Critica di “ AKA Jane Roe ”: il documentario FX è molto più della “ confessione del letto di morte ” di Norma McCorvey

loading...

Il titolo di “AKA Jane Roe” è La richiesta di McCorvey che è stata pagata da attivisti anti-aborto per cambiare la sua posizione sui diritti riproduttivi a metà degli anni ’90. “È stato un vero atto”, dice nel documentario, del suo infradito molto ballyhoo – che era stato attribuito a lei diventare una fervente cristiana – sostenendo di essere una “brava attrice”.
McCorvey – chi è morto nel 2017, 69, con aria di sfida dice che non le importa cosa la gente pensa di lei. Ovviamente era una figura complicata, quella che dice di non aver mai abortito. Essendo cresciuta in circostanze difficili, ha dovuto affrontare una gravidanza indesiderata quando è stata reclutata per servire come denunciante in questo caso storico, perdendo in seguito il suo anonimato per essere stata adottata come icona del movimento per i diritti riproduttivi.

McCorvey in seguito ha scioccato i suoi alleati dichiarandosi rinato, trasferendo la sua fedeltà al gruppo anti-aborto Operation Rescue. Era solo l’ultima ruga di quello che un rapporto descriveva come “la furiosa battaglia che imperversava intorno al suo intero nome”, ma non l’ultimo, dato quello che rivela nelle interviste condotte durante l’ultimo anno della sua vita. (L’operazione Save America, un gruppo anti-aborto precedentemente noto come Operation Rescue, ha negato che McCorvey fosse pagato da questo gruppo.)

Sweeney ha una lunga strada da percorrere, tra la macro questione dell’aborto e la storia personale di McCorvey. Se fosse stata una candidata tutt’altro che ideale per i riflettori, come osserva una sostenitrice di un diritto all’aborto, solo una persona con opzioni limitate avrebbe potuto adempiere al ruolo che ha svolto nel discutere contro la legge restrittiva su Aborto in Texas.

Fisicamente fragile e malata verso la fine, McCorvey sembra anche rilassata e non ha paura di dire ciò che pensa. “Tutta la sua vita è stata un tentativo di raccontare la sua vera storia”, afferma Rob Schenck nel film, un ministro evangelico che ha fatto il suo drammatico cambiamento – dal crociato anti-aborto al difensore dei diritti resi possibili da Roe v. Wade – – aggiungendo che spera che il film gli offra un’opportunità postuma.

Come tutto ciò che riguarda l’aborto, il modo in cui le persone vedono “AKA Jane Roe” sarà sicuramente modellato dalla lente ideologica che portano ad esso. Come Sweeney ha detto al Los Angeles Times“Con un problema come questo, diversi giocatori potrebbero essere tentati di ridurre” Jane Roe “a un emblema o un trofeo, e dietro c’è una persona reale con una storia vera.”

Per sentire McCorvey spiegarlo, credeva che fosse usato per un prezzo, anche se la sua versione di questi eventi solleva domande separate sulla sua credibilità. Non sorprende che una copertura avanzata abbia già suscitato critiche nei confronti del film da parte di attivisti anti-aborto.

“AKA Jane Roe” non chiede necessariamente allo spettatore di amare McCorvey; l’obiettivo, il più delle volte raggiunto, è piuttosto quello di presentare un più chiaro senso di improbabile personalità al centro di questo dibattito polarizzato, con tutte le contraddizioni disordinate che la sua eredità implica.

“AKA Jane Roe” in anteprima il 22 maggio alle 21 su FX e il 23 maggio su Hulu.

loading...
Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *