Dalle istruzioni per l’uso alla tintura per capelli: le nostre ricerche sul blocco web

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

La piattaforma di e-commerce Redbrain ha visto milioni di ricerche di peso gratuite durante il blocco nel Regno Unito

YouTube afferma che le persone guardano video istruttivi più che mai mentre cercano nuove abilità mentre si bloccano.

I video con titoli come “how to” e “step by step” vengono visualizzati il ​​65% più a lungo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo la piattaforma.

Nel frattempo, le domande che iniziano con “come …” appaiono sempre più nelle tendenze dei motori di ricerca.

Allo stesso tempo, gli acquirenti online sono sul mercato di piante da giardino, tosaerba, pesi liberi e tinture per capelli.

“Ci sono molte domande su” come fare “, ha dichiarato Nalina Eggert, esperta SEO della BBC.

“Come fare un disinfettante per le mani, maschere e pane, come tagliare i capelli.”

Nalina ha visto un notevole aumento di domande su grammatica, punteggiatura, frazioni, biologia umana e storia dalla chiusura delle scuole britanniche – oltre a specifiche questioni mediche che circondano Covid-19, come se il virus possa essere catturato due volte e se colpisce gli animali domestici.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaAcconciatura domestica: i consigli di base di cui hai bisogno

Poi ci sono tendenze di ricerca più serie: domande su dimissione, numero R e domande mediche specifiche per i sintomi e la prognosi di Covid-19.

“C’è anche una ricerca molto più alta di carte simpatia del solito”, ha aggiunto Nalina.

“È il massimo che sia mai stato. La gente sta cercando di acquistarlo, ma la ricerca più correlata è cosa scrivere su di esso. Immagina che potrebbero essere persone che non hanno mai avuto per inviarne uno prima. Il mio cuore va a loro “.

E su una nota più leggera, c’è una domanda che appare nelle classifiche di Nalina ogni venerdì.

“‘A che ora puoi comprare alcolici in Scozia?’ è una normale ricerca del venerdì. Dobbiamo tutti segnare il fine settimana in un modo o nell’altro “.

(È tra 10 e 22 – prego).

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Questa sensazione venerdì …

Pesi e rulli della toilette gratuiti

Redbrain è una piattaforma di e-commerce. La società ha accesso ai dati di milioni di ricerche sugli acquisti e alla loro traduzione in vendite.

Le principali ricerche condotte nel Regno Unito a marzo e aprile includevano pesi liberi, tosaerba, piante, semi e tinture per capelli.

A marzo, Redbrain ha registrato oltre 2,1 milioni di ricerche di pesi liberi, in crescita di quasi il 4000% rispetto all’attività di febbraio. C’erano ancora oltre un milione in aprile.

Vi sono state anche una o due notevoli tendenze fugaci: a marzo, l’articolo di gran lunga più ricercato era la carta igienica con quasi cinque milioni di ricerche … e ad aprile, ci sono state 2,1 milioni di ricerche di lingerie femminile.

“È facile pensare che il mondo si sia fermato e la vita è in sospeso, ma i nostri dati raccontano una storia diversa”, ha dichiarato il direttore della crescita di Redbrain Alistair Campbell.

“Abbiamo tutti esperienze simili e acquistiamo molte delle stesse cose contemporaneamente.

“La nazione sta entrando nel nuovo” normale “? Al momento è difficile dirlo, ma le informazioni sugli acquisti e sui volumi mostrano certamente che il commercio online si sta evolvendo ed è salutare.”

Crescita abbagliante

L’aumento dell’utilizzo di Internet durante il blocco è stato “incredibile” da osservare, ha affermato John Graham-Cumming, direttore tecnologico della società di sicurezza dei siti Web Cloudflare.

“C’è una crescita naturale che ti aspetti di vedere nel tempo – man mano che le connessioni Internet domestiche migliorano, le persone fanno più cose online.

“Ma nel 2020, abbiamo avuto un anno di crescita in tre mesi”.

Ma non tutti usano Internet per scoprire come farsi i capelli – Cloudflare ha notato che parte di questa “crescita” è stata un aumento del crimine informatico di basso livello.

Questo di solito si presenta sotto forma di attacchi DDOS (Distributed Denial of Service) su piccola scala – quando un sito Web è inondato dal traffico Internet che cerca di metterlo offline.

“Queste sono cose simili al vandalismo”, ha detto Graham-Cumming. “Spesso è fatto dagli studenti – di solito assistiamo ad un aumento di questi attacchi durante le vacanze universitarie”.

Avatar

Accardi

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *