Dr. Disrespect: il mistero che circonda il suo divieto di Twitch

Copyright dell’immagine
Getty Images

Rumoroso, abrasivo e sfacciato – Dr Disrespect è stato uno degli streamer più popolari di Twitch.

Armato di una combinazione unica di muli, baffi e occhiali da sole, ha raccolto sul sito quasi quattro milioni di follower.

All’inizio di quest’anno, il personaggio – interpretato da un ex sviluppatore di giochi chiamato Herschel ‘Guy’ Beahm – ha persino firmato un contratto pluriennale, del valore di milioni di sterline, da trasmettere esclusivamente sul sito.

Quindi, il 26 giugno, la sua catena si è improvvisamente chiusa.

Da allora, i fan hanno speculato sui social media. Ha infranto la legge? Comportamento non appropriato? O violazione del copyright?

Twitch ha condiviso con Radio 1 Newsbeat la stessa dichiarazione che ha pubblicato: “Adottiamo le misure appropriate quando abbiamo prove che uno streamer ha agito in violazione delle nostre linee guida della community o dei termini di utilizzo”.

Non hanno detto altro sull’affare, ma dato quanto sia fondamentale per la piattaforma, ci aspettiamo che i migliori dirigenti del settore se ne occupino.

Negli ultimi giorni la pressione sul sito di streaming si è intensificata per intensificare la sua risposta agli streamer accusati di abusi sessuali, molestie o uso di un linguaggio razzista, sebbene non vi sia alcun suggerimento che tali accuse sono stati fatti sul Dr. Disrespect ancora.

La scorsa settimana alcuni hanno organizzato una dimostrazione che ha visto gli streamer stare lontani dalla piattaforma per un giorno per sensibilizzare su questi problemi.

Twitch ha iniziato a vietare gli account, dicendo che sta indagando sui casi “il più presto possibile” e aggiungendo che sospenderà definitivamente determinati utenti.

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Il dottor mancanza di rispetto con sua moglie – nota come la signora Assassin – ai Game Awards 2017

Disrespect afferma che non gli è stato detto perché il suo feed fosse chiuso.

“Twitch non mi ha informato del motivo specifico della sua decisione.

“Forti strette di mano a tutti per il supporto in questo momento difficile”, ha detto.

Anche sua moglie ha pubblicato su Instagram ringrazia la loro comunità per il loro supporto.

Altri account sono stati eliminati

Brad Jolly, che è andato in onda come BlessRNG, ha avuto il suo canale rimosso dal sito dopo essere stato accusato di abuso sessuale.

Ha rilasciato una dichiarazione dicendo: “Senza pensare, ho fatto cose offensive e odio farlo.

“Ritenete responsabili gli aggressori. Ciò include me.”

Le azioni del sito web seguono una grande discussione online nel settore dei giochi.

Molte persone che lavorano nei giochi hanno condiviso pubblicamente il proprio esperienze di abuso sessuale.

Di recente, gli streamer di Twitch hanno dovuto sbarazzarsi di vecchie clip che potrebbero aver violato la legge sul copyright a causa del modo in cui la musica veniva usata lì.

Non è chiaro in questo momento se i problemi di copyright potrebbero essere alla base delle azioni del sito Web con Dr Disrespect.

La loro dichiarazione afferma che le regole e le condizioni del servizio si applicano “a tutti gli streamer indipendentemente dal loro status o importanza nella comunità”.

Il dottor Disrespect non è estraneo alle controversie dopo essere stato sospeso da Twitch nel 2019 dopo trasmissione in diretta sul sito dall’interno dei bagni pubblici.

È stato anche criticato in passato per la sua caratterizzazione degli accenti cinesi, alcuni sostengono che fosse razzista, qualcosa che ha negato fermamente.

Segui Newsbeat su Instagram, Facebook, cinguettio e Youtube.

Ascolta Newsbeat vivere alle 12:45 e alle 17:45 nei giorni feriali – oppure ascolta di nuovo qua.

Avatar

Accardi

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *