Due uomini del Massachusetts arrestati per cospirazione per contrabbandare l’ex capo Nissan Nissan Nissan Ghosn

Michael Taylor, un ex soldato delle forze speciali, e suo figlio, Peter Taylor, furono accusati in Giappone di aver permesso la fuga di Ghosn e furono emessi mandati di arresto contro di loro e un terzo uomo a gennaio. I due dovrebbero presentarsi alla corte federale di Boston per una prima apparizione mercoledì dopo.

I dettagli dell’estrazione sfacciata, compreso l’uso di due “grandi scatole nere”, sono presentati con una scansione cinematografica in una denuncia che è stata sigillata mercoledì dopo l’arresto dei Taylors. Lo stato del terzo uomo accusato di aiutare la fuga, George-Antoine Zayek, non è chiaro.

Secondo i documenti, Peter Taylor aveva incontrato Ghosn, che era soggetto a rigorose condizioni di cauzione mentre si occupava di crimini finanziari in Giappone, almeno sette volte nei mesi precedenti la fuga.

Alla fine di dicembre, Peter Taylor volò a Tokyo e incontrò Ghosn all’hotel Grand Hyatt. Nel frattempo, Michael Taylor e Zayek sbarcarono a Osaka su un jet privato da Dubai. La coppia portava con sé “due grandi scatole nere”.

“Le scatole nere sembravano apparecchiature audio e Michael Taylor e Zayek hanno detto ai lavoratori dell’aeroporto di Kansai che erano musicisti”, ha affermato la denuncia.

Più tardi, nel pomeriggio del 29 dicembre, i quattro uomini si incontrarono all’hotel di Tokyo. Da lì, Peter Taylor è andato all’aeroporto di Narita e ha preso un volo per la Cina. Gli altri tre, incluso Ghosn, presero un treno per Osaka, dove si radunarono in un hotel.

Alle 20:14, Ghosn, Michael Taylor e Zayek arrivarono in hotel ed entrarono nella stanza 4609. Alle 21:57 Taylor e Zayez lasciarono la stanza con i bagagli, comprese le due grandi scatole, e diretto all’aeroporto.

“Non vi è alcuna immagine di Ghosn che lascia la stanza 4609. Invece, Ghosn si nascondeva in una delle due grandi scatole nere trasportate da Michael Taylor e Zayek”, ha affermato la denuncia.

Il bagaglio è stato sottoposto a un controllo di sicurezza dell’aeroporto senza essere controllato e è stato caricato su un jet privato che è partito per la Turchia. Due giorni dopo, il 31 dicembre, Ghosn annunciò pubblicamente di essere fuggito nel suo paese d’origine, il Libano.

Secondo un appunto sulla detenzione, la polizia ha deciso di arrestare i Taylors dopo aver scoperto che Peter Taylor aveva prenotato un biglietto aereo per il Libano che doveva partire il 20 maggio.

I documenti giudiziari che rivelano gli arresti sono stati evidenziati per la prima volta su Twitter da Seamus Hughes, vicedirettore del programma di estremismo alla George Washington University

Michael Taylor ha già partecipato a audaci estrazioni. Il New York Times ha assunto Taylor dopo che il loro giornalista David Rohde è stato catturato dai talebani in Afghanistan nel 2008, secondo il giornale. Nel 1999, Taylor fu assunto da una famiglia della Carolina del Nord per restituire la figlia che era rimasta intrappolata in Siria con i suoi tre figli dopo essere fuggita da un marito violento, secondo i documenti del tribunale.

Secondo una versione archiviata del suo sito Web, una società di sicurezza che Taylor mancava a Boston, l’American International Security Corporation, affermava di aver effettuato “valutazioni di vulnerabilità” per decine di importanti aeroporti internazionali.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni sui Taylors.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *