Effetto Brexit, cervelli in fuga tornano in Italia: Covid preoccupata

Effetto Brexit, cervelli in fuga tornano in Italia: Covid preoccupata

Per una volta, invece di correre il cervelloItalia, Può essere scritto da qualcun altro. Questa è la storia Veronica Vinciotti, Professore di statistica e Elisa Postingel, Senior Researcher in Geometry and Algebra, rispettivamente, presso la Brunel University, Londra (Londra) E l’Università di Loughborough (Leicestershire) con le loro famiglie. Entrambi hanno espresso preoccupazione per le conseguenze della Brexit sulle dinamiche del mondo scientifico e sono tornati in Italia all’università. Trento, Sotto il Dipartimento di Matematica.

Brexit, Barnier si preoccupa
Kovid: Hogan infrange le regole, von der Lane chiede chiarezza
Coldiretti, le vendite di vino italiano calano del -4%

Veronica Vinciotti, 44 anni, di Gubbio, laureata a Perugia, vive a Londra dal dottorato: “Dopo 22 anni abbiamo salutato Londra con qualche lacrima, ma siamo felici di intraprendere la nostra nuova avventura a Trento”. Descrive il cambiamento nel contesto in cui è stata costruita la Brexit che ha interessato il mondo universitario e il lavoro. Grazie al progetto Erasmus del 1998, io – ha ricordato – ho avuto la possibilità di ricavarne un dottorato, e da lì la Brexit ha iniziato la mia carriera accademica in un clima stimolante. Avrà un effetto negativo.

Nata a Roveretto, Elisa Postingel, 39 anni, è arrivata nel Regno Unito nel 2016 dopo aver completato i suoi studi universitari e post-laurea a Trento, il suo dottorato di ricerca sul Roma Trail ed esperienze in Norvegia, Polonia e Belgio. Osserva: Il Regno Unito è a un bivio a causa della Brexit, che garantisce più posti di lavoro e mobilità studentesca rispetto a qualsiasi altro paese dell’Unione europea. L’impatto finanziario della pandemia è aggravato dalla necessità di assumere molte università britanniche e prevenire altri costi importanti. L’Italia, intanto, sta investendo in un “ritorno del cervello”, e centri di eccellenza come il Dipartimento di Matematica dell’Università di Trento possono attrarre ricercatori e docenti dal Regno Unito e da altri paesi stranieri “.

Insieme a due insegnanti di ritorno dal Regno Unito, Eleonora Anna Romano, 32 anni, di Eris, ha conseguito un dottorato a Torino e una laurea triennale e magistrale a Palermo. Lo studio della geometria algebrica sarà spostato dalla Polonia a Trento da settembre, almeno per un anno. Per il direttore di dipartimento Marco Andreata, il nuovo incentivo è da una prospettiva di genere: “Prima dell’avvento dei colleghi, solo 5 su 46 docenti e ricercatori del Dipartimento di Matematica erano donne. Sotto l’11% “.

Ultimo aggiornamento: 15:28


© Ricostruzione riservata

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *