare il trasporto?

Il coronavirus si diffonde quando una persona infetta tossisce, starnutisce o espira piccole goccioline di aria piena di virus.

Queste goccioline possono entrare nel corpo attraverso gli occhi, il naso e la bocca, direttamente o dopo aver toccato un oggetto contaminato.

Il messaggio coerente del governo è stato quello di rimanere a 2 metri (più di 6 piedi) dalle persone fuori casa.

Copyright dell’immagine
Henry Nicholls / Reuters

Leggenda

Le persone si siedono in metropolitana cercando di mantenere le distanze

Ricerche precedenti hanno suggerito un legame tra i viaggi nella metropolitana di Londra e la probabilità di contrarre malattie respiratorie.

La dottoressa Lara Gosce, presso l’Istituto di salute globale, afferma la sua ricerca (pubblicata nel 2018) hanno dimostrato che le persone che usano regolarmente la metropolitana hanno maggiori probabilità di avere sintomi simil-influenzali.

“In particolare, questo dimostra che i distretti serviti da meno linee – in cui i residenti sono costretti a cambiare linea una o più volte quando viaggiano in metropolitana – hanno tassi più elevati di malattia simil-influenzale, rispetto ai quartieri ben serviti dove i passeggeri raggiungono la loro destinazione in un viaggio diretto “, ha detto.

Se viaggi su un treno o un autobus relativamente vuoto, i tuoi rischi sarebbero diversi. Anche il tempo che passerai nei trasporti avrà un ruolo: passare più tempo a contatto e entrare in contatto con più persone aumenterà il tuo rischio.

Pertanto, “limitare il numero di contatti stretti con individui e oggetti potenzialmente infetti è importante”, secondo il dott. Gosce.

“In termini di viaggio, evita le ore di punta, se possibile”, ha detto, suggerendo che, quando praticabili, i passeggeri dovrebbero scegliere i percorsi che comportano solo una forma di trasporto.

Qual è il consiglio ai passeggeri?

Il governo afferma che le persone dovrebbero “considerare tutte le altre forme di trasporto prima di utilizzare i mezzi pubblici”. Se non possono camminare, andare in bicicletta o guidare fino a destinazione, si consiglia di:

  • Viaggi fuori picco
  • Prendi un percorso meno percorso e riduci il numero di modifiche
  • Attendere che gli altri passeggeri scendano prima di salire a bordo
  • Tenere a 2 m di distanza dalle persone “se possibile”
  • Lavarsi le mani per almeno 20 secondi dopo aver completato il viaggio

Il governo riconosce che potrebbero esserci situazioni in cui le persone non possono stare a 2 metri di distanza, ad esempio durante le ore di punta o quando si sale o si scende dai mezzi pubblici. In tali casi, il consiglio è di evitare il contatto fisico e stare lontano dagli altri.

I governi di Inghilterra, Scozia e Irlanda del Nord hanno anche raccomandato alle persone di indossare le copertine sui mezzi pubblici.

Il governo gallese ha affermato che le persone possono scegliere di indossarlo, ma aggiunge che le prove “non sono abbastanza forti” per renderle obbligatorie.

Le protezioni per il viso possono aiutare a ridurre il rischio di trasmissione in determinate circostanze. In particolare, devono impedire al corriere di trasmettere il coronavirus, piuttosto che proteggerlo dagli altri.

Quali misure di sicurezza adottano i tour operator?

Le reti di trasporto in tutto il paese stanno rafforzando le misure di sicurezza per proteggere il personale e i passeggeri.

Arriva Buses accetta solo pagamenti senza contatto e non darà più resto per i pagamenti in contanti.

Transport for London installa disinfettanti per le mani in tutte le stazioni della metropolitana, dei treni e degli autobus e ha implementato un rigoroso programma di pulizia.

Dice può trasportare solo dal 13 al 15% del suo normale numero di passeggeri in metropolitana e autobus.

La National Rail ha annunciato mercoledì mattina un aumento del 10% del numero di passeggeri rispetto allo stesso periodo della scorsa settimana.

La metropolitana di Londra è cresciuta del 7,3%, con 83.293 viaggi di 10 ore. Ma quella era una frazione del normale volume di passeggeri, che ha visto 1,2 milioni di viaggi di 10 ore nello stesso giorno dell’anno scorso.

Network Rail, proprietaria dell’infrastruttura ferroviaria del Regno Unito, ha pubblicato un nuovo orario lunedì 18 maggio, che ha aggiunto circa 3.000 treni al giorno. Ma la compagnia ha affermato che la capacità dei passeggeri era ancora solo tra il 10% e il 13% dei livelli normali.

Guardie di sicurezza addestrate nel controllo della folla sono state messe in servizio in alcune grandi stazioni mentre alcuni servizi a lunga distanza consentono solo ai passeggeri di salire a bordo dei treni.

Qual è la situazione nel Regno Unito?

In Inghilterra, a coloro che sono autorizzati a tornare al lavoro è stato consigliato di non utilizzare i mezzi pubblici, se possibile.

Alle persone in Galles è stato detto di evitarlo il più possibile.

Servizi di trasporto pubblico limitati operano in Scozia per le persone che hanno assolutamente bisogno di andare al lavoro e la situazione è simile nell’Irlanda del Nord.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *