Coronavirus: Trump dà all’OMS un ultimatum sulla gestione di Covid-19

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Trump accusa l’agenzia delle Nazioni Unite di avere una “preoccupante mancanza di indipendenza” dalla Cina.

Il presidente Donald Trump ha inviato una lettera al capo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), minacciando di ritirare definitivamente i fondi statunitensi per Covid-19.

La lettera fissa un termine di 30 giorni affinché l’organizzazione si impegni a “miglioramenti sostanziali” o rischi di perdere milioni e membri americani.

Indirizzato al capo dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, critica le fasi della risposta dell’organizzazione da dicembre.

Oggi, Trump ha definito l’agenzia delle Nazioni Unite per la salute “il burattino della Cina”.

Il presidente, che verrà rieletto quest’anno ed è stato criticato per la sua gestione della pandemia, ha accusato la Cina di aver cercato di nascondere l’epidemia e ha accusato l’OMS di non ritenere Pechino responsabile .

Ad oggi, gli Stati Uniti hanno oltre 1,5 milioni dei 4,8 milioni di casi confermati di coronavirus in tutto il mondo, con oltre 90.000 decessi.

L’ultimatum di Trump arriva anche in un momento di pressione per l’OMS.

Lunedì il dott. Tedros ha sostenuto una revisione della direzione da parte dell’agenzia pandemica. Disse che una valutazione indipendente avrebbe avuto luogo “il più presto possibile”.

Cosa dice la lettera?

Trump ha pubblicato la lettera su Twitter lunedì sera dopo una giornata di pesanti critiche statunitensi all’agenzia sanitaria.

Il segretario alla salute degli Stati Uniti Alex Azar ha parlato in precedenza all’Assemblea mondiale delle Nazioni Unite per la salute e ha accusato l’OMS di aver lasciato Covid-19 “fuori controllo” al costo di “molte vite “.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaIl segretario alla salute degli Stati Uniti Alex Azar: il mancato ottenimento di informazioni “ha richiesto molte vite”

Nella sua lettera al dott. Tedros, il presidente americano accusa l’OMS di avere “un’allarmante mancanza di indipendenza” nei confronti della Cina.

Tra le sue affermazioni, Trump accusa l’agenzia di “ignorare sistematicamente” quelle che definisce “informazioni credibili” sulla diffusione del virus a Wuhan all’inizio di dicembre o anche prima.

Sempre nella lettera, il signor Trump:

  • Cites riferisce che l’OMS ha ritardato la dichiarazione di emergenza sotto la pressione del presidente Xi Jinping
  • Critica la lode dell’agenzia cinese per la “trasparenza” tra le notizie di censura e mancanza di cooperazione internazionale
  • Accusa l’OMS di non aver commentato la discriminazione razziale legata al virus presumibilmente verificatosi in Cina
  • Il dottor Tedros avrebbe potuto salvare “molte vite” se avesse agito più come il dottor Harlem Brundtland, il capo dell’OMS durante l’epidemia di Sars

Trump, nelle sue conclusioni, sostiene che i “ripetuti passi falsi” del Dr. Tedros e dell’OMS sono stati “estremamente costosi per il mondo”.

“L’unica strada per l’Organizzazione mondiale della sanità è quella di essere in grado di dimostrare la sua indipendenza dalla Cina”, afferma la lettera.

  • Verificate le accuse di Trump contro l’OMS

Trump invita quindi l’organizzazione a impegnarsi in “sostanziali miglioramenti sostanziali” entro 30 giorni, senza specificare cosa significhi.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaTrump ha ripetutamente criticato il trattamento precoce dell’epidemia in Cina

Senza questi cambiamenti, afferma il presidente, gli Stati Uniti renderanno permanente il loro congelamento temporaneo del finanziamento americano e “riconsidereranno completamente la nostra appartenenza all’organizzazione”.

Trump ha annunciato la fine dei pagamenti negli Stati Uniti il ​​mese scorso. Il paese è uno dei principali contribuenti dell’OMS, rappresentando poco meno del 15% dei suoi finanziamenti nell’ultimo anno.

La lettera dell’ultimatum arriva nel mezzo dell’Assemblea mondiale delle Nazioni Unite per la salute, una riunione annuale che coinvolge 194 Stati membri che esaminano il lavoro dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite.

Finora, il forum virtuale è stato dominato dai leader della salute in competizione sul ruolo dell’OMS, nonché sulla pressione per un’indagine su come hanno gestito la pandemia.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *